Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 18 novembre 2019 | aggiornato alle 07:50| 62052 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     ALIMENTI     LATTICINI e UOVA

Casinò negli hotel a 5 stelle? “No” secco da Fipe e Federgioco

Casinò negli hotel a 5 stelle? “No” secco da Fipe e Federgioco
Casinò negli hotel a 5 stelle? “No” secco da Fipe e Federgioco
Primo Piano del 14 ottobre 2009 | 17:40

Il ministro del Turismo Michela Brambilla vorrebbe istituire case da gioco all'interno di alberghi a 5 stelle. La cosa però non piace a Fipe e Federgioco che sono intervenute definendo l'idea un vero casino dei 200 casinò. Se il decreto passasse in Italia si potrebbero aprire 230 case da gioco

Michela BrambillaIl Ministro del Turismo Michela Brambilla ha presentato durante il pre-consiglio del 13 ottobre uno schema di decreto legge per il rinnovo del "Sistema Italia" e tra le altre novità ha dichiarato che intende istituire case da gioco all'interno di alberghi a 5 stelle, solo se in regola con le autorizzazioni comunali e dopo aver ottenuto l'autorizzazione della Prefettura. Sale da gioco che potranno fregiarsi anche dell'insegna "casinò" o "case da gioco".  Un'idea che però non piace per nulla alla Fipe e alla Federgioco che parlano di casino dei casinò.

Quanto comunicato nello schema di decreto legge non rappresenta certo una novità perchè la stessa Brambilla già prima dell'estate aveva dichiarato che «potrebbe essere importante cominciare dai nostri hotel a cinque stelle, che possono dotarsi al loro interno di sale da gioco riservate ai propri clienti». Partire dagli alberghi di lusso, per il Ministro, «potrebbe essere una formula importante per garantire alle nostre strutture ricettive di poter competere con quelle degli altri Paesi europei».

Le idee del Ministro Brambilla non piacciono però alla federazione di categoria dei pubblici esercizi che è intervenuta definendo l'idea un vero "casino dei 200 casinò". Il bilancio statale non può essere risanato con la proliferazione dei casinò, dice la Fipe. La nascita indiscriminata e senza criteri delle case da gioco non è molto educativa e porterebbe più danni che benefici. E considerata la crisi globale del settore porterà contributi modesti nelle casse dello Stato, né servirà a stimolare la domanda turistica.

 è questa la posizione complessiva di Fipe, la Federazione italiana dei pubblici esercizi in rappresentanza di 250mila imprese e un milione di lavoratori.
Se il provvedimento all'esame il 15 ottobre al Consiglio dei ministri dovesse essere approvato, in Italia potrebbero aprire oltre 230 case da gioco disposte a macchia di leopardo sul territorio, senza alcun nesso con il turismo. Fipe ricorda inoltre che il mondo dei casinò sta vivendo un momento di grande difficoltà a livello mondiale e per questo sembra ancora più assurda l'idea di poter fare cassa da un settore in piena crisi.

Mentre nel resto del mondo i casinò negli hotel stanno chiudendo e per funzionare devono essere inseriti in contesti fortemente strutturati, in Italia si sta pensando a un modello antiquato e diseducativo, perché una cosa sono i bisogni della finanza dello Stato, un'altra cosa è il modo di ottenerli alimentando comportamenti che spesso portano alla rovina persone e famiglie. Secondo il centro studi Fipe, i casinò potrebbero generare al massimo lo 0,5% in più delle presenze all'anno. Inoltre, sempre secondo il centro studi Fipe il comportamento di consumo dei giocatori/turisti è poco o per nulla assimilabile a quello dei turisti tout court. Essi utilizzano il sistema dei servizi turistici solo marginalmente e, dunque, non generano effetti positivi diretti sull'economia territoriale.

 La questione non sembra essere gradita nemmeno agli  organismi di Federgioco (che rapprresenta i Casinò pubblici  di Saint Vincent, San Remo, Venezia e Campione d'Italia) che hanno appreso la notizia da un articolo apparso stamane su Il Sole 24 ore. Federgioco ritiene di dover stigmatizzare il metodo con il quale si vuole giungere all'adozione di un simile provvedimento, contestando il ricorso ad uno strumento, quale il decreto legge, connotato da ben altri requisiti di necessità e urgenza rispetto alla materia qui trattata, posto che le fattispecie penali di cui agli artt. 718 e ss., che vietano l'esercizio del gioco d'azzardo, rispondono all'interesse della collettività a vedere tutelati la sicurezza e l'ordine pubblico, in presenza di un fenomeno che si presta a fornire l'habitat ad attività criminali.

è inoltre noto che le quattro case da gioco stanno attraversando una congiuntura particolarmente negativa, dovuta alla crisi economica e ad una progressiva trasformazione del mondo del gioco. Poiché in Italia l'esperienza nella gestione di casinò è rappresentata dai soli quattro casinò esistenti, riuniti nell'Associazione Federgioco, questa associazione ritiene imprescindibile, su tali materie, il ruolo di interlocutore primario, proprio in virtù della oltre cinquantennale esperienza dei suoi iscritti nella gestione di tale settore.

Federgioco sottolinea, inoltre, come un provvedimento di tale impatto coinvolga, anche a livello ministeriale, referenti diversi, quali il ministero degli Interni e il ministero dell'Economia, da sempre vigili e cauti su tale materia e sul possibile proliferare incontrollato del gioco d'azzardo sul territorio italiano, al di fuori di un rigido sistema di controlli, quale quello imposto alle quattro case da gioco esistenti.

Federgioco invita, quindi, il ministro per il Turismo a soprassedere alla presentazione di tale provvedimento, dichiarandosi responsabilmente disponibile ad affrontare il tema dell'apertura di nuove case da gioco in modo completo, ribadendo la piena e totale disponibilità a fornire il proprio contributo alla discussione e alla necessaria, propedeutica, approfondita istruttoria.



Distribuzione degli alberghi a 5 stelle

(anno 2005)

REGIONE

n.

v.%

Piemonte

5

2,2

Valle d'Aosta

0

0,0

Lombardia

31

13,4

Trentino

5

2,2

Veneto

30

12,9

Friuli V.Giulia

2

0,9

Liguria

6

2,6

Emilia Romagna

9

3,9

Toscana

30

12,9

Umbria

3

1,3

Marche

0

0,0

Lazio

24

10,3

Abruzzo

3

1,3

Molise

0

0,0

Campania

34

14,7

Puglia

14

6,0

Basilicata

2

0,9

Calabria

11

4,7

Sicilia

11

4,7

Sardegna

12

5,2

nord ovest

42

18,1

nord est

46

19,8

centro

57

24,6

sud e isole

87

37,5

TOTALE

232

100

Fonte: elaboraz. C.S. Fipe su Rapporto sul sistema alberghiero

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


brambilla fipe federgioco casinò hotel cinque stelle Albergo cibo Italia a tavola tavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).