Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 09 agosto 2020 | aggiornato alle 16:28| 67145 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
HOME     ALIMENTI     DOLCI e GELATO

Miele, finalmente una buona annata 20mila le tonnellate prodotte

Miele, finalmente una buona annata 20mila le tonnellate prodotte
Miele, finalmente una buona annata 20mila le tonnellate prodotte
Pubblicato il 17 settembre 2009 | 18:45

Finalmente una buona annata per il miele italiano: le produzioni sono state generalmente abbondanti, salvo per qualche miele e alcune zone, la qualità dei mieli elevatissima e le varietà disponibili sempre più numerose. Questo il primo bilancio della stagione produttiva, giunta ormai alla fine

 Finalmente una buona annata per il miele italiano: le produzioni sono state generalmente abbondanti, salvo per qualche miele e alcune zone, la qualità dei mieli elevatissima e le varietà disponibili sempre più numerose. è questo in sintesi il primo bilancio della stagione produttiva, giunta ormai alla fine. L'Osservatorio nazionale del miele - in occasione dell'imminente 'Fiera e Borsa nazionale del miele”, in programma a Castel San Pietro Terme (Bo) il 19 e il 20 settembre - ha pubblicato un primo rapporto sulla situazione produttiva e di mercato del miele in Italia.

La quantità di miele prodotta dovrebbe assestarsi sulle 20mila tonnellate. Il raccolto abbondante è stato favorito sia dalle buone condizioni meteorologiche - specie a inizio stagione - sia dal provvedimento del ministero delle Politiche agricole che ha sospeso l'uso delle sostanze neonicotinoidi nella concia delle sementi. Sostanze che nel 2007-2008 avevano causato diffuse morie di api e lo spopolamento degli alveari, limitando la produzione di miele. La stima di un così elevato incremento della produzione è anche il risultato di uno studio dell'Osservatorio nazionale miele, che tra l'ottobre 2008 e il maggio 2009 ha condotto una campagna straordinaria d'indagine e valutazione della consistenza produttiva del settore apistico in Italia.

Si tratta di un'attività complessa svolta su tutto il territorio nazionale che ha evidenziato una cronica sottostima sia del numero degli alveari sia della reale capacità produttiva. L'attività svolta è solo all'inizio, consente tuttavia di affermare con sufficiente sicurezza che la produzione nazionale di miele per il 2009 è quantomeno superiore a 20mila tonnellate contro una stima sulla capacità produttiva consolidata negli anni precedenti alla grande crisi del 2008 pari a 13-14mila tonnellate. Il fenomeno più interessante e positivo per gli amanti del miele è però l'elevata qualità e la straordinaria ricchezza di tipi di miele. Si può dire che prende corpo una nuova tendenza dell'apicoltura italiana, impegnata da qualche anno a migliorare sì la qualità ma soprattutto a produrre mieli monoflora - cioè prodotti dalle api con il nettare di una sola specie di piante - sempre più puri e particolari.

 Tutti conoscono il miele di acacia o quello di castagno, quello di eucalipto o quello di agrumi, ma pochi sanno che ormai sono centinaia gli apicoltori che si sono specializzati nella produzione di mieli monoflorali particolari o rari, strettamente legati al territorio di produzione. E così si vedono sempre più spesso mieli come quello di timo, prodotto sui monti Iblei della Sicilia, di cardo o di asfodelo raccolti in Sardegna, di rododendro raccolto sui prati alpini o di rosmarino della costa ionica. E poi ancora mieli di trifoglio, sulla, girasole e tarassaco; tiglio, erica e corbezzolo; ciliegio, erba medica, santoreggia e coriandolo.

Sono oltre 30 i mieli italiani monoflora regolarmente classificati. Al Concorso 'Grandi mieli d'Italia' - che domenica 20 settembre assegnerà le '3 gocce d'oro” ai migliori mieli di produzione nazionale - hanno infatti partecipato oltre 500 mieli di 37 tipi diversi, provenienti da tutte le regioni italiane. I più strani? Quello di grano saraceno prodotto nella pianura Cremonese e quello di stregonia, raccolto sulle montagne aquilane. Anche i mieli millefiori stanno vivendo una seconda giovinezza, dato che anche in questo caso vengono sempre più valorizzati i territori di provenienza e le corrispondenti caratteristiche dei mieli. Non più semplice miele millefiori - cioè prodotto dalle api col nettare di piante diverse - ma millefiori di macchia mediterranea, di alta montagna delle Alpi, della maremma o dell'Appennino tosco-emiliano.

Fonte: Agi


Articoli correlati:
La moria delle api è finita Zaia annuncia lo stop ai neonicotinoidi
è friulano il miele più buono d'Italia
Il miele conquista gli italiani Aumentano i corsi per assaggiatori
Il miele trova una sua identità La mappatura dei pollini dal Dna
Piano triennale per l'apicoltura Valorizzazione del miele umbro

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®