Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
lunedì 18 dicembre 2017 | aggiornato alle 14:15 | 51834 articoli in archivio

Iulm, per il 6° master in Food & Wine
una borsa di studio in memoria di Oltolini

Primo Piano del 13 novembre 2017 | 16:56

Riparte il Master in Food & Wine Communication alla Iulm di Milano, quest'anno giunto alla sua 6ª edizione. La novità è una borsa di studio in memoria del critico Davide Oltolini, un'idea che Italia a Tavola teneva nel cassetto da un po' e che per l'occasione è stata ufficializzata con il Consorzio Vini Oltrepò Pavese.

Un incontro con personalità di spicco del settore si è tenuto oggi presso la sede dell'università per lanciare il nuovo anno accademico.

(Iulm, per il 6° master in Food & Wine una borsa di studio in memoria di Oltolini)

Ad introdurre i “lavori” della giornata di apertura, il direttore scientifico e il coordinatore didattico del Master, rispettivamente Vincenzo Russo ed Errico Cecchetti; con loro Camilla Carrega, academic programs coordinator per il Gambero Rosso.

Molte le voci intervenute poi ad affrontare un mondo tanto variegato quanto sempre più promettente per il Made in Italy: tratteggiando un percorso che dal ruolo del master, con le sue passate edizioni e i suoi obiettivi formativi, giunge fino all'importanza di comunicare una realtà come quella dell'enogastronomia tutta.

(Iulm, per il 6° master in Food & Wine una borsa di studio in memoria di Oltolini)
(foto: Oltrepò Pavese)

Tra gli altri, Emanuele Bottiroli, direttore del Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese; Marco Stenico, direttore commerciale Terre d'Oltrepò - La Versa; Domenico Zaccone, ceo di Goldplast; Fabio Mondini, delegato Ais Monza; l'onorevole Sandro Brandolini, responsabile relazioni istutizionali per la Gambero Rosso Academy Romagna; Christian Castorri, assessore al Turimo del comune di Cesena; Gaia Morara, assessore al Turismo del comune di Cesenatico; Federico Gordini, founder e ceo di Bottiglie Aperte; Alberto Lupini, direttore di Italia a Tavola.

Proprio da quest'ultima “voce” è arrivata l'idea, subito raccolta con entusiasmo dal Consorzio Vini Oltrepò Pavese, di istituire una borsa di studio al più “meritevole” della 6ª edizione del master, in memoria di Davide Oltolini, sommelier, critico enogastronomico e volto noto del piccolo schermo che, per tutta una vita, da vero appassionato, ha cercato formule nuove per spiegare un mondo “attempato” come è quello del vino e del food in genere.

Alberto Lupini e Marco Stenico (Iulm, per il 6° master in Food & Wine una borsa di studio in memoria di Oltolini)
Alberto Lupini e Marco Stenico (foto: Oltrepò Pavese)

Un'idea che Italia a Tavola teneva nel cassetto già da un po' e che con l'inaugurazione del nuovo anno accademico del master è stata ufficializzata dal direttore dei Vini Oltrepò Pavese, Emanuele Bottiroli: il Consorzio ha raccolto l'idea, l'ha fatta propria e l'ha annunciata giusto in occasione dell'avvio del nuovo master. L'iniziativa vuol far sì che i lavori di valorizzazione e divulgazione fatti da Oltolini non finiscano nel dimenticatoio, ma anzi vengano presi a modello per quei giovani che iniziano ora a muovere i primi passi in questa realtà tanto spinosa quanto avvincente per le prospettive di sviluppo del Paese.

Alberto Lupini ed Emanuele Bottiroli hanno in particolare indicato in Oltolini un modello di pulizia e correttezza, nonché di innovazione per quanto attiene all'utilizzo dei nuovi social, che ben giustifica l'aver intestato a lui una borsa di studio per lo studente del master che saprà meglio valorizzare un lavoro di promozione di aziende e territori, puntando su emozioni più che tecnicalità oggi superate.

«La filiera agroalimentare italiana - ha commentato il direttore di Italia a Tavola - oggi ha assolutamente bisogno di nuove forme di promozione e comunicazione sia in Italia, dove c'è una sovrapposizione di modelli aziendali e una scarsa trasparenza rispetto alla qualità, sia all'estero, dove siamo superati su ogni mercato dalla Francia, per quanto riguarda ad esempio il vino, o dalla Germania per il food. Ben vengano in questo contesto iniziative come il Master dello Iulm che si propone di formare professionisti capaci di parlare un linguaggio contemporaneo fatto di efficienza e competenza».

E i nuovi modi di fare comunicazione devono saper eintegrare al meglio territorio, prodotti tradizionali e innovazioni tecnologiche. L'aperitivo che ha fatto seguito all'avvio del master ne è un esempio. Il consorzio Oltrepò pavese ha inviatto a brindare con magnum di Testaerossa de La versa, una delle etichette che hanno segnato la storia della spumantistica italiana e che ora sta tornando ad essere leader grazie ad un cambiamento di gestione e proprietà. Un vino servito nei bicchieri di Goldplast, esempio di tecnologia innovativa che sa trasformare, anche per l'alta ristorazione, uno degli oggetti ritenuti un tempo quasi intoccabili. Il tutto accompagnato da pane e salame simboli di territorio, in questo caso il Miccome e la dop di Varzi. 

Iulm universita master Food and wine communication enogastronomica borsa di studio Davide Oltolini Consorzio Tutela Vini Oltrepo Pavese Goldplast Gambero Rosso Emanuele Bottiroli Marco Stenico Domenico Zaccone Miccone Salame di Vrazi La Versa Testarossa


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548