Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
domenica 17 dicembre 2017 | aggiornato alle 03:18 | 51827 articoli in archivio
di Renato Andreolassi
di Renato Andreolassi

Un premio per giovani agricoltori
Borse di studio intitolate a Pastori

Pubblicato il 15 novembre 2017 | 10:58

Potrebbe essere il “Premio alla follia o ai sognatori” quello inventato a Brescia dalle Istituzioni agrarie raggruppate intitolato a Giuseppe Pastori che nel 1885 lasciò 400 ettari di terreni per una scuola agraria.

Un sognatore-benefattore che oltre 100 anni fa credette nel mondo agricolo. A lui è intitolata la Fondazione che ha istituito il premio per sostenere soprattutto i giovani che lavorano con fatica e impegno la terra. Angelo Balsamo e Marco Rossi, presidente e vice presidente della Fondazione da 14 anni assegnano i riconoscimenti attraverso borse di studio finanziate da Ubi Banca, Onav, Coldiretti, Cast Alimenti, Bs Mercati e varie istituzioni locali.

(Un premio a giovani agricoltori sognatori Borse di studio intitolate a Pastori)

«Seppur giovanissimi abbiamo creduto e crediamo nel sogno di voler vivere in montagna dedicandoci a coltivare piccoli frutti, ortaggi, legumi e un alveare. Siamo un po’ incoscienti e matti, ma è il nostro futuro». Cosi i trentenni Stefania Reali e Simone Frassini che, dopo essersi laureati all'Università della montagna a Edolo (Bs), hanno inventato l'azienda dal nome che è un programma: “Cosa tiene accese le stelle'”. A Bovegno in Alta Val Trompia, sono partiti da zero, senza alcun finanziamento per realizzare il loro sogno. E ci sono riusciti con l'incoscienza e la spavalderia tutta dell'età giovanile. Le doti che hanno guidato un altro premiato, Michele Vescia quando negli anni '60, contro tutti e contro tutto diede vita alle prime doc bresciane, a partire dal Lugana là dove vi era solo argilla incolta.

Vescia è il padre nobile, il papà di tutti i vini di qualità del bresciano, soprattutto quelli che si affacciano sul lago di Garda. Premiato anche Davide Paolini ex allievo dell'Istituto Bonsignori che assieme ad altre tre scuole agrarie bresciane tiene vivo con linfa giovanile il mondo della terra. Un binomio “terra- formazione” che ha origini lontane che risalgono al 1895 quando due preti, Bonsignori appunto e Piamarta diedero vita alla colonia agricola di Remedello tenendo accese le stelle, sul duro lavoro dei campi.

Premio borsa di studio agricoltore giovane Brescia Val Trompia Vescia


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548