Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
lunedì 18 dicembre 2017 | aggiornato alle 21:24 | 51843 articoli in archivio


Deluso da Golosaria

10/11/2009
Caro Direttore, sabato pomeriggio ho lasciato il mio wine bar in provincia di Pavia per venire a Milano ad assistere a Golosaria. Pur essendo vicini a Milano, infatti, noi ristoratori della provincia scontiamo un certo isolamento e per rifornirci di novità siamo costretti a venire in città. Ebbene, direttore, volevo esprimerle tutta la mia delusione per questa fiera che ha fatto si che la mia faticosa gita a Milano si risolvesse in una colossale perdita di tempo. Apprezzando da tempo la professionalità degli animatori di Papillon mi sarei aspettato infatti una selezione maggiore dei prodotti esposti, un livello qualitativo più omogeneo e un'attenzione a noi professionisti come promesso dalle gentili signorine che chiamavano per chiedere la nostra adesione. La realtà è stata invece poco diversa da una (rispettabilissima per carità) sagra di Paese, con pochi prodotti di qualità annegati fra mille produttori anonimi. Peggio ancora è stato per i vini, con una degustazione a caro prezzo per produttori spesso semi-industriali. Insomma, tempo sprecato e tanta tristezza per un'occasione persa di crescita professionale in un momento di crisi. Visto poi che, come evidenziato dal suo giornale, anche altre manifestazioni del gusto hanno presentato le stesse caratteristiche, mi chiedo con tristezza perché noi ristoratori e affini siamo sempre condannato a volare così basso... Lei che ne pensa? Distinti saluti

C. S.
ristoratore - Pavia
Risposta:

Golosaria non è una sagra, e questo va subito chiarito. Se l'edizione di Milano è stata organizzata male, probabilmente dipende dal tipo di aspettative che uno può avere. Condivido che per un professionista della ristopazione possa non essere l'appuntamento più qualificante, e bene fa in questo caso a lamentarsi per essere stato sollecitato ad andare per poi trovarsi deluso. Per un privato magari può essere invece un'occasione per incontrare prodotti nuovi e interessanti. Il problema è semrpe quello di chi organizza fiere (o sagre...) e non chiarisce bene chi sono gli interlocutori. Spesso si fa più attenzione al casetto ed ai numeri che alla qualità. Mi spiace però leggere che questo riguardi anche Golosaria che in passato aveva dato delle prove. Magari qualcuno ce lo potrà spiegare...
a.l.
Clicca qui per accedere all'archivio
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548