Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
sabato 16 dicembre 2017 | aggiornato alle 15:53 | 51827 articoli in archivio
HOME     PROFESSIONI     PIZZAIOLI
di Sergio Miccù
presidente Associazione pizzaiuoli napoletani
di Sergio Miccù
presidente Associazione pizzaiuoli napoletani

#ilmestieredelpizzaiolo
sia insegnato nelle scuole pubbliche

Pubblicato il 03 novembre 2017 | 08:57

Al traguardo dei 20 anni dalla nascita, l’Associazione pizzaiuoli napoletani ha lanciato una raccolta firme per chiedere di inserire nei programmi degli istituti alberghieri la qualifica di Addetto ai servizi di pizzeria


Era il 1998 quando, con l’intento di tutelare il pizzaiolo, sino ad allora una figura trascurata da tutte le altre associazioni di categoria, nacque l’Associazione pizzaiuoli napoletani. Da allora abbiamo lavorato sodo, talvolta in concerto ma più spesso da soli, per mantenere fede alla “mission” dell’Apn e raggiungere importanti traguardi.

()

Ad esempio, abbiamo dato alla Pizza napoletana un’identità definita, la “Pizza napoletana Stg”; abbiamo valorizzato la pizza napoletana e i prodotti campani d’eccellenza attraverso i nostri associati e insieme alle filiali dell’Associazione pizzaiuoli napoletani presenti in Cina, Giappone, Taiwan, Stati Uniti, Australia, Serbia, Portogallo, Brasile, Croazia, Algeria; abbiamo promosso e organizzato eventi di caratura nazionale e internazionale, come il Guinness world record “La pizza più lunga del mondo”; promuoviamo e sposiamo progetti di onlus come “Pizzerie contro la fame”, rivolto a combattere la fame nel mondo.

Ora siamo vicini al riconoscimento dell’Arte dei pizzaiuoli napoletani come patrimonio immateriale dell’Unesco, grazie alla raccolta di oltre 2 milioni di firme. Il prossimo naturale obiettivo sarà quello di far inserire il mestiere del pizzaiolo all’interno dei programmi scolastici degli istituti alberghieri, con la qualifica di “Addetto ai servizi di pizzeria”.

()

Sono 60mila le pizzerie tradizionali e da asporto attive in tutta Italia, 150mila i pizzaioli e aiuto-pizzaioli impiegati nelle pizzerie nei weekend. E sono numeri in continua crescita. L’Apn non chiede di attivare un Programma operativo nazionale (Pon), ma un percorso formativo triennale specifico che permetta, ai ragazzi che vogliono intraprendere il mestiere del pizzaiolo, di avere un riconoscimento dallo Stato italiano, quindi dal ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Come per la qualifica di operatore dei servizi della ristorazione o la qualifica di operatore dei servizi di ricevimento, chiediamo che l’addetto ai servizi di pizzeria sia una qualifica valida sia in Italia che all’estero, dove il possesso di un attestato fa da discriminante per l’ottenimento del lavoro.

Per raccogliere consensi e stimolare l’interesse verso la proposta abbiamo istituito una petizione sulla piattaforma Change.org, legata all’hashtag #ilmestieredelpizzaiolo, e abbiamo inoltrato al Miur la richiesta di discutere la nostra proposta nelle sedi competenti. È impensabile che non vi sia, per un mestiere così rilevante per l’economia e la tradizione italiana, un programma scolastico in grado di formare i ragazzi e avvicinarli a un mestiere che potrebbe fornire loro degli interessanti sbocchi professionali e lavorativi.

pizzaiolo pizza pizza napoletana Apn Associazione pizzaiuoli napoletani formazione professionale istituto alberghiero scuola pubblica Addetto ai servizi di pizzeria ilmestieredelpizzaiolo


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548