Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
mercoledì 18 ottobre 2017 | aggiornato alle 05:46 | 50772 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TERRITORIO
di Andrea Radic
vicedirettore
di Andrea Radic
vicedirettore

Museo e Parco Archeologico di Locri
Il fascino della storia della Magna Grecia

Pubblicato il 09 agosto 2017 | 14:36

Un luogo nel quale si respira la storia delle origini, dove sacro e profano di intrecciano, tra battaglie, eroi, miti e leggende. «Fare sistema con gli altri siti», l'appello della direttrice del Museo, Rossella Agostino




Il nostro Paese è ricchissimo di tesori culturali, archeologici e paesaggistici. Alcuni di essi sono troppo poco conosciuti e andrebbero promossi di più e inseriti nei principali circuiti di visita rivolti sia agli italiani che agli stranieri. È Il caso del Parco Archeologico di Locri (Rc) e dell’adiacente Museo. Una preziosa testimonianza della Magna Grecia, della storia e della vita dell’epoca, con i resti del Tempio Arcaico di Marasà e le vestigia dell’antica città.

Museo e Parco Archeologico di Locri Il fascino della storia della Magna Grecia

Il complesso museale ed archeologico nazionale di Locri Epizefiri sorge ai confini dell’area sacra di Marasà, nelle immediate adiacenze del tratto d’angolo in cui le mura dopo il loro percorso parallelo alla costa prendono a svilupparsi verso le colline. Siamo sulla costa Jonica della Calabria in provincia di Reggio, lungo la Strada Statale 106 “Jonica”, dove il Museo venne realizzato su progetto dell’architetto Giovanni De Franciscis ed aperto al pubblico nel 1971 con la denominazione di “Antiquarium di Locri”.

Nell’estate del 1998 l’Antiquarium viene elevato al rango di Museo Nazionale riconoscendo la fondamentale importanza dell’area archeologica di Locri Epizefiri nell’ambito del patrimonio culturale del nostro paese. Diverse campagne di scavo sono state realizzate nel corso degli anni, fino a consegnare ai visitatori l’attuale bellissima area di visita.

Museo e Parco Archeologico di Locri Il fascino della storia della Magna Grecia

Tali campagne di scavo, con i loro eccezionali ritrovamenti (quali, ad esempio, la statua detta del “Togato di Petrara”) riproposero il problema di un’area espositiva museale che doveva essere, senza ulteriori attese, ampliata per poter permettere l’esposizione di un numero maggiore di reperti.

Venne, quindi, individuato all’interno dell’area archeologica un edificio privato, il “Casino Macrì”, che realizzato tra il XVIII ed il XIX secolo ed adibito a masseria, inglobava ampie porzioni originali (persino una intera sala con copertura a volta) di una struttura di epoca romana e che, una volta acquisito e debitamente restaurato, avrebbe potuto ospitare, in un’ambientazione decisamente suggestiva, la collezione del periodo romano dei reperti provenienti dal territorio dell’antica Locri.

Museo e Parco Archeologico di Locri Il fascino della storia della Magna Grecia

Il Museo di Locri, diretto dalla dottoressa Rossella Agostino, è anche sede di incontri e dibattiti culturali e luogo di condivisione con i visitatori della cultura del territorio circostante. «Abbiamo numerose idee per valorizzare il patrimonio storico e archeologico - ci racconta la direttrice - l’obiettivo è quello di creare un circuito archeologico della Locride e della Jonica per mettere in rete i diversi siti presenti in questa provincia».

Il complesso vale davvero una visita e l’apprezzamento per il lavoro della dottoressa Agostino è dimostrato dal numero dei visitatori e del pubblico presente alle iniziative di approfondimento.

Per informazioni: www.locriantica.it/sito/museo.htm

archeologia Parco Archeologico Museo miti leggende eroi Magna Grecia Locri territorio Calabria Rossella Agostino


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548