Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 20 ottobre 2021 | aggiornato alle 12:11 | 78794 articoli in archivio

Patata comune

01 gennaio 2013 | 10:55

Patata comune

01 gennaio 2013 | 10:55

Nome scientifico
Solanum tuberosum L.




Origine e provenienza
La patata è originaria delle regioni andine dell'America centro-meridionale. È stata introdotta in Europa dopo la scoperta dell'America, prima come curiosità botanica e poi come pianta alimentare. La coltivazione in Italia è iniziata ai primi dell'Ottocento, anche se la sua vera diffusione è stata successiva (fine del secolo).

La produzione in Italia
Con la patata si realizzano in Italia tre tipi di coltura: quella precoce o primaticcia (concentrata in particolare al sud), quella comune (in particolare al nord) e quella bisestile o di secondo raccolto, che occupa una limitata superficie. L'Italia è allo stesso tempo esportatrice (prodotto precoce) e importatrice (prodotto comune e tuberi da semina).

Caratteristiche
I tuberi possono differire per dimensione, forma, numero, colore, caratteristiche del tessuto tuberoso esterno, colore della polpa. Per quanto riguarda la pianta il sistema radicale è ramificato ma superficiale. Presenta una parte aerea costituita da un fusto grigio-verde alto 50-100 cm da cui si dipartono le foglie di colore verde brillante, irregolarmente pennate, con la pagine inferiore ricoperta da fine peluria. I fiori di colore bianco, rosato violetto formano dei corimbi.

Coltivazione
La coltura trova condizioni ottimali in climi temperati, benché spostando il ciclo colturale si adatta a climi diversi. Il gelo danneggia le foglie e arrestalo sviluppo dei tuberi. Predilige un terreno profondo ben lavorato, sciolto, areazione acida, ricco di sostanza organica, e di potassio, fosforo e con poco calcio e soprattutto privo di pietre per evitare che le nuove patate crescano deformi. Sul terreno ben lavorato, si tracciano dei solchi ad una distanza sulle file di 50-60 cm. I tuberi interi o in pezzi provvisti di due gemme, vengono distribuiti ad una distanza di 25-30 cm e ricoperti di terra sciolta per uno spessore di 3-7 cm.

Benessere e salute
Ha un elevato contenuto di amido e un discreto contenuto in proteine e sali minerali: potassio, ferro, fosforo, calcio, manganese, sodio, rame e zolfo. Le vitamine presenti, B1, B2, B6, C, tendono a diminuire con la conservazione.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali