Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
venerdì 22 giugno 2018 | aggiornato alle 09:34 | 54519 articoli in archivio
HOME     PROFESSIONI     PIZZAIOLI
di Gabriele Ancona
vicedirettore
di Gabriele Ancona
vicedirettore

L’Arte del pizzaiuolo napoletano
Una vittoria per il made in Italy

Pubblicato il 23 febbraio 2018 | 16:55



È stato un momento di festa. Un incontro per celebrare l’Arte del pizzaiuolo napoletano annoverata a fine 2017 tra i beni immateriali dell’Unesco grazie alla raccolta di 2 milioni di firme. Una vittoria conquistata.

Così al Rossopomodoro del Brian&Barry Building di Milano si sono ritrovati Alfonso Pecoraro Scanio, presidente Fondazione UniVerde e promotore di #pizzaUnesco, Roberto Maroni, presidente Regione Lombardia, Franco Manna, presidente e fondatore di Rosspomodoro, Alessandro Rota, Coldiretti, Jimmy Ghione, inviato di Striscia la Notizia e testimonial di #pizzaUnesco, Tessa Gelisio, giornalista. Un tavolo di peso che ha fatto il punto su questa svolta epocale per il mondo della pizza italiano.

(L’Arte del pizzaiuolo napoletano Una vittoria per il made in Italy)
Roberto Maroni, Alfonso Pecoraro Scanio, Franco Manna, Tessa Gelisio e Jimmy Ghione

«La pizza è il piatto più consumato al mondo - ha sottolineato Pecoraro Scanio - e va ribadito con forza che è italiano, anche se negli Stati Uniti si pensa ancora che questa ricetta sia nata a Chicago. È inoltre il miglior veicolo di promozione del made in Italy, ogni suo ingrediente è un vanto della nostra tradizione». Non a caso Coldiretti, come ha ricordato Alessandro Rota, «si è battuta per raccogliere 1 milione di firme, anche a tutela dell’origine di materie prime come grano, latte, olio, pomodoro» e delle innumerevoli variabili che compongono la farcitura.

«La fama e la caratura dei pizzaioli e della pizza - ha annotato Pecoraro Scanio - sono stati tratteggiati in modo emblematico da un alto funzionario dell’Unesco che ha ammesso che capita molto di rado che una candidatura sia più famosa a livello globale dell’organizzazione che la sta valutando. E il voto è stato unanime».

(L’Arte del pizzaiuolo napoletano Una vittoria per il made in Italy)

Il 2018 è inoltre l’Anno nazionale del cibo italiano, un favorevole incrocio astrale. «L’arte del pizzaiuolo - ha puntualizzato Franco Manna - si rivela a maggior ragione una leva fondamentale per promuovere ovunque il nostro agroalimentare, un baluardo per arginare e bloccare il cosiddetto “italian sounding”. In quest’ambito Rossopomodoro, con i suoi 140 locali in 10 nazioni diverse, è sempre molto attivo».

Proprio come Jimmy Ghione che non si è mai risparmiato nel promuovere a tutto tondo la nostra candidatura. Gonfio di soddisfazione il suo commento: «La pizza ha unito l’Italia». A partire dalla Lombardia, che ha sostenuto subito la candidatura. «Il nostro Paese - ha puntualizzato Roberto Maroni - vanta 53 siti Unesco patrimonio dell’umanità, di cui ben 11 in Lombardia. Le Incisioni rupestri della Valle Camonica, inserite nel 1979, sono state il primo sito italiano».

(L’Arte del pizzaiuolo napoletano Una vittoria per il made in Italy)

Tessa Gelisio ha sigillato l’incontro celebrativo leggendo alcuni passi della motivazione della commissione a favore dell’Arte del pizzaiuolo napoletano: “Un rito sociale in atmosfera conviviale”, “Diventare pizzaiuolo può evitare anche la marginalità sociale”.

arte dei pizzaiuoli napoletani Unesco Pizza Alfonso Pecoraro Scanio Roberto Maroni Rossopomodoro Franco Manna


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Sky
Tomatopiu
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548