Ros Forniture Alberghiere
Castel Firmian
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 20 settembre 2019 | aggiornato alle 22:24| 61009 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     ALIMENTI     TENDENZE e MERCATO

Mangiamo 260 g di plastica l’anno
È presente in acqua, sale e birra

Mangiamo 260 g di plastica l’anno 
È presente in acqua, sale e birra
Mangiamo 260 g di plastica l’anno È presente in acqua, sale e birra
Primo Piano del 14 giugno 2019 | 09:39

A lanciare l’allarme il Wwf, attraverso una ricerca commissionata a un’università australiana, secondo cui ne ingeriamo 2mila frammenti alla settimana. Tra gli alimenti a rischio, anche i frutti di mare. Il direttore Marco Lambertini: «Risultati che segnano un passo avanti nel comprendere l’impatto dell’inquinamento sugli esseri umani».

Scorre dal rubinetto, ma ce la ritroviamo anche nel piatto e nel bicchiere. A volte, poi, siamo noi stessi a metterla sulle pietanze, insieme al sale. Stiamo parlando della plastica che, secondo uno studio commissionato dal Wwf farebbe parte integrante della nostra dieta, al punto che ogni cittadino, in media, ne ingerirebbe 260 grammi all’anno.

Dal mare all'interno delle bottiglie, la plastica è ovunque (Mangiamo 260  gr di plastica l’anno È presente in acqua, sale e birra)
Dal mare all'interno delle bottiglie, la plastica è ovunque

Non solo i pesci, dunque: anche l’uomo assume ormai regolarmente, secondo questa ricerca dell’Università di Newcastle a nord di Sydney, una quantità di plastica che sta diventando preoccupante. Si parla addirittura di 2.000 minuscoli frammenti alla settimana, pari al peso di una carta di credito. Come? Semplicemente bevendo acqua, spargendo sale sulle pietanze, oppure attraverso la birra o ancora mangiando pesce, soprattutto frutti di mare. Sono questi gli alimenti che secondo i ricercatori sono i più ricchi di frammenti di plastica. La quantità maggiore, perché minuscola e impercettibile, verrebbe ingerita bevendo acqua, sia quella del rubinetto, che quella in bottiglia.

Anche l’uomo mangia la plastica. Se ne ingeriscono fino a 2000 minuscoli frammenti per settimana, che corrispondono a circa 5 grammi, l’equivalente in peso di una carta di credito. In media sono pari a 260 grammi l’anno. A puntare il dito contro le scorpacciate di microplastiche lo studio “No Plastic in Nature: Assessing Plastic Ingestion from Nature to People” condotto dall’Università di Newcastle a nord di Sydney e commissionato dal Wwf, che combina i dati di oltre 50 precedenti ricerche. La maggior parte delle particelle sono sotto i 5 millimetri e vengono assunte con l'acqua che si beve sia dalla bottiglia che dal rubinetto.

«I risultati - ha detto Marco Lambertini, direttore internazionale del Wwf - segnano un importante passo avanti nel comprendere l’impatto dell’inquinamento da plastica sugli esseri umani e devono servire da campanello d'allarme per i governi. Mentre le ricerche indagano sui potenziali effetti negativi sulla salute umana, è chiaro a tutti che si tratta di un problema globale, che può essere risolto solo affrontando le cause alla radice. Se non vogliamo plastica nel corpo, dobbiamo fermare i milioni di tonnellate di plastica che continuano a diffondersi nella natura. È necessaria un'azione urgente a livello di governi, di imprese e di consumatori, e un trattato globale con obiettivi globale».

Secondo Lambertini infine l’ingestione è solo un aspetto di una molto più ampia crisi della plastica. Dal 2000 ad oggi in tutto il mondo è stata prodotta tanta plastica quanta in tutti gli anni precedenti e un terzo di questa è finito nell’ambiente. La produzione di plastica “vergine” è aumentata di 200 volte a partire dal 1950 ed è cresciuta del 4% all’anno nell’ultimo ventennio. E nonostante i divieti in vista nell’Unione europea, la produzione attuale potrebbe aumentare del 40% entro il 2030. Senza un’inversione di tendenza, entro 6 anni gli oceani conterranno, secondo il Wwf, una tonnellata di plastica ogni tre tonnellate di pesce.

alimenti Marco Lambertini wwf mangiamo plastica plastica anno acqua sale birra frutti di mare ricerca universita inquinamento oceani microframmenti frammenti rubinetto bicchiere bottiglia sydney

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)