Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
mercoledì 20 giugno 2018 | aggiornato alle 08:02 | 54492 articoli in archivio
HOME     ALIMENTI     TENDENZE e MERCATO

L'Italia non ratificherà il Ceta
Centinaio: «Produttori non tutelati»

Primo Piano del 14 giugno 2018 | 11:11

Il neo-ministro alle Politiche agricole Gian Marco Centinaio ha messo le mani avanti sul trattato di libero scambio con il Canada: «Tutela solo una piccola parte dei nostri prodotti Dop e Igp». «Chiederemo al Parlamento - ha spiegato in un'intervista sulla Stampa - di non ratificare quel trattato e altri simili».

Il Ceta - Comprehensive economic and trade agreement è l'accordo commerciale di libero scambio firmato il 30 ottobre 2016 da Ue e Canada ed entrato in vigore a settembre 2017. L'obiettivo primario era quello di incrementare il commercio di beni, servizi e investimenti sul mercato canadese.

Gian Marco Centinaio e Roberto Moncalvo (L'Italia non ratificherà il Ceta Centinaio: «Produttori non tutelati»)
Gian Marco Centinaio e Roberto Moncalvo

Un via libera l'anno scorso solo provvisorio, in attesa della ratifica dei singoli parlamenti nazionali: e a questo proposito l'Italia si è espressa ora con le parole di Centinaio. «La decisione di non ratificare il Ceta - ha spiegato Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti, commentando quanto dichiarato dal Ministro Gian Marco Centinaio - è una scelta giusta di fronte ad un accordo sbagliato e pericoloso per l'Italia, contro il quale si è sollevata una vera rivolta popolare su tutto il territorio nazionale, dove hanno già espresso contrarietà 15 regioni, 18 province, 2.500 comuni e 90 Consorzi di tutela delle produzioni a Denominazione d'origine».

Secondo la Coldiretti, l'opposizione al trattato è giustificata dal fatto che con il Ceta si legittima di fatto la pirateria alimentare a danno dei prodotti made in Italy, accordando così esplicitamente il via libera alle imitazioni che sfruttano i nomi delle tipicità nazionali, dall'Asiago alla Fontina, dal Gorgonzola ai prosciutti di Parma e di San Daniele fino al Parmigiano Reggiano. Sempre in base ad un'analisi Coldiretti, sarebbero 250 su 292 le denominazioni che non godono di alcuna tutela nel trattato.

Ad aggravare ulteriormente la situazione, «il Ceta - prosegue la Coldiretti - prevede l'azzeramento strutturale dei dazi per l'importazione del grano dal Canada, dove perlatro viene fatto un uso intensivo di glifosato nella fase di pre-raccolta, sostanza vietata in Italia. E pesa anche l'impatto di circa 50mila tonnellate di carne di manzo e 75mila tonnellate di carni suine a dazio zero da un Paese dove si utilizzano ormoni della crescita vietati in Italia».

«È inaccettabile che il settore agroalimentare sia trattato dall’Unione europea come merce di scambio negli accordi internazionali senza alcuna considerazione del pesante impatto che ciò comporta sul piano economico, occupazionale e ambientale», ha concluso il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo, sottolineando altresì che «all’estero, sono falsi più di due prodotti alimentari di tipo italiano su tre e le esportazioni di prodotti agroalimentari tricolori potrebbero più che triplicare se venisse uno stop alla contraffazione alimentare internazionale, con l’Italia che ha raggiunto nel 2017 il record dell’export agroalimentare con un valore di 41,03 miliardi».

Gian Marco Centinaio Ministro agricoltura Politiche agricole Governo Ceta trattato Canada libero scambio Ue Unione europea Coldiretti Roberto Moncalvo tutela prodotto Made in Italy Dop Igp Stg consumatore imitazione italian sounding


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Sky
Tomatopiu
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548