Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 12 agosto 2020 | aggiornato alle 02:01| 67177 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
HOME     ALIMENTI     TENDENZE e MERCATO

McDonald's, sciopero dei dipendenti
Le prime proteste anche a Roma e Milano

McDonald's, sciopero dei dipendenti 
Le prime proteste anche a Roma e Milano
McDonald's, sciopero dei dipendenti Le prime proteste anche a Roma e Milano
Pubblicato il 06 settembre 2017 | 09:37

Salari bassi e contratti svantaggiosi: le proteste contro McDonald's partono dagli Usa e arrivano in Gran Bretagna. Volantinaggio e flash mob anche a Roma e Milano, contro scarso numero di ore e salari non adeguati

Volantinaggio e proteste per i dipendenti di Mc Donald's e, più in generale, dei fast food, in tutto il mondo. La protesta è partita dagli Stati Uniti, dove è stato dichiarato lo sciopero nazionale, secondo lo slogan #FightFor15 (dove 15 dollari sono l'obiettivo di un salario minimo garantito); ma si è diffusa anche in Europa, toccando per l'Italia i poli di Roma e Milano, con - da quanto riportato dal Fatto Quotidiano - un flash mob davanti alla Camera di lavoro Cgil a Milano e volantinaggio alla stazione di Termini a Roma.

McDonald's, sciopero dei dipendenti Le prime proteste anche a Roma e Milano
foto: The Submarine

Italia
Nel Belpaese è la Filcams Cgil (affiliata all'International union of food) ad aver organizzato ieri una protesta all'esterno dei fast food delle principali catene. «Protestiamo contro scarso numero di ore, salari non adeguati e part-time forzato, tutti fattori che fanno aumentare il livello di precarietà»: questo quanto detto da Luca De Zolt, della segreteria nazionale Filcams Cgil, a Il Fatto Quotidiano.

A Milano si è svolto a cominciare dalle 9.30 di mattina, un flash mob nel piazzale antistante la Camera del Lavoro Cgil e, contemporaneamente, a Roma, è stato fatto volantinaggio alla Stazione Termini.

«La situazione complessiva nel nostro Paese - sottolinea ancora la Filcams Cgil, su La Rassegna - non è certo rosea: il contratto collettivo nazionale è scaduto 4 anni fa e Fipe Confcommercio, fino a oggi, ha sempre vincolato l'eventuale raggiungimento di un accordo a un netto taglio del costo del lavoro, peggiorando le condizioni normative e salariali per quasi un milione di addetti che operano nel settore della ristorazione».

Gran Bretagna
In Gran Bretagna, in una delle città universitarie per eccellenza, Cambridge, si è tenuto primo sciopero dei dipendenti di McDonald's della storia. La protesta è unita ai lavoratori di Crayford, nel sud-est di Londra, iniziata ieri mattina all'alba. Anche il partito laburista di Jeremy Corbyn, confitto da Theresa May alle elezioni dello scorso giugno, appoggia la mobilitazione.

«Il nostro partito offre supporto e solidarietà al coraggio dei dipendenti di McDonald's, che oggi stanno facendo la storia. Stanno combattendo per i diritti dei lavoratori di McDonald's per la prima volta nella storia inglese. Le loro richieste sono giuste e devono essere soddisfatte».

Gli obiettivi sono chiari: da una parte, «non abbiamo scelta. Vogliamo essere trattati con rispetto ed essere pagati almeno 10 dollari l'ora», dicono i lavoratori statunitensi; dall'altra si mira all'abbandono degli zero-hours contracts, contratti simili ai lavori "a chiamata" e part-time in Italia, entro la fine dell'anno.

L'HuffPost Uke riporta le motivazioni della partecipazione allo sciopero inglese di uno dei dipendenti, Lewis Baker: «Non abbiamo altra scelta. Dobbiamo aumentare la consapevolezza sulle nostre condizioni di lavoro e il modo in cui siamo trattati da McDonald's. Io e molti altri siamo sempre stati ignorati dall'azienda».

«Studio all'università - ha spiegato Baker - quindi inizialmente pensavo che avrei potuto andare al lavoro dopo la fine delle lezioni. Ma negli ultimi mesi la mia vita è cambiata. McDonald's ha il potere sulla mia vita: decide se posso andare dal medico, in università e addirittura se posso vedere la mia famiglia e i miei amici».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


McDonalds fast food sciopero contratto salario salario minimo dipendente Gran Bretagna Cambridge flash mob Milano Cgil Roma volantinaggio HuffPost

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®