Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
martedì 19 marzo 2019 | aggiornato alle 08:56 | 58044 articoli in archivio
HOME     ALIMENTI     TENDENZE e MERCATO

Caffè, piadina e alcolici più cari
Aumenti al bar dei parlamentari

Pubblicato il 14 gennaio 2019 | 11:16

È il secondo rincaro in 3 anni e qualcuno pare che non l’abbia preso affatto bene. Un euro per un caffè, come in qualsiasi altro bar, 3,85 euro per la classica piadina. Sono i nuovi prezzi della buvette di Montecitorio.

Le tariffe sono state ritoccate all’insù con la ripresa dei lavori del Parlamento, dopo le festività natalizie. Il rincaro è in media di circa il 10%: dieci centesimi in più per una tazzina di caffè, cinque per una bottiglietta d’acqua (portato da 50 a 55 centesimi), venti per una coppetta di frutta, che ora costa 2,20 euro.

(Caffè, piadina e alcolici più cari Aumenti al bar dei parlamentari)

La “stangata” riguarda anche aperitivi, fritti e pizzette: i cocktail alcolici sono arrivati a toccare i 4,95 euro, un bicchiere di prosecco (con annesse patatine, noccioline e snack), costa 4,40 euro e una spremuta 2,75 euro. Insomma, prezzi più “popolari”, che si avvicinano ormai a quelli degli altri locali presenti fuori dal Palazzo, anche se un trancio di pizza rossa costa appena 1,10 euro. Il motivo dei rincari sta nel cambio della società che ha preso in appalto il servizio di ristorazione, oggi gestito dalla cooperativa Cir Food. «La Camera dei deputati - ha detto all'Adnkronos il direttore della Comunicazione, Daniela Fabbi - ha introdotto per la prima volta nel bando i criteri ambientali minimi, chiedendo l'applicazione dei cosiddetti 'Cam'. Questo comporta la scelta di categorie merceologiche di maggiore qualità dei prodotti a cui corrisponde un leggero adeguamento dei prezzi». Insomma, si spende di più perché i prodotti offerti sono migliori (e, dunque, costano di più).

Soddisfazione per l’avvicendamento della società di gestione del servizio è stata espressa dal deputato grillino Federico D’Incà, che ha commentato: “Iniziamo l'anno con il piede giusto. Nel nuovo appalto la Camera dei deputati non paga più il canone annuale di gestione per la buvette. Complessivamente l'amministrazione e quindi i cittadini risparmiano euro 189mila sul totale dell'appalto per la ristorazione interna».

alimenti rincari Parlamento Montecitorio Camera dei Deputati buvette bar caffe piadine pizze aperitivi Cir Food


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Sky
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548