Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 27 settembre 2021 | aggiornato alle 12:42 | 78170 articoli in archivio

Italian Cheese Day La semplicità esalta il Made in Italy

di Vincenzo D’Antonio
09 settembre 2019 | 16:12

Italian Cheese Day La semplicità esalta il Made in Italy

di Vincenzo D’Antonio
09 settembre 2019 | 16:12

Al ristorante italiano Acqua Alta di Tampa Bay quattro formaggi Dop italiani, accompagnati da vini del Sannio, sono stati portati in degustazione in occasione della 9ª edizione della manifestazione.

Al ristorante italiano Acqua Alta di Tampa Bay quattro formaggi Dop italiani, accompagnati da vini del Sannio, sono stati portati in degustazione in occasione della 9ª edizione della manifestazione.

Da salvaguardare, sebbene difficoltoso a farsi, l’approccio "bottom-up" nel mercato Usa del made in Italy agroalimentare che prevede una richiesta diretta del singolo consumatore. Altisonanti (e utili, in termini assoluti), sono le presenze ai food show, in grado di intercettare e coinvolgere i grandi numeri. Ma impattare direttamente sui consumatori finali è necessario per un incremento costante dei consumi.

I quattro formaggi presentati (Italian Cheese Day La semplicità esalta il Made in Italy)
I quattro formaggi presentati

E l’approccio "bottom-up" si è avuto la scorsa settimana in Tampa Bay (Florida), al ristorante italiano (italiano davvero) Acqua Alta, in occasione della nona edizione di Italian Cheese Day. Quattro i formaggi Dop coinvolti, due di essi nella loro duplice versione di pressato/allevo, l’Asiago Dop, dolce/maturo e il Pecorino Toscano Dop. E poi, un prezioso Parmigiano Reggiano Dop stagionato 30 mesi ed una preziosa Mozzarella di Bufala Campana Dop di appena 72 ore, insomma, il tempo di arrivare negli Usa.

Pubblico competente, ben pronto a cogliere le affinità e le differenze tra i vari formaggi Dop, raccontati in modo paziente e appassionato. Tre i criteri fondamentali che rendono attenta la competente audience: “Chi è tua madre”, ovvero da quale animale proviene il latte; “Quanto tempo hai” ad intendere se l'tua età è misurabile in giorni oppure in mesi oppure in anni; “Da dove vieni” ad intendere se la provenienza del latte, al netto delle altitudini (che comunque hanno loro importanza) ma in funzione delle latitudini, esprime provenienza nord-est, nord-ovest, centro, sud.

Risotto al Parmigiano Dop (Italian Cheese Day La semplicità esalta il Made in Italy)
Risotto al Parmigiano Dop

Insomma, una sorta di aree Nielsen qui rinvigorite ed attualizzate. In ossequio al Sannio divenuto quest'anno Capitale Europea del Vino, i due vini in abbinamento sono il Sannio Greco Dop e l’Aglianico del Taburno Riserva Docg, entrambi dell’azienda vitivinicola Fontanavecchia, dal patron Libero Rillo magistralmente diretta e presente sul mercato Usa. Ed il Sannio Greco Dop in maniera suadente, quasi come una vellutata costante carezza, accompagna la degustazione dell’Asiago Pressato Dop e del Pecorino Toscano Dop, mentre vigoroso, autorevole, maschio e robusto, contrappone la sua ammirevole vigoria l’Aglianico del Taburno Docg Vigna Cataratte, all’Asiago d’Allevo Dop, al Pecorino Maturo Dop e al Parmigiano Reggiano Dop stagionato 30 mesi.

Polenta con Asiago (Italian Cheese Day La semplicità esalta il Made in Italy)
Polenta con Asiago

Al riguardo del Parmigiano Reggiano, si è fatto riferimento esplicito alla lotta all'Italian Sounding su cui il Consorzio è da sempre molto impegnato (il giro d’affari del falso Parmesan fuori dall’Unione europea si aggira attorno ai 2 miliardi di euro, circa 200mila tonnellate di prodotto, ossia 15 volte il volume del Parmigiano Reggiano esportato), ma che è diventato di nuovo particolarmente caldo.

Mozzarella di bufala Campana Dop (Italian Cheese Day La semplicità esalta il Made in Italy)
Mozzarella di bufala Campana Dop

Tripudio di contrappunti, talvolta armonici e facili, soprattutto per il bianco, talvolta di difficoltosa, con ciò intendendo non immediata comprensione, per il rosso. A concludere l'assaggio, una sorta di cerniera con il pranzo della domenica, una pregevole Mozzarella di Bufala Campana Dop guarnita con crema di basilico: nei calici il Sanno Greco Dop.

Pappardelle all buttera (Italian Cheese Day La semplicità esalta il Made in Italy)
Pappardelle all buttera
Tutto squisito, tutto ragguardevole e ben gradito dal pubblico costituito da gourmet amanti del buon cibo (e del buon vino) made in Italy. Menzione da applauso per le pappardelle alla buttera (pappardelle fresche fatte in casa) connotate e rese così squisite dall’accorto utilizzo del Pecorino Toscano Dop del Caseificio Sociale Manciano. Da menzionare per quanto squisiti, il risotto al Parmigiano Reggiano Dop e la Polenta con Asiago fresco Dop.

Un ristorante italiano “vero” e non soltanto italian sounding, quale vivaddio Acqua Alta risulta essere, grazie all’encomiabile serietà dello chef patron Paolo Polo, un insieme di formaggi Dop provenienti dall’Italia, grazie al diligente ausilio dei pertinenti Consorzi, un’accoppiata di grandi vini generosamente resi disponibili da un avveduto wine maker sannita, ed una diligente e non dilettantesca narrazione di quanto è, semplice e radioso a narrarsi, il nostro made in Italy. Insomma, nulla di più; una semplicità che non è detto che sia così tanto difficile a farsi. E già si lavora all’edizione del decennale schedulata per il marzo 2020.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali