Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 04 aprile 2020 | aggiornato alle 01:33| 64609 articoli in archivio
Rotari
Rational
HOME     TURISMO     TERRITORIO

Tempio all'oro rosso nel Parmense Un museo rende onore al Pomodoro

Tempio all'oro rosso nel Parmense Un museo rende onore al Pomodoro
Tempio all'oro rosso nel Parmense Un museo rende onore al Pomodoro
Pubblicato il 25 settembre 2010 | 18:29

Nella cornice medioevale della Corte di Giarola di Collecchio (Pr) in esposizione dai barattoli decorati a mano agli antichi strumenti di lavorazione, dalle ricette di cucina alle foto della raccolta manuale nei campi. Un prodotto tipico che oggi, in 10 stabilmenti, pesa per 10 milioni di quintali

COLLECCHIO (Pr) - Il pomodoro in tutte le salse. Dai barattoli decorati a mano agli antichi strumenti di lavorazione, dalle ricette di cucina a base di sughi e passate alle foto di antichi contadini alle prese con la raccolta manuale nei campi. Taglio del nastro ieri per il Museo del pomodoro che si trova nella splendida cornice medioevale della Corte di Giarola di Collecchio (Pr).

Quello dedicato all'oro rosso è il quarto 'tempio” dedicato ai prodotti tipici del made in Parma. La provincia ducale, infatti, oltre al Prosciutto, Parmigiano e Salame di Felino da sempre ha un ruolo di primo piano nel comparto industriale delle conserve: nel 1912 esistevano 61 stabilimenti che lavoravano 1,5 milioni di quintali di pomodoro, nel 1990 erano 14 con 5,5 milioni di prodotto lavorato per poi scendere nel 2009 a 10 stabilimenti con oltre 10 milioni di quintali lavorati. Anche di questo si è parlato nel convegno 'Il pomodoro a Parma: storia imprenditorialità e gusto” che ha preceduto l'inaugurazione della nuova struttura che dal prossimo weekend sarà aperta al pubblico.

Durante la mattinata sono intervenuti diversi esperti di settore: Tullio Gregory, direttore dell'enciclopedia italiana Treccani, Leone Arsenio, medico esperto in alimentazione, Carlo Cambi, docente di marketing e giornalista gastronomico, e Giancarlo Gonizzi, coordinatore dei Musei del cibo della provincia di Parma. Proprio Gonizzi è stato il promotore dell'iniziativa: «I prodotti tipici di un territorio rappresentano le opere d'arte della sua gente, che li crea a partire da pochi elementi base forniti dalla natura – ha spiegato Gonizzi - se il prodotto tipico è un'opera d'arte, un museo è la sua casa e questa deve contribuire a dare vivibilità e qualità a un territorio com'è Collecchio e, più in generale, Parma». Partendo da questo presupposto le istituzioni ducali stanno lavorando per alimentare e sfruttare le tipicità agroalimentari in modo da attrarre turisti e curiosi, generando ricchezza. Questa la ricetta contro la crisi delle istituzioni locali.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


pomodoro collecchio parma museo barattoli passata cibo Italia a tavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®