Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
lunedì 18 dicembre 2017 | aggiornato alle 04:34 | 51829 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TERRITORIO
di Andrea Radic
vicedirettore
di Andrea Radic
vicedirettore

Dalle anfore ai vigneti, fino al tonno
Sulle antiche monete la storia del cibo

Primo Piano del 20 agosto 2017 | 09:14

Numismatica e cibo, quale rapporto e quale simbologia lega le monete antiche ad alimenti e vino? Ne parliamo con il professor Daniele Castrizio titolare della cattedra di numismatica all'Università di Messina: «È maggiormente il vino ad essere raffigurato sulle monete, in particolare le zone di produzione»




Eroi e guerrieri, simboli di libertà, giustizia, democrazia, profili di re e imperatori: queste sono le immagini che siamo soliti vedere raffigurate sulle monete, dalle più antiche fino a quelle odierne. Ma anche il cibo e il vino sono stati, in particolare nell’antichità, simboli forti dell’identità di un territorio e scelti per rappresentarli. Oggi la numismatica ne studia le origini e le ragioni.
Dalle anfore ai vigneti, fino al tonno Sulle antiche monete la storia del cibo
«La numismatica può essere strumento di narrazione del cibo», ci racconta Daniele Castrizio, docente di numismatica all’Università di Messina. «Sino ad ora è stata usata principalmente per lo studio della storia delle armi, dei gioielli, del vestiario, per quanto riguarda i riferimenti agli alimenti siamo all’inizio. È maggiormente il vino ad essere raffigurato sulle monete, in particolare le zone di produzione. Va infatti ricordato che i soggetti raffigurati sulle monete hanno valore simbolico più che essere la fotografia di quanto la città che le conia voglia rappresentare, come nel caso delle anfore sulle monete delle “polis” magno-greche».

Un interessante e originale studio ha permesso di scoprire una reale similitudine tra la numismatica e il tonno. «Quando troviamo rappresentato su di una moneta un tonno - spiega il professor Castrizio - troviamo conferma che in quell’area esisteva una tonnara. Piena coincidenza tra fonte e rappresentazione. Non dimentichiamo che il tonno era l’unico pesce che si poteva sacrificare agli Dei, per via del sangue particolarmente scuro. Gli altri pesci non erano sacrificabili».

Dalle anfore ai vigneti, fino al tonno Sulle antiche monete la storia del cibo
Daniele Castrizio

Gli esperti numismatici di Castrizio hanno anche incrociato il proprio sapere con quello dei biologi guidati dal professor Salvatore Giacobbo. Si pensava infatti che alcune raffigurazioni fossero frutto della fantasia, piuttosto che di fonti certe. «I colleghi biologi sono scesi nel dettaglio, codificando attraverso la “tassonomia” i diversi tipi di grano o di orzo, la precisa razza di capre o di altri animali, dimostrando che le monete sono nella quasi totale maggioranza raffigurazione veritiera delle fonti».

Le figure numismatiche sono anche testimonianza e rappresentazione del territorio, una zona particolare per osservare questo rapporto è quella di Naxos, in Sicilia, dove è frequente la presenza della vite, o quelle di Vibo e della Locride dove sulle antiche monete compaiono anfore vinarie. Anche nella scelta del cibo da raffigurare ciascun territorio ha scelto di sottolineare il proprio carattere, in particolare nel settore dell’allevamento.

numismatica moneta tonno grano anfora vigna vigneto vino universita Messina professore Daniele Castrizio


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548