Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 02 aprile 2020 | aggiornato alle 11:07| 64533 articoli in archivio
Rotari
Rational
HOME     TURISMO     TERRITORIO

Patrimonio Unesco, 25 nuovi siti Due per l’Italia, prima in classifica

Patrimonio Unesco, 25 nuovi siti Due per l’Italia, prima in classifica
Patrimonio Unesco, 25 nuovi siti Due per l’Italia, prima in classifica
Pubblicato il 29 giugno 2011 | 16:34

25 le new entry 2011. L'Italia si aggiudica il riconoscimento per la Rete Longobarda e per le Palafitte alpine di Ledro e Fiavè (Trentino, in condivisione con altri Paesi dell'arco: Svizzera, Austria, Francia, Germania e Slovenia). L'Italia è in testa alla classifica Unesco con 47 siti nella lista

Altri 25 nuovi siti si aggiungono al World heritage stabilito dall'Unesco: si sommano ai 911 già presenti nella prestigiosa lista, per un totale di 936. Dalle 37 candidature presentate quest'anno due nuove iscrizioni vanno all'Italia che si aggiudica il riconoscimento per la Rete Longobarda e per le Palafitte alpine di Ledro e Fiavè (Trentino, in condivisione con altri paesi dell'arco, Svizzera, Austria, Francia, Germania e Slovenia). L'Italia è sempre in testa alla classifica Unesco con 47 siti nella lista, pari al 5% del totale.

Rete Longobarda. Foto: Repubblica.it

Eppure in questa sessione di annessioni, è la Germania ad avere la meglio con ben 3 new entry: la Fabbrica Fagus di Alfeld, in Bassa Sassonia, il capolavoro architettonico di Walter Gropius, le antiche foreste di faggi, e le Palafitte Alpine.

Due nuovi siti World Heritage anche per il Giappone, si tratta delle isole Ogasawara e della capitale del regno del Nord del paese Hirazuimi.

Segue il Medio Oriente che nel complesso ottiene quattro nuove citazioni (più uno per la Turchia, la splendida Moschea Selimye di Edirne, capolavoro di Sinan, il Michelangelo ottomano); poi l'Africa con cinque. Ma ci sono anche Mongolia, Vietnam e America Latina, bellezze fuori dagli itinerari classici del turismo di massa.

Con le nuove annessioni, il patrimonio culturale presente nella classifica Unesco sale a 725 presenze contro i 183 siti naturali e i 28 misti.

La Lista Unesco comprende da sempre una zona "rossa", quella dei luoghi in pericolo (e quindi a maggior ragione meritevoli di essere tutelati, in quanto così importanti da essere patrimonio dell'umanità). Una lista in cui si entra (se ad esempio una zona verde è a rischio deforestazione o un monumento in caduta libera), e per fortuna si esce. Quest'anno entrano nella "black list" la riserva Rio Platano in Honduras e la foresta tropicale di Sumatra in Indonesia. Esce invece perché fuori pericolo il santuario naturale di Manas in India.

La sessione 2011 si segnala anche per una polemica. La Thailandia minaccia l'uscita dalla Convenzione e dal Comitato per problemi legati al Tempio di Preah Vihear, da decenni conteso alla Cambogia.


Articoli correlati:
Pizza napoletana e Pantelleria Nuove candidature per l'Unesco
Il territorio di Pantelleria candidato a sito Unesco
La Dieta mediterranea è Patrimonio dell'umanità
Unesco sempre più vicina per le Colline del Prosecco
Colline di Conegliano Valdobbiadene Un altro passo verso l'Unesco
Prosecco, una grande Doc e le colline di Valdobbiadene patrimonio Unesco

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


unesco patrimonio italia Rete Longobarda Palafitte alpine di Ledro e Fiavè Italia a Tavola turismo territorio

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®