Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
domenica 17 dicembre 2017 | aggiornato alle 03:25 | 51827 articoli in archivio
HOME     ALIMENTI     SEQUESTRI e FRODI

Frutta e verdura spacciate per bio
Maxi frode in Sicilia, nove indagati

Primo Piano del 02 novembre 2017 | 09:44

Frutta e verdura spacciate per bio e vendute in Italia e all'estero: questa la maxi truffa scoperta in Sicilia. Gli imprenditori agricoli indagati avrebbero percepito fondi dall'Ue, con una frode da un milione di euro. I prodotti spacciati per bio infatti sarebbero in realtà stati coltivati con pesticidi tradizionali.

La maxi frode è circosruitta nelle province di Ragusa e Siracusa. I comuni interessati sono stati Modica, Scicli, Ragusa, Ispica, Pozzallo, Vittoria, Acate e Siracusa.

(Frutta e verdura spacciate per bio Nove imprenditori indagati in Sicilia)
(foto: Giornale di Sicilia)

I finanzieri, secondo quanto riporta il Giornale di Sicilia, sarebbero venuti a capo del fatto grazie a perquisizioni e sequestri in nove aziende agricole "biologiche". Ora i nove titolari sono indagati per i reati di frode in commercio e truffa aggravata ai danni dello Stato e dell'Unione europea. Gli indagati avrebbero infatti percepito indebitamente una somma pari a un milione di euro in finanziamenti ed incentivi all'agricoltura.

Non è stata una scoperta casuale o immediata: i finanzieri hanno infatti effettuato per un lungo periodo di tempo indagini tecniche, pedinamenti, appostamenti ed analisi di movimentazioni bancarie, attraverso le quali sono state passate a setaccio le aziende certificate "bio", quindi specializzate nella coltivazione e produzione di prodotti agricoli immuni dall'uso di agenti chimici. Le indagini sono state avviate a inizio 2017.

Ciò che nei mesi trascorsi è stato scoperto interessa un sistema di frode finalizzato alla commercializzazione di prodotti ortofrutticoli derivanti da agricoltura "convenzionale" ma spacciata per "biologica e biodinamica". I Paesi in cui i prodotti sono stati commercializzati sono Italia, Francia, Germania e Inghilterra.

In casi estremi, addirittura, quando la domanda superava effettivamente la disponibilità del raccolto, gli imprenditori avrebbero utilizzato anche merce convenzionale proveniente da terreni non certificati bio di ignari produttori della zona. Inutile dire che anche i risultati delle analisi chimiche in laboratorio sarebbero stati alterati, per poi essere tutti confezionati ed etichettati con la tipica raffigurazione della "fogliolina verde" per essere destinati alla Grande distribuzione ad un prezzo notevolmente superiore a quello di acquisto e produzione.

Sequestrati anche oltre 10mila chili tra prodotti chimici, fertilizzanti, concimi, sementi alterate e pesticidi severamente vietati nell'agricoltura bio, rinvenuti nei magazzini aziendali e nei terreni dichiarati ufficialmente nel Programma annuale di produzione (Pap) delle aziende agricole certificate. Per questo tipo di coltivazioni sarebbero stati illecitamente percepiti contributi in riferimento alla Politica agricola comune europea (Pac). Oltre al milione di euro già citato prima, percepito indebitamente, i finanzieri hanno scoperto un sistema di evasione fiscale di oltre 200mila euro.

Ad essere sequestrata è stata anche tutta la documentazione contabile relativa ai rapporti commerciali intrattenuti dalle aziende indagate con clienti e fornitori nazionali ed esteri, nonché quella extracontabile che era stata nascosta. L'esame della documentazione sequestrata (acquisti e vendite tra il 2015 e il 2017 di prodotti poi destinati a vari clienti in Europa) ha consentito di quantificare in oltre 8 milioni di euro l'ammontare delle movimentazioni di falsi prodotti bio.

frode truffa sequestro Sicilia agricoltura Pac finanziamento bio biologico biodinamico Finanza Ragusa Siracusa


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548