Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 25 gennaio 2022 | aggiornato alle 06:24 | 81260 articoli in archivio

Cipollotto comune - SCHEDA

01 gennaio 2013 | 10:05

Cipollotto comune - SCHEDA

01 gennaio 2013 | 10:05

Il cipollotto, più che ad una vera varietà di cipolla, si riferisce alle cipolle colte ancora immature. Del cipollotto si utilizza sia la parte bianca che la parte verde ed è un ingrediente tipico delle cucine orientali, come quella cinese e giapponese.

Cipollotto comune - SCHEDA

Pianta
Specie appartenente alla famiglia delle Liliacee, conosciuta come cipollotto selvatico, cipolletta amara, cipollaccio con il fiocco e lampascione. È presente sia in pianura che in collina, nei prati perenni, sulle scarpate, nei campi coltivati e spesso nei vigneti.

Coltivazione
Semina. Le piantine si seminano dai 5 ai 10 centimetri di distanza tra loro in solchi distanti dai 30 ai 40 centimetri. Quando la pianta sarà alta circa 20 centimetri, essa viene rincalzata per far sviluppare verticalmente il bulbo e ottenere quella caratteristica forma allungata e bianca. Se si semina in autunno, verso ottobre, la raccolta avviene a marzo. È possibile anche seminare in primavera, verso febbraio o marzo, con raccolte circa due mesi dopo.

Terreno. Il cipollotto richiede lo stesso terreno che richiede la cipolla perché appartengono alla stessa famiglia di colture, quindi un suolo drenante, morbido e ricco di nutrimenti.
Esposizione. La temperatura ideale per questa pianta è di circa 20° ma cresce, anche se un po’ più lentamente, pure a temperature più fredde. Non richiede molte ore di esposizione al sole perché che non ha bisogno di sviluppare il bulbo.
Raccolta. È proprio il tempo di raccolta che differenzia la cipolla dal cipollotto. Quest’ultimo matura in circa 60-120 giorni in base al clima. Va raccolto quindi quando le foglie della pianta sono ancora verdi.

Benessere e salute
È diuretico e depurativo. Fa bene alle vie respiratorie, nell'influenza, nelle riniti, nell'angina, nelle faringiti, polmoniti e bronchiti, grazie alla sua attività antibiotica. È particolarmente utile nelle affezioni alla prostata. Combatte l'ipertensione, la senescenza, l'arteriosclerosi e le affezioni all'apparato urinario. È indicata contro le fermentazioni intestinali e facilita la digestione.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali