Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 03 luglio 2020 | aggiornato alle 21:54| 66544 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
HOME     SALUTE     STILE DI VITA

L'alcol è una questione di "latitudine"
Gli stili di vita condizionano l’abuso

L'alcol è una questione di
L'alcol è una questione di "latitudine" Gli stili di vita condizionano l’abuso
Pubblicato il 01 marzo 2011 | 17:28

Secondo uno studio francese, un conto è concedersi un drink all’ombra della tour Eiffel, un altro è farlo nei pub irlandesi. E non certo per colpa della gradazione alcolica o del tipo di bevanda: le differenze sembrano dipendere da abitudini di vita completamente diverse da un Paese all’altro

Un'indagine a tutto campo tra l'irlandese Belfast e alcune città francesi per vedere chi trae maggiori benefici dal consumo di alcol. Perché le bevande alcoliche non sono mica tutte uguali. Un conto è concedersi un drink all'ombra della tour Eiffel, un altro paio di maniche è farlo nei pub irlandesi. E non certo per colpa della gradazione alcolica o del tipo di bevanda: le differenze, che pure esistono, tra nord e sud dell'Europa sembrano essere davvero una mera questione di latitudine, perché è proprio lì che si consolidano abitudini di vita completamente diverse da un Paese all'altro.

Ed è ai pattern, ossia alla modalità del consumo di bevande alcoliche, che i ricercatori francesi guidati da Jean-Bernard Ruidavets hanno guardato con maggiore interesse proprio perché convinti che due bicchieri di vino o birra, considerati da soli, non dicano poi molto.

Binge drinkers vs. mediterranei
Il punto questa volta non è verificare se l'alcol fa bene o male ma se berlo in un modo piuttosto che in un altro può fare la differenza. Sotto la lente dei ricercatori sono finite due popolazioni e due diversi stili di consumo alcolico, quasi opposti. Da un lato l'Irlanda, dall'altro i francesi di Lille, Strasburgo e Tolosa, più vicini alle tradizioni mediterranee almeno per quanto riguarda il bere moderato. Lo studio Prime ha coinvolto quasi diecimila uomini di età compresa tra i 50 e i 59 anni, senza problemi cardiovascolari al momento di ingresso nel progetto. Gli studiosi li hanno poi seguiti per dieci anni con l'obiettivo di registrare eventuali eventi cardiovascolari, come infarto cardiaco ma anche episodi di angina. Il consumo alcolico medio degli irlandesi era pari a 22 grammi al giorno, mentre la media francese era di circa 33 grammi al giorno; il volume di alcol bevuto in una settimana era praticamente identico (282 grammi in Francia e 255 in Irlanda).

Il primato è passato subito nella mani degli irlandesi quando i ricercatori sono andati ad analizzare il fenomeno del binge drinking, l'insana abitudine tutta anglosassone di concentrare in poco tempo grosse quantità di alcol, preferibilmente mescolando senza criterio anche tipi diversi di bevande. E qui è proprio la patria degli elfi a portare a casa il triste record. Più del nove percento degli irlandesi si dilettava infatti nella pratica di buttare giù quantità di alcol improponibili mentre solo lo 0.5 percento dei transalpini mostrava interesse verso questo tipo di atteggiamento.

Weekend ad alto rischio
Al termine dei dieci anni di monitoraggio (follow-up) i ricercatori sono andati a vedere cosa fosse accaduto nelle due popolazioni. Il maggior numero di eventi coronarici si era verificato nella popolazione irlandese: circa sei eventi ogni mille soggetti contro i quasi tre dei francesi. Il rischio di essere colpiti da malattie coronariche gravi (infarto e morte coronarica) era il doppio per i binge drinkers rispetto invece a chi l'alcol lo consumava moderatamente e in maniera regolare, stando alla larga dalle abbuffate alcoliche concentrate nei weekend.

«Abbiamo visto che nei due Paesi le modalità di consumo alcolico sono radicalmente diverse: a Belfast la maggior parte degli uomini lo concentra in un solo giorno, per lo più il sabato, mentre nei centri francesi il consumo di alcol è spalmato nell'arco della settimana - spiegano gli autori dello studio pubblicato sulla rivista britannica British Medical Journal - Anche se alla fine dei conti la quantità di alcol consumato nel corso dell'intera settimana in Francia e in Irlanda era molto simile». L'arrivo del week end spacca in due le abitudini dei due popoli. Già dal venerdì sera Belfast si prepara a ingurgitare oltre 60 grammi di alcol mentre i francesi restano sui 33 grammi, in linea con la media giornaliera. Di male in peggio il sabato, quando gli anglosassoni arrivano a toccare i 90 grammi di alcol a fronte di un modesto aumento sul fronte francese, che comunque resta intorno ai 40 grammi. Insomma, nei week end irlandesi meglio stare alla larga dai pub.

Fonte: Giovanni de Gaetano, Marialaura Bonaccio Università Cattolica di Campobasso; www.birrainforma.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


alcol irlanda parigi cibo

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®