Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 19 agosto 2019 | aggiornato alle 18:14| 60422 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli

Crolla il consumo di pane
Il settore chiede lo stato di crisi

Crolla il consumo di pane 
Il settore chiede lo stato di crisi
Crolla il consumo di pane Il settore chiede lo stato di crisi
Primo Piano del 03 luglio 2019 | 16:27

Negli ultimi anni il consumo in Italia è sceso del 40% con un utilizzo pari a 31 chili pro capite l’anno, un livello largamente inferiore rispetto alla media degli altri Paesi dell’Unione europea. Assipan-Confcommercio e Assopanificatori-Fiesa Confesercenti hanno scritto al ministero dello Sviluppo economico.

La tendenza è negativa e prosegue ormai da qualche anno. In Italia si mangia sempre meno pane, addirittura il 40% in meno, rispetto a una decina di anni fa, secondo le associazioni di categoria. Crolla il consumo e il settore ora chiede lo stato di crisi.

Il consumo di pane in Italia è al di sotto della media europea (Crolla il consumo di pane Il settore chiede lo stato di crisi)
Il consumo di pane in Italia è al di sotto della media europea

Dal 2008 ad oggi, fanno sapere Assipan-Confcommercio e Assopanificatori-Fiesa Confesercenti, si contano meno di 3.000 imprese della produzione, meno di 1.000 punti vendita e prezzi del pane costantemente al di sotto dell’indice medio di incremento dei prodotti alimentari a fronte di tariffe per le utenze (acqua, luce, gas) che aumentano a due cifre. Ad aggravare la situazione, poi, la concorrenza sleale della grande distribuzione che utilizza il pane fresco come prodotto civetta e il fenomeno dell’importazione del pane congelato dall’Est Europa.

Sono, dunque, necessarie e urgenti azioni di sostegno alla rivalutazione del “prodotto pane” nell’alimentazione e di valorizzazione della panificazione. Per questo Assipan-Confcommercio e Assopanificatori - Fiesa Confesercenti chiedono il riconoscimento dello stato di crisi del settore e hanno inviato al ministero dello Sviluppo Economico un documento che individua in 10 punti i temi da affrontare e risolvere.

In particolare, le due Associazioni maggiormente rappresentative della panificazione indicano misure di sostegno a favore di imprese e lavoratori che evitino la perdita di posti di lavoro, la costituzione di un tavolo di confronto permanente, azioni per la valorizzazione del pane e dei prodotti da forno, il rafforzamento della lotta all’abusivismo e alla contraffazione, l’istituzione di una Consulta della Panificazione, l’introduzione di modifiche significative per la semplificazione del sistema fiscale, il riconoscimento dell’attività di panificatore come “lavoro usurante”, la tutela dei panifici come luoghi storici della cultura agroalimentare italiana, il contrasto alla vendita sottocosto.

farina pasta riso primipiatti crolla consumo di pane settore chiede stato di crisi ministero sviluppo economico Assipan Confcommercio Assopanificatori Fiesa Confesercenti pane panificatori Consulta della Panificazione

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)