Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
martedì 19 giugno 2018 | aggiornato alle 22:11 | 54492 articoli in archivio

Il Crea studia il futuro del grano
Il rischio per il 2050 è la pasta scotta

Pubblicato il 09 febbraio 2018 | 17:40

Il Genomic Research Center del Crea ha creato in Emilia Romagna un campo di grano del frutto per studiare gli effetti dell’aumento di anidride carbonica sulla coltivazione e sulla resa del grano.

A pochi metri dal Po, a Fiorenzuola d'Arda (Pc), c’è un campo di grano dove l’aria che si respira e che respirano le piantine non è quella del 2018, ma del 2050, almeno per la parte di anidride carbonica che è di 570-600 parti per milione, ovvero la quantità attesa per la metà del corrente secolo. Qui il Genomic Reserch Center del Crea sta studiando gli effetti dei cambiamenti climatici sul grano per evitare agli italiani uno dei peggiori incubi: la pasta scotta.

(Il Crea studia il futuro del grano Il rischio per il 2050 è la pasta scotta)

Con dosi extra di anidride carbonica, infatti, la produzione aumenta, ma la qualità diminuisce, il grano duro contiene meno proteine, che nella produzione della pasta sono elemento fondamentale per cuocerla al dente, e soprattutto perde quantità di ferro e zinco. Per questo, proprio nella regione delle tagliatelle, si cerca di correre ai ripari grazie al rigore e la precisione degli scienziati del Crea: l’obiettivo della ricerca è capire come sarà la pasta che scoleranno i nostri nipoti.

«Qui - ha illustrato a Bruxelles presso AgriUe, Luigi Cattivelli, direttore del Genomic Research Centre - studiamo gli effetti del mutare delle condizioni esterne sulle piante e vediamo come agire, con il miglioramento genetico, per adattarle a queste nuove condizioni».

Pasta Fiorenzuola dArda grano Genomic research center Crea Emilia Romagna anidride carbonica ferro zinco Bruxelles AgriUe Luigi Cattivelli tagliatelle pasta scotta previsione


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

COMMENTI

14/02/2018 16:06:17
1)
salve sono Antonio Caccese sono agricoltore da sempre e sono più che convinto che il grano duro che nella mia zona (Ariano Irpino) si coltiva da sempre sia di qualità a dir poco ECCELLENTE e ve lo dimostro con il risultato ottenuto l'ultimo raccolto peso specifico 83 proteine 17.2 glutine 14% l'unico problema è la resa per ettaro ql 32 ma se si vuole produrre grano di qualità quello che i pastifici chiedono ma non vogliono pagare bisogna seminare alcune varietà di grano duro che possono portare a questi risultati ma che hanno il difetto se cosi si può definire di non essere molto produttivi a differenza di altre varietà che sono molto produttive(quasi il doppio) ma non hanno le stesse caratteristiche quindi gli agricoltori in maniera molto intelligente visto che non gli viene riconosciuto un prezzo per quello che effettivamente è la qualità. si orienta verso quelle varietà più produttive e di consequenza i mulini comprano grani esteri geneticamente modificati e pieni di pesticidi per aggiustare dicono loro i grani nazionali
ANTONIO CACCESE


Sky
Tomatopiu
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548