Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 05 aprile 2020 | aggiornato alle 02:34| 64629 articoli in archivio
Rotari
Rational

In Portogallo è stagione della decortica La "carezza" da cui nasce il sughero

In Portogallo è stagione della decortica La
In Portogallo è stagione della decortica La "carezza" da cui nasce il sughero
Pubblicato il 17 giugno 2010 | 11:54

È iniziata in Portogallo la stagione della decortica delle querce da sughero per produrre i tappi Amorim. Un processo estremamente rispettoso dell’ambiente e della pianta che può essere paragonato alla tosatura di una pecora. Il Portogallo con il 52% è il Paese leader nella produzione del sughero

Tempo di decortica per Amorim. Maggio, giugno e luglio sono i mesi in cui si spogliano le querce da sughero della loro corteccia. Un processo estremamente rispettoso dell'ambiente e della pianta che può essere paragonato alla tosatura di una pecora. Un sottile equilibrio tra uomo e natura che richiede una approfondita conoscenza e amore per la quercia da sughero.

Un mercato da 300mila tonnellate annue, per un volume di affari totale che significa 250 milioni di euro, dei quali 150 solo dal Portogallo. Il Portogallo produce il 52% del sughero mondiale, con oltre 150mila tonnellate, il che rende questo Paese leader nella produzione. L'Italia è al terzo posto tra i produttori mondiali, con il 5,5%.

«Sapere come vengono prodotti i tappi in sughero - afferma Carlos Santos, Ad Amorim Cork Italia, azienda leader in Italia - è un'opportunità in più per apprezzare e scegliere queste chiusure rispetto alle alternative in plastica, alluminio o vetro. Il tappo in sughero non solo è la miglior chiusura per conservare le caratteristiche organolettiche del vino, ma è anche quella più ecologica poiché rispetta la natura e i suoi processi ed è interamente riciclabile».

è in soli tre mesi all'anno che si concentra questa attività esclusivamente manuale realizzata da tecnici esperti. Gli stagionali impiegati nel processo sono oltre 3mila.

«La decortica – continua Santos - è il lavoro agricolo più ben pagato al mondo, poiché sono solo in pochi a possedere le competenze e la manualità necessarie. Si tratta di persone che vivono nelle zone della foresta per le quali questo processo diventa preziosa opportunità di lavoro e sostentamento. La decortica è quindi anche un importante contributo contro la desertificazione sociale, problema che nell'area mediterranea va ad aggiungersi a quello della desertificazione ambientale delle foreste del nord Africa e del sud Europa».

Le foreste da sughero del Mediterraneo, sviluppate in un'area di 2,2 milioni di ettari, sono inoltre in grado di assorbire più di 14 milioni di tonnellate di CO2 ogni anno.

La quercia da sughero è l'unica pianta in grado di sopravvivere in un suolo povero e con poca acqua. Dalla semina alla prima decortica trascorrono 25 anni. Il primo sughero è quindi 'sughero vergine” e può essere utilizzato solo per la realizzazione di articoli decorativi e prodotti granulati. Dovranno trascorrere altri 9 anni prima della seconda decortica e ancora altri 9 prima che dalla corteccia si possano realizzare tappi in sughero: 43 anni minimo in tutto. è solo allora che il sughero raggiunge una stabilità strutturale tale da garantire le proprietà necessarie all'imbottigliamento. Con un ritmo di una decortica ogni 9 anni minimo la stessa pianta può subire questo processo per oltre 200 anni.

Dopo questo processo il sughero viene immediatamente spostato nei due stabilimenti di produzione Amorim e lasciato a stagionare nei suoi piazzali di cemento drenato per almeno 6 mesi (ogni stabilimento dispone di 150mila mq di superficie). In passato il sughero veniva lasciato a stagionare direttamente nella foresta, ma gli studi Amorim hanno evidenziato come questa tradizione fosse dannosa per la qualità sensoriale del sughero che rischiava di essere contaminato da funghi e batteri.

Solo una volta trascorso un periodo minimo di 6 mesi di stagionatura sarà finalmente possibile procedere alla lavorazione e alla realizzazione dei tappi. I tappi in sughero sono riciclabili al 100% ed è stata proprio Amorim nel 2008 ad inaugurare in Portogallo la prima Azienda del mondo per il riciclo dei tappi in sughero, consentendo di ottenere dal prodotto rilavorato materiale per altri utilizzi come l'isolamento, la coibentazione, l'abbigliamento ecc.

Il Gruppo Amorim, colosso portoghese leader mondiale nel mercato del sughero, ha posto sempre al centro delle sue attenzioni il tema dell'ecosostenibilità. Ha ricevuto quest'anno a Londra anche un prestigioso riconoscimento internazionale per i suoi sforzi a favore della riduzione dell'impatto ambientale: un 'The Drinks Business Green Award 2010”, premio assegnato dalla più importante pubblicazione di settore inglese 'The Drinks Business” che già lo scorso anno aveva inserito Amorim, unica al mondo fra le aziende produttrici di chiusure per vino, nella classifica mondiale delle 50 realtà aziendali 'verdi”, ossia con un minore impatto sull'ambiente.

Amorim Cork Italia è impegnata dal dicembre 2009 in un progetto pilota nell'area di Valdobbiadene, 'Tappoachi?”, per la raccolta e il riciclo dei tappi in sughero.


Articoli correlati:
Tappo a chi?, la patria del Prosecco apripista del riciclaggio del sughero
Il tappo in sughero si ricicla al 100% Al via il progetto Tappo a chi? di Rilegno

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


tappo sughero vino portogallo decortica quercia barrique cibo Italia a tavola tavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®