Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 12 dicembre 2019 | aggiornato alle 10:28| 62523 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     RICETTE     CONTORNI e SALSE
di Sandro Romano
Sandro Romano
Sandro Romano
di Sandro Romano

Il piatto della vendemmia
Puré di fave con uva Primitivo

Il piatto della vendemmia Puré di fave con uva Primitivo
Il piatto della vendemmia Puré di fave con uva Primitivo
Pubblicato il 04 gennaio 2012 | 10:56

Un piatto dal sapore antico legato al periodo della vendemmia e alla straordinarietà di alcuni tra i prodotti della campagna pugliese: l’uva, le fave e le olive. Un piatto che evoca momenti di antica convivialità, preparata dalla signora Clara Massafra e da lei consegnatami direttamente

Sono sempre alla ricerca di ricette dell'antica tradizione della mia terra e, quasi per caso, circa tre mesi fa ho avuto il piacere di assaggiare, a casa di carissimi amici, un piatto di origini antiche, di cui mai avevo sentito parlare prima d'ora. Un piatto che, data la sua composizione, era sicuramente e indissolubilmente legato al periodo della vendemmia nel territorio di Manduria (Ta), tradizionalmente vocato alla coltivazione del vitigno Primitivo. Un piatto che evoca momenti di antica convivialità, durante i quali le donne addette alla cucina abbinavano uno dei piatti più rappresentativi della cucina pugliese, il puré di fave decorticate, comunemente chiamate fave bianche, a grappoli di uva Primitivo. Il Primitivo è uvaggio da vino, con acini piccoli e raccolti in grappoli compatti, tradizionalmente utilizzata per la produzione del famoso Primitivo di Manduria, vino di punta della produzione enoica pugliese. Ecco la ricetta, preparata dalla signora Clara Massafra, simpaticissima madre del mio amico Orazio Piccinni, e da lei consegnatami direttamente.

Ingredienti per 4 persone: 500 g di fave decorticate, 3 o 4 foglie di alloro, sale, olio extravergine d'oliva, 700 g di uva Primitivo di Manduria.

Preparazione: tenere a bagno le fave per almeno un paio d'ore, poi sciacquarle e metterle con qualche foglia di alloro in una pignata di terracotta di adeguata capienza, coperte di acqua fredda.

Accendere la fiamma e cuocerle fino a quando,mescolandole con un cucchiaio di legno, si sfalderanno e formeranno una densa purea. A questo punto regolare di sale, versarle in un piatto, passarle con una croce d'olio extravergine d'oliva pugliese e accompagnarle con l'uva che, con la sua dolcezza e croccantezza,  contrasta piacevolmente con il gusto rustico e la morbidezza della purea di fave.

Un ottimo pane cotto nel forno a legna e un buon vino saranno il giusto accompagnamento per questo piatto, semplice, ma gustoso e dal sapore antico.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


puglia romano fave puré olio uva grappoli primitivo manduria Italia a Tavola ricetta contorni salse

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

03/09/2014 10:15:13
1) Archeologia del gusto
Merito a una costante ricerca delle nostre neglette tradizioni a tavola. Divulgazione di una vera archeologia del gusto.
michelangelo romano


ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).