Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
venerdì 22 giugno 2018 | aggiornato alle 09:38 | 54519 articoli in archivio
HOME     ALIMENTI     FRUTTA e VERDURA

Il Pachino Igp è a rischio
Causa la globalizzazione del mercato

Pubblicato il 12 febbraio 2018 | 15:36

Coltivato principalmente nel Sud Italia, in particolare in Sicilia, il pregiato pomodorino dalla inconfondibile dolcezza, gustoso e consistente, rischia di sparire dalle tavole a causa del mercato globalizzato.

La sua buccia di un rosso dorato, la polpa gustosa e la dolcezza del pomodoro di Pachino e di altri territori rischiano di essere fagocitate dalla globalizzazione del mercato. Ma che succede a questo “oro rosso” perfetto nelle insalate, superlativo nella caprese, apprezzato in tutto il mondo?

(Il Pachino Dop è a rischio Causa la globalizzazione del mercato)

Nell’ultimo periodo il pomodorino di Pachino ha subito un crollo economico che rischia di rendere anti-economico raccoglierlo dalle serre. Le massicce importazioni dall’estero ne hanno infatti fatto scendere vertiginosamente il prezzo, tanto che gli agricoltori rinunciano a raccoglierlo perché non conviene, e lo lasciano attaccato sulle piante.

Il Fatto Quotidiano riprende la dichiarazione di un imprenditore agricolo che spiega come produrre un chilo di pomodoro costi un euro tra l’acquisto della piantina e i costi della plastica, dei gancetti, delle tasse, degli operai che devono raccoglierlo e poi trasportarlo e la concorrenza venda i pomodorini a 50-60 centesimi al kg, a 30 il pomodoro da insalata. Il confronto dei prezzi sul mercato, è disastroso per gli agricoltori siciliani tanto da portare alla rinuncia della coltivazione.

L’importazione dei prodotti esteri nel nostro Paese causa seri problemi e così anche la distribuzione che, invece di favorire la vendita dei prodotti italiani, li danneggia - sostengono gli agricoltori - perché non si può assolutamente competere.

Il dito viene puntato contro i trattati siglati dall’Unione europea con i Paesi del Nord Africa, a partire da quello del 1996 con il Marocco, che prevedono “misure di liberalizzazione reciproche per i prodotti agricoli” e “per i prodotti agricoli trasformati”. I produttori stranieri hanno costi di produzione più bassi, e per i concorrenti siciliani è impossibile competere.

Si rende quindi necessario un intervento in ambito Ue per salvaguardare una produzione di assoluta qualità come quella del Pomodoro di Pachino Igp che, ricco di vitamina C, sali minerali e antiossidanti, può proteggere da malattie infettive e problemi alla pelle.

pomodorino Pomodoro di Pachino Igp Sicilia Sud Italia Ue Unione Europea agricoltura coltivazione raccolta import Marocco Il Fatto Quotidiano Nord Africa caprese oro rosso


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Sky
Tomatopiu
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548