Italia a Tavola

Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
venerdì 31 ottobre 2014 | aggiornato alle 19.27 | 35293 articoli in archivio
 
 
26 ottobre 2012 11:29
Scoperta nella tenuta Pico Maccario
la rosa "carnivora" che aiuta i vigneti
La tenuta Pico Maccario a Mombaruzzo, piccolo comune dell'Astigiano, ha fatto una straordinaria scoperta tra i suoi vigneti: una varietà di pianta mai vista prima che, per il prezioso ruolo di salvaguardia del vigneto e le sue inconsuete doti da “predatrice”, è stata soprannominata “rosa carnivora”





Una curiosa scoperta è avvenuta a Mombaruzzo (At), piccolo comune nel cuore del Piemonte, noto per gli amaretti e l'ottimo vino. Tra le colline di questo caratteristico paesino, all'interno della tenuta Pico Maccario, è stata individuata una varietà di pianta mai vista prima che, per il prezioso ruolo di salvaguardia del vigneto e le sue inconsuete doti da 'predatrice”, è stata soprannominata 'rosa carnivora”.

L'azienda vinicola piemontese ha diffuso in un video-documentario, girato da una tv australiana, le immagini che testimoniano questo strano fenomeno e immortalano l'istante più atteso: la rosa carnivora in azione. Come spiegano i fratelli Vitaliano e Pico Maccario, l'utilizzo delle rose nelle tenute vinicole deriva da un'antica tradizione contadina che l'azienda ha voluto perpetuare. I viticoltori le piantavano accanto ai filari per proteggere i vigneti, in quanto, in caso di eventuali malattie, le rose fungevano da 'sentinelle” essendo le prime ad essere colpite. Ciò consentiva ai viticoltori di agire in modo tempestivo sul problema per prevenire i danni al raccolto.

Nessuno avrebbe immaginato, però, che questi fiori, nel corso degli anni, da prede prelibate per insetti e parassiti, si sarebbero trasformate in vere e proprie cacciatrici schierate a difesa della salute dei vigneti circostanti. Ad accorgersi dell'insolito fenomeno sono stati un team di agronomi, appositamente convocati dai fratelli Maccario, che, a seguito di numerosi monitoraggi dei terreni, hanno constatato la progressiva riduzione di Polifagi ed altre specie di insetti nocivi per le viti ed un contestuale significativo aumento della quantità di polline all'interno dei loro vigneti.

Dopo mesi di osservazione, la scoperta: sono proprio le rose a produrre il polline utilizzato come esca per attirare le loro prede. La rosa carnivora, come spiega Pico Maccario, sta apportando notevoli benefici ai vigneti dell'azienda piemontese assicurando, grazie alla riduzione di parassiti dannosi, una produzione vinicola di alta qualità.

rosa carnivora vigneti piemonte pico maccario tenuta Mombaruzzo asti Italia a Tavola Enonews azienda cantina produttore

COMMENTI (0) - dì la tua
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
Nome *   Cognome *  
Indirizzo Città
Nazione
Provincia *   CAP
Telefono Professione
Azienda Cellulare
Fax Sito web
E-mail*   Categoria *  
Titolo
Messaggio  
Codice di verifica
    

Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.
RICERCA AVANZATA
Inserisci una o più parola chiave
Sezione
Categoria
Regione
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548