Sofidel Papernet
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 05 luglio 2020 | aggiornato alle 12:55| 66553 articoli in archivio
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO

Stranieri 3 piatti di pesce su 4 Serve una “carta” nei ristoranti

Stranieri 3 piatti di pesce su 4 Serve una “carta” nei ristoranti
Stranieri 3 piatti di pesce su 4 Serve una “carta” nei ristoranti
Pubblicato il 02 dicembre 2010 | 11:06

Impresa Pesca Coldiretti ha sottolineato la necessità di introdurre al più presto una “carta del pesce” nei ristoranti per tutelare i consumatori e difendere le produzioni alimentari made in Italy dall'import straniero che mette in ginocchio i pescatori e gli acquacoltori come gli agricoltori

Tre piatti di pesce su quattro che si consumano in Italia sono stranieri, ma nessuno lo sa. è  la denuncia fatta da Impresa Pesca Coldiretti che ha lanciato la proposta di una 'carta del pesce” nei ristoranti per tutelare i consumatori e difendere le produzioni Made in Italy dall'import straniero che mette in ginocchio i pescatori e gli acquacoltori come gli agricoltori. Basti ricordare che nel giro di due anni il settore ha perso il 12% della produzione e l'11% dei ricavi, sulla base degli ultimi dati resi noti dall'Irepa, l'Istituto di Ricerche economiche per la pesca e l'acquacoltura. Crescono, invece, le importazioni dall'estero che nei primi otto mesi del 2010 hanno fatto segnare un aumento del 2%. I ricavi dei pescatori italiani sono di appena 1.167 milioni di euro, per una produzione che nel 2009 è stata di 231.109 tonnellate, contro le circa 695mila tonnellate importate dall'estero.
 
E se è vero che per la vendita sul pesce vige l'obbligo dell'etichetta d'origine, al ristorante invece la provenienza di quanto si porta in tavola non deve essere indicata. Senza dimenticare che il prodotto proveniente dall'estero ha meno garanzie rispetto a quello Made in Italy. Alcuni esempi: le vongole possono anche provenire dalla Turchia, mentre i gamberetti, che rappresentano quasi la metà del pesce importato in Italia, sono spesso targati Cina, Argentina o Vietnam, dove peraltro è permesso un trattamento con antibiotici che in Europa è vietatissimo in quanto pericoloso per la salute. Da qui la proposta di Impresa Pesca Coldiretti di lanciare, anche in vista dei pranzi e cenoni di Natale, una vera e propria 'carta del pesce” nei ristoranti, con l'indicazione di dove è stato pescato quanto si porta in tavola.
 
Un'idea sostenuta, in occasione del primo convegno nazionale sull'acquacoltura italiana - 'Una nuova frontiera”, organizzato ad Alghero dall'Associazione Acquacoltori (Asa) aderente alla Coldiretti, la quale pone come primo elemento della sua azione quello di lavorare per creare una filiera italiana dei prodotti dell'acquacoltura in un mercato, quale è quello dei prodotti ittici in Italia, ancora poco trasparente e di difficile comprensione per i consumatori. Secondo Mauro Manca, presidente della Asa, «di particolare importanza è il ruolo della ristorazione che, forte di un dato statistico che attesta nel 75% circa il consumo extra domestico di prodotti ittici, deve garantire anch'essa un livello accettabile di trasparenza nei confronti del consumatore, in modo da favorire ancora una volta la scelta consapevole di un prodotto italiano, rispetto ad uno di provenienza estera, elemento a oggi non garantito nella maggioranza dei casi».
 
«Con tre piatti di pesce su quattro che vengono dall'estero all'insaputa dei consumatori occorre mettere in campo delle iniziative capaci di riportare sulle tavole il prodotto Made in Italy che è sicuramente più sano e gustoso degli ormai onnipresenti gamberetti asiatici o del famigerato pangasio  - spiega Tonino Giardini, imprenditore marchigiano e presidente di Impresapesca Coldiretti -. Una battaglia nella quale occorre coinvolgere tutti i settori, a partire da quello della ristorazione, lanciando ad esempio dei menu con l'indicazione geografica d'origine del pesce proposto, ma occorre anche agire a livello di cultura del consumo».
 
Il settore della pesca vede impegnate 13.300 imbarcazioni, mentre la top-ten delle produzioni è guidata dalle acciughe (54.312 tonnellate), seguite da vongole, sardine, naselli, gamberi bianchi, seppie, pannocchie, triglie, pesce spada e sugarelli. La classifica delle produzioni per volume di fatturato vede invece primeggiare il nasello (90,5 milioni di euro), davanti ad acciughe, seppie, gamberi bianchi, scampi, pesce spada, gamberi rossi, vongole, pannocchie e sogliole.
 
 
L'IMPORT DI PESCE DALL'ESTERO NEI PRIMI OTTO MESI DEL 2010

459.326 tonnellate (+2%)
Fonte: Elaborazione IMPRESAPESCA Coldiretti su dati Istat
 

I PESCI PIU' IMPORTATI DALL'ESTERO

Specie                      % su totale import

1 Gamberetti             44%

2 Salmoni                 16%

3 Seppie                   15%

4 Altri                       25%

Fonte: Elaborazione IMPRESAPESCA Coldiretti su dati Istat

 
LA TOP TEN DELLA PRODUZIONE DI PESCE ITALIANO PER SPECIE

Specie                    Tonnellate

1 Acciughe               54.312

2 Vongole                17.328

3 Sardine                 15.276

4 Nasello                 12.038

5 Gamberi bianchi     9.554

6 Seppie                  9.521

7 Pannocchie            6.464

8 Triglie                   6.085

9 Pesce spada          5.120

10 Sugarello            4.218

Fonte: Elaborazione IMPRESAPESCA Coldiretti su dati Irepa, Istat

 
LA TOP TEN DELLA PRODUZIONE DI PESCE ITALIANO PER VALORE

Specie                        Ricavi in euro

1 Nasello                 90.557.000

2 Acciughe               87.612.000

3 Seppia                  75.234.000

4 Gamberi bianchi    69.898.000

5 Scampi                  68.181.000

6 Pesce spada          61.276.000

7 Gamberi rossi        55.924.000

8 Vongole                51.795.000

9 Pannocchie           39.748.000

10 Sogliola              34.544.000

Fonte: Elaborazione IMPRESAPESCA Coldiretti su dati Irepa, Istat

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


pesce ristoranti cibo

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®