Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 06 luglio 2020 | aggiornato alle 11:12| 66556 articoli in archivio
HOME     VINO     CONSORZI

Custoza, 40 anni di Doc
Un vino moderno che punta all’estero

Custoza, 40 anni di Doc 
Un vino moderno che punta all’estero
Custoza, 40 anni di Doc Un vino moderno che punta all’estero
Pubblicato il 15 marzo 2011 | 16:19

Con i suoi 12 milioni di bottiglie prodotte il vino Custoza Doc affronta la crisi a testa alta, strizzando l'occhio al pubblico femminile e puntando ai mercati esteri, verso i quali oggi è destinato il 30% della produzione. A Lugano abbiamo intervistato il neo presidente del Consorzio Carlo Nerozzi



I dati sono decisamente incoraggianti e in controtendenza rispetto alla crisi generale che ha investito tutti i settori: la produzione del vino Custoza Doc negli ultimi anni ha registrato infatti un aumento, attestandosi sui 12 milioni di bottiglie, di cui il 30% sui mercati stranieri (in particolare Germania, Austria e Inghilterra). Il 2011 è un anno importante per la Denominazione, che celebra i primi 40 anni di vita, e che vede la nomina di Carlo Nerozzi (nella foto) alla presidenza del Consorzio di tutela.

Carlo NerozziPer conoscere i suoi progetti e obiettivi per l'importante incarico, l'abbiamo incontrato a Lugano in occasione della manifestazione 'Gusto in scena”. «è un vino moderno - dichiara Nerozzi a proposito del ruolo del Cuostoza Doc nel panorama enologico italiano di oggi - per come è fatto e per come potrà essere presentato in futuro sul mercato. è un vino moderno perché fatto con tante uve, realizzato in un territorio suggestivo, quello delle colline Moreniche del Garda, quindi una zona dal punto di vista pedo-climatico interessante. Il fatto che questo vino è ottenuto da tante uve può essere percepito come un limite, ma in realtà è una ricchezza. Dipende sempre dalla prospettiva con cui si guarda».

Il vino Custoza Doc, aggiunge il neo presidente del Consorzio, «ha la caratteristica di essere leggermente aromatico, cosa che oggi un consumatore ricerca. è un vino fresco, è un vino 'femminile”: le donne oggi sono proprio le persone che principalmente lo scelgono, dal momento che per il 60% è presente nella grande distribuzione. Lo riteniamo dunque un prodotto adatto alle donne, ma non solo».

A proposito della competizione con altri grandi vini bianchi Doc prodotti nella stessa zona (Soave, Lugana, ecc.), Nerozzi afferma che il Custoza «ha le caratteristiche per poter competere in modo leale e ad 'armi pari”. Il Lugana è un ottimo vino, ma noi non siamo da meno!».

Il Consorzio di tutela del vino Custoza Doc
Sono passati quarant'anni da quando, nel 1971, il Custoza ottenne il riconoscimento della Denominazione d'origine controllata, giusto riconoscimento ad una viticoltura fortemente radicata nel territorio. Di lì a poco, per volontà di produttori, vinificatori, soci di cantine cooperative, commercianti e industriali nacque il Consorzio di tutela del vino Custoza, per garantire al consumatore l'origine attraverso il controllo dell'intera filiera produttiva dal vigneto alla bottiglia.

Dal 2004 al 2009 il Consorzio ha ottenuto dal ministero delle Politiche agricole, con il decreto 14 gennaio 2004, l'incarico di svolgere le funzioni di controllo erga omnes previste dal Piano dei controlli per la Doc Custoza. Oggi, oltre agli incarichi istituzionali, il Consorzio svolge un'intensa attività di promozione del vino Custoza, in Italia, in Europa e nel mondo, e una costante assistenza tecnico-agronomica ai suoi produttori.

Il Consorzio del Custoza Doc conta più di 500 associati, che nelle quattro tipologlie previste dal Disciplinare (Custoza, Custoza Superiore, Custoza Spumante, Custoza Passito) producono complessivamente 12 milioni di bottiglie, delle quali il 30% viene collocato sui mercati stranieri, il 70% in Italia, facendone uno dei vini bianchi più conosciuti ed amati dai consumatori. Quando tradizione, conoscenze tecniche, storia e ambiente si fondono in un perfetto insieme nascono fatti unici, che esprimono l'armonia che si determina tra le diverse parti.

La vocazione del bianco di Custoza deriva dalla perfetta armonia tra sapienza enologica, tradizione della vite, particolari fattori climatici e pedologici propri dell'area compresa tra la sponda meridionale del Garda veronese, il Mincio e l'Adige. In questa isola felice, inserita nella grande tradizione enologica veneta, vengono coltivate le uve del bianco di Custoza con tecniche all'avanguardia che hanno trasformato l'amore per la vite in un arte raffinata. Il bianco di Custoza anticipa nei riflessi aurati del colore e nelle sfumature fruttate del profumo, il carattere fine ed originale e la fresca eleganza del sapore.


Articoli correlati:
Concorso Vino Custoza Doc Aumentano le medaglie d'oro
Il Custoza Doc, una battaglia vinta


© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


vino custoza vino bianco enologia garda lago di garda benaco veneto verona doc vino doc barrique cibo Italia a tavola

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®