Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
lunedì 18 dicembre 2017 | aggiornato alle 14:13 | 51834 articoli in archivio


Voglio fare causa a Tripadvisor

10/11/2011
Commento alla notizia: Le false recensioni danneggiano l'Horeca Sul web servono nomi e cognomi

Salve, mi sono imbattuta per caso nelle vostre discussioni sulle false recensioni di ristoranti in Internet, stavo cercando qualcuno a cui rivolgermi per far causa appunto al sito di tripadvisor, proprio perché sono stata vittima ( diciamo così ) di cattiva pubblicità gratuita e falsa!

Come vedo ci sono tanti imprenditori , non solo della propria azienda, ma anche della loro vita, che hanno avuto lo stesso mio problema. Trovo che, prima di tutto, questo sito non abbia nessun tipo di serietà e rispetto! A me nessuno dei rappresentanti di questo sito e' mai venuto a chiedermi il permesso di essere messa con il nome della mia azienda in mostra sul loro canale di pubblicità, e perciò credo che non sia legale una cosa del genere, visto che , parlando di un canale di informazione come Pagine Gialle tra i tanti, ti chiede il permesso per essere sugli elenchi degli abbonati e ti rilascia tanto di contratto pure se vuoi un sito tuo con tanto di regole e privacy concordate al momento della firma! .....ora in tutta onesta' devo dire che trovo assurdo che ancora in quest'era tecnologica si dia il permesso a chiunque di impedire la crescita di qualsiasi azienda ( perché marchiata da questi siti ) tramite recensioni che il più delle volte sono false!

C'è gente che investe il proprio futuro, specialmente in un periodo come questo , in cui si ha la paura del domani in un paese che politicamente sta sprofondando, c'e  gente che mette a rischio tutti i propri risparmi per far girare e far funzionare un'economia malata credendoci nelle proprie capacita',,c'è gente oltretutto che forse non sa cosa sia il rispetto per il lavoro altrui ed è per questo che si è giunti sino a questo limite! Spero che non si oltrepassi quella sottile linea che ci consente ancora di essere padroni della propria vita, senza lasciarla alla merce' di coloro che non sanno far altro che infangare la dignità della gente onesta che mantiene questo paese pagando le tasse anche di coloro che male sparlano ,evidentemente non hanno nient'altro da fare che dedicarsi a stare tutto il tempo a scrivere recensioni!

Penso di essere una goccia in mezzo al mare ma ci credo nel mio lavoro e mi fa male sapere che non viene più utilizzata intelligentemente la frase: IL CIBO E' UNA QUESTIONE SOGGETTIVA A ME PUÒ PIACERE CIÒ CHE PUÒ NON PIACERE A TE....!!!!!! Così la critica diventa costruttiva e non distruttiva! Scusate se mi sono dilungata nel mio pensiero ma ci sono tante cose ancora da dire....ho il dente avvelenato.....grazie e speriamo in un futuro migliore contribuendo con quello che ognuno può fare e dare!


Olimpia Bono
Cuoca Titolare
Trattoria Griglieria Totano Blu
Risposta:

Cara OLimpia lei affronta un tema che forse ha poche possibilità di essere chiarito se i legislatori, a livello internazionale (prendendo magari l'esempio dalla condanna del Tribunale di Parigi contro Tripadvisor ed altri siti) non si decidono ad affrontare la questione di una indispensabile regolamentazione, partendo dalla privacy, dei siti e dei blog. Il mondod el web è all'insegna della libertà di comuncizione (e questa va salvaguardata sopra ogni cosa), ma al tempo stesso va garantità la dignità di chi è coinnvolto suo malgrado in prese di posizione negative, in commenti o malcedicenze. Sulla stampa o la tv vigono le leggi della rettifica e delle denucne per diffamazione perchè qualcuno comuqneu risponde. Sul web spesso non è così. E l'anonimato diventa quindi uno strumento di sleale concorrenza insieme alla quasi certezza di eludere le regole del corretto giornalismo. Eppure basterebbe semplicemente obbligare chiunque apra un sito o un blog a registrare il tutto in Tribunale. Tutte le nostre inziative su Internet lo sono e a seguito di ciò c'è choi ha responsabilità di ogni cosa che viene scritta, anche se in forma anonima.

a.l.

Clicca qui per accedere all'archivio
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548