Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 18 novembre 2019 | aggiornato alle 12:36| 62061 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     ALIMENTI     FRUTTA e VERDURA
di Gianni Paternò
Gianni Paternò
Gianni Paternò
di Gianni Paternò

Tra limoni e pompelmi
spunta il "papamango" siciliano

Tra limoni e pompelmi 
spunta il
Tra limoni e pompelmi spunta il "papamango" siciliano
Pubblicato il 20 ottobre 2019 | 10:30

La scommessa vinta dell’azienda agricola Bianco Rosalia, di Sant’Agata Militello, in provincia di Messina. La produzione cresce ogni anno. Attualmente si attesta intorno alle 30 tonnellate.

Si può cambiare vita solo partendo dall’assaggio di un frutto? Secondo quanto è successo a Vincenzo Amata assolutamente sì. Enzo lavorava da oltre 30 anni nell’abbigliamento e nel 2000 assaggia per la prima volta un mango, rimanendone folgorato per la complessità e la piacevolezza del gusto. L’assaggio gli ha illuminato la mente e riscaldato il cuore per cui, visto che possedeva in provincia di Messina 7 ettari di limoni e pompelmi che necessitavano di essere rinnovati, vi pianta nel 2011 le prime 400 piante di mango nella varietà Kensington Pride perché più rustica e resistente, studiando quasi notte e giorno e facendosene una cultura da autodidatta.

Vincenzo Amata (Tra limoni e pompelmi spunta il papamango siciliano)
Vincenzo Amata

Nasce così Papamango, dal nome della contrada, marchio dell’Azienda agricola Bianco Rosalia, la moglie. Ad un certo punto Amata ha preso un consulente per aumentare la produzione e imparare la potatura, poi ha continuato con altre 600 piante della stessa cultivar per raggiungere almeno 20.000 kg/anno e quindi poter fornire i clienti con quantità significative.

La produzione è di circa 30 tonnellate all'anno (Tra limoni e pompelmi spunta il papamango siciliano)
La produzione è di circa 30 tonnellate all'anno

Nel frattempo aumenta la passione e la conoscenza per cui pianta altre cultivar: Kent, Sensation, Maya, Keitt che iniziano ad andare in produzione. Oggi quindi nei quasi 4 ha già piantati si ha una produzione di 30.000 kg/anno in aumento man mano che crescono le nuove piante. Coltivazione che Amata non può fare in biologico perché usa la fertirrigazione e perché in caso di attacco parassitario, che per la delicatezza di alberi di origine tropicale può avvenire frequentemente, è costretto ad effettuare il minimo necessario, solo quando indispensabile, dei trattamenti, quindi una coltivazione intelligentemente sostenibile. I frutti non subiscono alcun trattamento di toelettamento o di lavaggio, sono messi in commercio come raccolti.


Il papamango siciliano (Tra limoni e pompelmi spunta il papamango siciliano)
Il papamango siciliano

Da quest’anno sta sperimentando l’insaccamento del frutto per difenderlo dagli attacchi esterni e per migliorare il microclima.

L'insaccamento dei frutti (Tra limoni e pompelmi spunta il papamango siciliano)
L'insaccamento dei frutti

Il mango riscuote tanto successo presso i consumatori per il suo gusto complesso ed esotico, per la sua dolcezza non esagerata, per le sue qualità salutistiche: è ricco di vitamine, soprattutto A, B e C, di sali minerali tra cui magnesio, potassio e calcio, di antiossidanti, di acqua e di fibre che contribuiscono al benessere dell’intestino; è poco calorico: tra le 50 e le 60 kcal/100g. Per il futuro, oltre all’aumento della superficie a mango, già ci sono 400 alberelli di avocado, una zona a frutto della passione oltre a riprendere un limoneto di qualità visto che i grossisti li richiedono, stanchi di importarne di bassa qualità dall’estero.

Il successo, sempre in esponenziale crescita, di Enzo è dovuto non solo alla bontà della sua frutta, ma anche e specialmente all’entusiasmo e alla competenza che fa trasparire nonché per la serietà, la puntualità e l’affidabilità e per quel carattere di fiero siciliano che è capace anche di sottoscrivere un contratto di fornitura con una semplice stretta di mano.

Una cassetta di frutti appena raccolti (Tra limoni e pompelmi spunta il papamango siciliano)
Una cassetta di frutti appena raccolti

Nella nostra visita abbiamo assaggiato 2 Kensington, uno ancora non perfettamente maturo caratterizzato da un carattere acidulo, speziato e da una dolcezza ancora mitigata che nel maturo si sprigiona, ma senza farlo diventare stucchevole, mentre le altre note si affievoliscono un po’. Poi abbiamo gustato un Maya non in completa maturazione, diverso: meno dolce e dal palato particolare e forte di pesca sciroppata, un gusto che lo distingue dalle altre cultivar. Le macchie nere che si notano nella foto sono dovute allo sfregamento di 2 frutti nella pianta e alla mancanza di pulitura e lavaggio, sono pertanto indice della naturalità del prodotto. Per quest’anno avete tempo fino a novembre per gustare un mango italiano che vi farà convertire all’esotico.

Per informazioni: www.papamango.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


frutta verdura papamango mango sicilia sant agata militello messina azienda agricola Kent Sensation Maya Keittpompelmo limoni Vincenzo Amata

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).