Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 16 novembre 2019 | aggiornato alle 22:45| 62052 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     ALIMENTI     TENDENZE e MERCATO

Giornata dell'Alimentazione
Una dieta sana rende anche felici

Giornata dell'Alimentazione 
Una dieta sana rende anche felici
Giornata dell'Alimentazione Una dieta sana rende anche felici
Primo Piano del 16 ottobre 2019 | 07:11

Oggi si celebra nel mondo una giornata dedicata ai corretti stili di vita che passano dalle buone abitudini a tavola. Il nutrizionista Sacha Sorrentino e il cuoco Stefano Baiocco tracciano la giusta via da seguire. Un modo di mangiare equilibrato riduce anche gli sprechi alimentari e, di conseguenza, favorisce il rispetto dell'ambiente.

Oggi in tutto il mondo si celebra la Giornata Mondiale dell’Alimentazione indetta dalla Fao per sensibilizzare l’opinione pubblica internazionale sul tema. Quando si pensa all’alimentazione spesso si fa l’errore di confonderla con il problema della fame nel mondo. In realtà questo non è l’unico fattore sul quale bisogna ragionare. È probabilmente l’obiettivo finale tradotto dalla stessa Fao con lo slogan #famezero, ma per raggiungerlo occorre affrontare problemi “intermedi” che possano poi portare all’arrivo.

Una corretta alimentazione innesca un circolo virtuoso utile all'individuo e all'ambiente (Giornata dell'Alimentazione Una dieta sana rende anche felici)
Una corretta alimentazione innesca un circolo virtuoso utile all'individuo e all'ambiente

L’alimentazione tocca diversi aspetti come quello dell’obesità, un fenomeno internazionale in continuo aumento (che tocca da vicino anche Italia come abbiamo avuto modo di raccontare), ma anche come quello dello spreco alimentare e - dunque - di un abuso delle risorse naturali che sta diventando ormai insostenibile. Rimboccarsi le maniche è dunque d’obbligo, anche perché l’umanità è ormai in svantaggio rispetto alla Natura e l’impegno deve essere maggiore. Avviare un circolo virtuoso che tocchi tutti gli attori sociali è il “clic” che deve scattare e le cucine - domestiche o dei locali pubblici - sono senz’altro uno dei luoghi caldi da cui far partire questa risalita. I cuochi sono consapevoli di ciò, l’attenzione ad un utilizzo sempre più mirato del cibo si alza di giorno in giorno sia in ottica risparmio che in ottica alimentazione corretta per un benessere dell’individuo. Stefano Baiocco, chef due stelle Michelin di Villa Feltrinelli (da poco inserita dalla guida dell’Espresso nei guru da “Cinque Cappelli), ha inquadrato la situazione in questa intervista concessa a Italia a Tavola. «In cucina - spiega - temi come quello dello spreco alimentare o della salute sono molto considerati. Il discorso dell’attenzione allo spreco è nel dna di chi - come me - ha fatto la gavetta vera nel corso della sua formazione. Anche i cuochi come posso essere io che lavoriamo in strutture di prima fascia, stiamo molto attenti a buttare meno cibo possibile proprio per un discorso di etica anche se nell’immaginario comune qualcuno può pensare che nelle nostre cucine potremmo concedercelo».

Stefano Baiocco (Giornata dell'Alimentazione Una dieta sana rende anche felici)
Stefano Baiocco (foto: Identità Golose)

Da parole e teorie ai fatti che poi sono quelli che contano davvero. «Parlare di concretezza - ammette Baiocco - è ancora difficile. Ma io faccio un esempio che riguarda la mia cucina e quella dei miei collaboratori: noi quando facciamo una zuppa di verdure, il classico minestrone, tutti i ritagli di verdura che facciamo li utilizziamo per fare un primo brodo nel quale poi andremo a cucinare tutto il resto degli ingredienti». Ma le nuove generazioni di cuochi sono educate ad una riduzione drastica di rifiuti alimentari? «Penso - risponde Baiocco - che bisogna avere dei buoni maestri che insegnino i giusti dettami per proseguire sulla strada giusta. Io cerco il più possibile di trasferire ai miei collaboratori ciò che io ho imparato in questo senso nel corso degli anni. Ma vedo anche che c’è l’interesse delle scuole, recentemente un istituto vicino alla mia struttura mi ha proprio chiesto di andare a parlare della mia esperienza, si fa il possibile».

Dall’altra parte viene da chiedersi quanto i cuochi sentano la responsabilità di essere potenzialmente degli attori protagonisti della lotta allo spreco. «Credo che non sia necessario fare esperienze di alto livello - osserva - tutto passa da un percorso gradino dopo gradino. Il cuoco di un ristorante medio dosa le gocce di olio perché sa che deve tenere sempre un occhio attento all’economia del suo ristorante. Magari non misura le gocce per salvare il mondo, lo fa più per il suo “orticello”, ma questo gesto resta comunque come qualcosa di positivo e funzionale alla battaglia che è di tutti».

Cucine, ma non solo. L’aspetto dell’alimentazione - come detto - tocca anche da vicino la salute. “Siamo quello che mangiamo” è lo slogan più utilizzato, perché è vero. Diete sane permettono di vivere meglio e anche più a lungo, è dimostrato. Sacha Sorrentino, di professione nutrizionista, fa di questo principio un mantra che cerca assiduamente di trasmettere anche ai suoi pazienti. «La gente adesso è molto attenta - spiega - ha già un’idea di quelli che possono essere gli alimenti giusti e quali quelli sbagliati. Quello manca spesso è un metodo: magari mangiano cose giuste, ma non disposte in maniera corretta dal punto di vista cronologico per quello che è il loro stile di vita. Molte volte magari ci si mette molto più tempo a togliere quelli che sono concetti sbagliati derivanti da abitudini del passato e a dare invece quella che è una vera e propria educazione alimentare, aggiornata con gli studi di oggi».

Sacha Sorrentino (Giornata dell'Alimentazione Una dieta sana rende anche felici)
Sacha Sorrentino

Ma quali sono gli individui che si rivolgono con maggior frequenza ad un nutrizionista, consapevoli che mangiare bene… fa bene? «Sono persone tra i 30 e i 50-55 anni - risponde Sacha Sorrentino - forse perché sono quelle che hanno già acquisito un’autonomia economica e possono permettersi di mangiare in un determinato modo perché, va detto, mangiare bene ha dei costi. Non farei invece differenze tra uomini e donne anche se, per quella che è la mia esperienza personale, noto che gli uomini sono più attenti alla prevenzione, mentre le donne chiedono aiuto per rimediare ad una situazione in difetto».

A questo punto è interessante capire quello che la scienza e la medicina stanno facendo per continuare a progredire, o se - eventualmente - si è arrivati ad un periodo di consolidamento di alcune abitudini. «Il grande target della medicina e della nutrizione punta sull’intestino perché ci si è accorti che gran parte delle patologie derivano da lì. Io credo che nei prossimi 5-10 anni la ricerca andrà in quella direzione, ovvero avere un intestino sano. Pensiamo a quanto l’umore dipenda dalla salute dell’intestino, basta considerare che il 95% della serotonina - l’”ormone della felicità” - viene prodotta dalla cellule che si trovano proprio nell’intestino».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


alimenti giornata dellalimentazione dieta nutrizionista cuoco chef cibo obesita fame nel mondo fao Sacha Sorrentino Stefano Baiocco

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).