Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 14 novembre 2019 | aggiornato alle 05:14| 61996 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     ALIMENTI     TENDENZE e MERCATO

Plastica, la petizione di Greenpeace
fa cedere Coca Cola e PepsiCo

Plastica, la petizione di Greenpeace
fa cedere Coca Cola e PepsiCo
Plastica, la petizione di Greenpeace fa cedere Coca Cola e PepsiCo
Pubblicato il 05 agosto 2019 | 17:00

Dopo la petizione lanciata dall’associazione ecologista, sottoscritta da oltre tre milioni di persone, le due multinazionali hanno fatto sapere di voler lasciare l’Associazione Industriale della Plastica Usa.

Per gli ecologisti è una vittoria importante: la campagna di sensibilizzazione sull’inquinamento causato dall’utilizzo della plastica, attraverso la quale Greenpeace ha raccolto oltre tre milioni di firme, ha convinto i giganti del settore delle bevande Coca-Cola e PepsiCo a ritirarsi dalla Plastics Industry Association, l’associazione di categoria più importante degli Stati Uniti, che negli ultimi mesi si è opposta ai divieti sulla plastica monouso già introdotti in alcuni Stati americani.

Un'iniziativa di Greepeace contro la plastica in mare (Plastica, la petizione di Greenpeacefa cedere Coca Cola e PepsiCo)
Un'iniziativa di Greepeace contro la plastica in mare

La decisione è stata comunicata dalle stesse aziende a Greenpeace: «Coca-Cola e PepsiCo - ha detto John Hocevar, Direttore della campagna Oceani di Greenpeace - si sono finalmente accorte di non poter affermare pubblicamente di voler porre fine all’inquinamento da plastica e al contempo sostenere economicamente una associazione che esercita pressioni per mantenere inalterata la nostra dipendenza dalla plastica usa e getta. Questa decisione rappresenta una vittoria per circa tre milioni di persone che in tutto il mondo hanno sottoscritto la nostra petizione per chiedere alle multinazionali degli alimenti e delle bevande ogni sforzo per ridurre l’utilizzo di plastica monouso».

Greenpeace da anni sta portando avanti una campagna per chiedere alle grandi aziende di ridurre drasticamente il ricorso alla plastica usa e getta per confezionare i propri prodotti, adottando nuovi sistemi di consegna basati sullo sfuso e sul riutilizzo. Sebbene sia PepsiCo che Coca-Cola abbiano espresso pubblicamente la volontà di ridurre gli impatti derivanti dall’utilizzo di plastica, nessuno dei due ha ancora messo in atto una strategia di riduzione globale della plastica monouso. Non sorprende quindi che le operazioni di pulizia e catalogazione dei rifiuti in plastica condotte nelle spiagge di tutto il mondo nel 2018 abbiano identificato in Coca-Cola e PepsiCo i marchi a cui era possibile ricondurre gran parte dei rifiuti raccolti.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


alimenti Plastica petizione Greenpeace fa cedere Coca Cola PepsiCo associazione ecologista Associazione Industriale Plastica Usa multinazionali firme plastica monouso John Hocevar plastica monouso

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).