Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
domenica 20 gennaio 2019 | aggiornato alle 05:42 | 57207 articoli in archivio
HOME     MEDIA     STAMPA, WEB, TV e APP

Propone una ricetta con il gatto Bigazzi licenziato dalla Rai

Pubblicato il 15 febbraio 2010 | 20:14

La Prova del Cuoco finisce nel mirino degli animalisti. La sospensione annunciata in diretta dalla conduttrice della trasmissione, Elisa Isoardi. Dura condanna da parte della sottosegretario alla Sanità Francesca Martini che ricorda le nrome di legge a tutela degli animali d'affezione





Beppe BigazziBeppe Bigazzi (nella foto) è stato sospeso dalla Prova del cuoco. Al programma meridiano di RaiUno, l'esperto nei giorni scorsi aveva consigliato carne di gatto per una ricetta. Cosa questa che aveva scatenato la protesta degli animalisti. Oggi, la conduttrice della trasmissione Elisa Isoardi ha annunciato la sua sospensione.

Un «episodio inaudito per la televisione pubblica. Invierò una lettera all'Autorità garante e al direttore generale dell'Azienda. Massima severità nei confronti dei responsabili», afferma in una nota il sottosegretario alla Salute, Francesca Martini. «Quanto accaduto durante una trasmissione in onda su un canale televisivo del servizio pubblico - si legge nella nota - è di una gravità assoluta. Mi riservo di intraprendere ogni azione del caso e scriverò all'Autorità garante e al direttore generale dell'Azienda affinché vengano presi provvedimenti severi di fronte a dichiarazioni non solo illecite ma anche lesive di una sensibilità, fortunatamente sempre crescente, dei cittadini nei confronti degli animali».

I gatti sono animali d'affezione tutelati dalla legge 281 del 1991 che nell' art. 1 comma 1 recita: «Lo Stato promuove e disciplina la tutela degli animali di affezione, condanna gli atti di crudeltà contro di essi, i maltrattamenti ed il loro abbandono, al fine di favoriràla corretta convivenza tra uomo e animale e di tutelare la salute pubblica e l'ambiente». Inoltre la Convenzione europea di Strasburgo per la protezione degli animali da compagnia reca norme particolarmente severe per la loro protezione, ricorda Martini. «Ai responsabili di quanto accaduto - afferma ancora - potrebbe venire imputato il delitto di istigazione a delinquere previsto dall'art. 414 del Codice Penale, in quanto l'art. 544-bis dello stesso Codice Penale sancisce che "chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da tre a diciotto mesi"». «La magnificazione della bontà della carne felina e l'incoraggiamento al suo consumo, tanto più in una trasmissione di grande ascolto - conclude il sottosegretario alla Salute - rappresentano l'esaltazione di un fatto di reato poiché tale condotta è di per sé idonea all'imitazione».

gaTTI GATTO RICETTA BIGAZZI PROVA DEL CUOCO GATTO IN TAVOLA cibo gastronomia tavola


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Tomatopiu
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548