Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
lunedì 18 marzo 2019 | aggiornato alle 17:22 | 58039 articoli in archivio
HOME     ALIMENTI     TENDENZE e MERCATO
di Guerrino Di Benedetto
di Guerrino Di Benedetto

Una ciotola salverà il mondo

Pubblicato il 18 gennaio 2019 | 08:45

Molte volte ho scritto dei trend che caratterizzano ormai da anni il mondo della ristorazione, dal fast food allo slow food, passando per vegani, carnivori, all you can eat, ecc


Ma non avrei mai pensato che la ciotola - sì, avete capito bene, la vecchia e cara ciotola - avrebbe riconquistato le tavole di mezzo mondo. Tutto nasce in India dove nei locali più trendy di Mumbai è riapparsa la Buddha Bowl, una ciotola locale che è diventata l’emblema del comfort food indiano e che ora sta spopolando anche negli Usa e nel Nord Europa, tanto che la famosa chef e scrittrice inglese Nigella Lawson ne ha tessuto le lodi nel suo libro “Simply Nigella. Il piacere del cibo”, dove nel capitolo “Il cibo che conforta” le definisce «un antidoto alle delusioni della vita».

(Una ciotola salverà il mondo)

La professoressa americana Helen Zoe Veit, esperta di storia del cibo, scrive che la Buddha Bowl sostituirà i piatti nelle mise en place dei ristoranti: «È fotogenica, ideale per unire una varietà di alimenti colorati e incarna un approccio molto più casual al cibo». Insomma, per gli americani e gli europei la ciotola rappresenterebbe una sorta di novità a tavola, anche se magari si dovrebbe dire che è una “novità” che ha circa 6mila anni di storia.

Non si sa perché la si chiami Buddha Bowl, anche se una delle spiegazioni più accreditate dice che debba il suo nome alla forma della pancia del Buddha. E da noi? In Italia alcune aziende alimentari che riforniscono la Gdo hanno già fiutato il business e hanno creato le “ciotole del benessere”; qualche locale copiando un po’ dalla tradizione orientale ha cominciato ad usarle per comporre piatti veloci per il pranzo; infine qualche chef/dietologo/medico ha fatto degli esperimenti di ciotola colorata abbinando calorie e fattori nutrizionali.

Ma ricordo a tutti che la ciotola appartiene alla nostra cultura da secoli. In Friuli i contadini vi servivano la jota, in Toscana il caciucco e in genere le tante varietà di minestre. Forse a parte i colori della moderna cucina “fusion”, sarebbe bello che qualche cuoco tornasse ad usarla per servire qualche vecchia zuppa calda che con l’arrivo dell’inverno sarebbe l’ideale. Sì, perché la ciotola serviva anche a scaldare le mani e magari oggi potrebbe scaldare anche i nostri cuori.

ciotola alimenti tendenze Buddha Bowl cucina indiana cucina fusion cucina etnica tavola ristorazione salute


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Sky
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548