Rotari
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 30 marzo 2020 | aggiornato alle 18:32| 64465 articoli in archivio
Rotari
Rational
HOME     BIRRA    

È festa nel mondo della birra La Guinness spegne 250 candeline

È festa nel mondo della birra La Guinness spegne 250 candeline
È festa nel mondo della birra La Guinness spegne 250 candeline
Pubblicato il 21 settembre 2009 | 13:01

La Guinness, celebre birra scura e pastosa irlandese, compie quest'anno 250 anni. Nata il 24 settembre 1759, frutto della ricetta ancora oggi segreta inventata dall'allora 34enne Arthur Guinness, oggi è prodotta in 35 paesi, con alcune varianti locali, ed è tra le birre più conosciute al mondo

 LONDRA - La Guinness, celebre birra scura e pastosa irlandese, spegne quest'anno 250 candeline: nacque il 24 settembre 1759, frutto della ricetta ancora oggi segreta inventata dall'allora 34enne Arthur Guinness, che quel giorno firmava il contratto per la distilleria di St. James Gate a Dublino.

Un personaggio non certo gaudente o beone, visto che era seguace degli insegnamenti metodisti di John Wesley, e fu fondatore delle prime scuole religiose domenicali. Per questo anniversario, letteralmente ogni pub d'Irlanda sta preparando eventi, così come la fabbrica Guinness, dove si brinderà ad Arthur. Il fondatore ci stava lavorando da sette anni, e con sacrifici e tentativi aveva messo in piedi la distilleria di Eixip nella contea irlandese di Kildare, nel 1756. Ma fu solo con il passaggio a una vecchia distilleria a Dublino nel 1759, che rimise a posto, e all'idea di usare orzo arrostito, che riuscì a creare una birra di tipo "porter". L'avrebbe battezzata col suo nome, Guinness.

 Da allora il successo è stato crescente (10 anni dopo, Arthur già la esportava in Inghilterra), generando una mistica della bruna irlandese. Per esempio la tecnica per versarla: prima si riempie la pinta a tre quarti, e si lascia riposare, finché non si forma una linea bianca di schiuma (chiamata "collare del vescovo"), dopo di che si può riempire il bicchiere fino alla sommità.

E poi il marchio, le campagne pubblicitarie, e gli slogan che nel mondo anglosassone sono diventati modi di dire, come "My goodness, my Guinness". Oggi la birra è prodotta in 35 paesi, con alcune varianti locali. Negli ultimi giorni, il nome Guinness è finito nelle cronache grazie al presunto exploit in aereo di una rampolla della famiglia, Clare Irby, accusata - ma poi assolta - di aver dato scandalo ubriaca in aereo, praticamente denudandosi e scambiando effusioni con uno sconosciuto. Si è quindi tornato a parlare di una "maledizione" della famiglia, iniziata nel 1944 quando il barone Walter Edward Guinness fu assassinato al Cairo, e continuata con incidenti stradali, annegamenti, e disgrazie varie occorse ai Guinness. In particolare, si ricorda il suicidio di Lady Henrietta Guinness, che si buttò da un acquedotto a Spoleto, nel 1978.


Fonte: Ansa

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


250 anni birra longeva compleanno record cibo gastronomia Italia a tavola tavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®