Allegrini
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 09 agosto 2020 | aggiornato alle 10:50| 67145 articoli in archivio
Allegrini
Molino Quaglia
HOME     VINO     CONSORZI

La Toscana in Brasile
L'Enoteca italiana vola in sud America

La Toscana in Brasile L'Enoteca italiana vola in sud America
La Toscana in Brasile L'Enoteca italiana vola in sud America
Pubblicato il 24 agosto 2011 | 15:06

Workshop, conferenze e degustazioni hanno fatto conoscere il meglio del Made in Tuscany ai più importanti operatori del wine-business del Brasile. Più di 40 etichette di 15 aziende sono state protagoniste di incontri con professionisti e con i responsabili food&beverage dei maggiori ristoranti

Segnali positivi per il vino italiano anche in Brasile. Dopo il via al progetto 'contaminazione tra eccellenze italiane e cucina cinese” a Shanghai, Enoteca italiana, approda, portando la sua professionalità nella promozione del vino italiano, anche in in uno dei maggiori paesi dell'America del Sud.

 'La Toscana in Brasile” è il nome del progetto svoltosi dal 25 al 29 luglio nelle maggiori città brasiliane con la partecipazione di aziende aderenti al Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, del Consorzio del Morellino di Scansano e altre aziende toscane aderenti alla Cia Toscana.

Workshop, seminari, conferenze e degustazioni hanno permesso di far conoscere il meglio del Made in Tuscany ai più importanti operatori del wine-business  del Brasile.

«Un lavoro importante. Un successo per il vino italiano in particolare per quello toscano e un grande interesse per le nostre Doc» spiega Claudio Galletti, presidente di Enoteca italiana.

Più di 40 etichette di 15 aziende sono state protagoniste di importanti incontri con operatori del settore, giornalisti di settore e con i responsabili food and beverage dei maggiori ristoranti.

Inoltre gli workshop hanno permesso sostanziose relazioni tra le aziende toscane e gli importatori e operatori brasiliani provenienti da diverse province del Brasile. Un vero e proprio 'B2B”, un incontro diretto tra importatore e produttore in un mercato, quello brasiliano, che rappresenta una grande opportunità per i vini italiani.

Con un mercato di oltre 190 milioni di possibili consumatori, il Brasile è in prospettiva una realtà di sicuro interesse per i produttori italiani, attestandosi nel 2010 al 4° posto con il 13% dietro a Cile, Argentina e Francia (14%) ma espresse in litri le importazioni dall'Italia sono notevolmente superiori a quelle dalla Francia. L'Italia dal 2005 al 2010 ha mantenuto una crescita costante delle esportazioni verso il Brasile superando nel 2010 10milioni di litri.

L'importazione di vino in Brasile è stata in costante aumento negli ultimi 6 anni, grazie in particolare alla valorizzazione del Real, alla mancanza di una produzione diversificata locale e all'aumento del potere d'acquisto.

Le importazioni sono state nel 2010 pari a € 195 milioni, equivalente a 71 milioni di litri di vini. Tra il 2005 e 2010, la crescita delle importazioni in valore ha superato la crescita in volumi, mostrando una propensione a migliorare la qualità del consumo.
La tendenza per il 2011 è un aumento costante delle importazioni di vini di qualità.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


vino brasile cina Italia a Tavola Enonews consorzio

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®