Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 15 agosto 2020 | aggiornato alle 07:36| 67230 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
HOME     PROFESSIONI     PIZZAIOLI

La migliore pizza d’Italia
è la Margherita di Daniele Orsini

La migliore pizza d’Italia è la Margherita di Daniele Orsini
La migliore pizza d’Italia è la Margherita di Daniele Orsini
Pubblicato il 07 marzo 2012 | 12:35

A Tirreno Ct sono state premiate le migliori pizze d’Italia. Al Giropizza d’Europa trionfa Daniele Orsini, un pizzaiolo italiano che lavora in Francia. Crescono le “quote rosa” in pizzeria: Katiuscia Di Marzo è la migliore pizzaiola. Il settore non sente la crisi e un italiano su 4 sceglie la pizza

Da sinistra: Domenico Manfredi, Daniele Orsini e Massimo Giovannini

CARRARA (MS) - Giropizza d'Europa, l'evento che ha fatto tappa all'interno di Tirreno Ct, la fiera dedicata all'hotellerie e all'enogastronomia in corso fino a domani, 8 marzo, nel polo fieristico di Carrara (Ms), ha incoronato vincitore Daniele Orsini (nella foto sopra, al centro) con una classica e semplice pizza 'Margherita”. Orsini, italiano, lavora presso il ristorante Il Pizzaiolo di Montpellier, in Francia. La sua tradizionale Margherita (pomodoro e mozzarella) ha successo probabilmente per la qualità dell'impasto, una speciale composizione e una lievitazione rimasti, però, segreti. Nella gara di Giropizza si è classificato secondo Domenico Manfredi (nella foto sopra, a sinistra) di Europizza da Mimmo a Borgo San Dalmazio (Cn). Il pizzaiolo piemontese ha gareggiato preparando 'Europizza”, con un condimento a base di zucchine, gamberetti, mozzarella di bufala, formaggio brie, pomodori freschi e rucola. Terzo posto per Massimo Giovannini (nella foto sopra, a destra) della pizzeria Apogeo di Pietrasanta (Lu): la sua pizza 'Burrata e Alici” vede la presenza di mozzarella fiordilatte, burrata, acciughe e pomodori Pachino.

La manifestazione Giropizza, organizzata da Pizza e Pasta italiana in collaborazione con Scuola italiana pizzaioli, ha visto la partecipazione di oltre 200 pizzaioli, che si sono sfidati in sette tappe lungo tutta l'Italia. Alla finale di Parigi, che si terrà a maggio, andranno 70 pizzaioli. Durante la gara sono state proposte oltre 350 pizze e la prevalenza ha visto condimenti con prodotti a km zero e di stagione.

Da sinitsra: Bita Violeta, Gisa De Simone e Katiuscia Di Marzo

Pizza in 'rosa”
A Tirreno Ct si è svolto anche il primo Trofeo la 'Pizza in rosa”. La prima gara completamente al femminile e dedicata al gentil sesso e alla sua creatività, è stata organizzata da Ristorazione italiana magazine. A vincere è stata Katiuscia Di Marzo (nella foto, a destra) della pizzeria Il Pappagallo di Crema (Cr) con la pizza 'Terra e mare”. Al secondo posto si è piazzata Gisa De Simone (nella foto, al centro) della pizzeria Il Pino con una 'Pizza tartufata”, mentre al terzo posto si è classificata Bita Violeta (nella foto, a sinistra), di origine rumene, della pizzeria La Tavernetta di Acqui Terme (Al) con la pizza 'Sara”.

Pizza tradizionale
In fiera sono state premiate anche le migliori pizze tradizionali durante il Concorso 'Scienza e cultura della pizza” promosso da Pizza Planet. Una gara che ha messo in gara 35 pizzaioli da tutta Italia che si sono sfidati con impasti e ricette della tradizione dei maestri pizzaioli. Alla fine ha vinto Leone Coppola della pizzeria La Caretera di Gavirate (Va). Premio speciale per Andrea Cortesi di Alessandria nella categoria 'Miglior farinataio”.



Il futuro della pizza è... il passato
Dopo anni di sperimentazioni e accostamenti 'spinti”, la pizza torna alle origini. Gli italiani preferiscono la pizza con i prodotti di stagione e legati al territorio. Pino Ferraro, maestro pizzaiolo di Napoli non ha dubbi: «la tendenza di questi ultimi anni della pizza è nel curare l'impasto e la personalizzazione della lavorazione», dice a margine della gara di Giropizza. «Quello che si cerca oggi, sono farine macinate a pietra per dare maggiore digeribilità al prodotto con la pizza che entra sempre più a fare parte della grande ristorazione». Per quanto riguarda i condimenti, «si assiste ad un ritorno alla tradizione con prodotti del territorio e di stagione sia per motivi di gusto ma anche di costi. Sono i clienti che chiedono maggiore attenzione al valore ambientale dei prodotti usati».

La pizza in Italia
Pizza acrobaticaLa preparazione della pizza divide il Nord e il Sud dell'Italia. Nel Meridione per l'impasto viene utilizzata una percentuale maggiore di farina e la palla dalla quale si ricava il disco è di 250-280 grammi. La cottura avviene rigorosamente in forno a legna a 450°C per due minuti al massimo e ottiene una pizza di 28-30 centimetri di diametro le cui caratteristiche sono quelle di un bordo alto e morbido. Il condimento base prevede pomodoro fresco macerato in olio extravergine di oliva, sale e basilico con l'aggiunta di mozzarella di bufala. Al Nord, invece, la mozzarella fiordilatte prende il posto di quella di bufala, si usa minor farina e la palla ottenuta ha un peso di 200-230 grammi. Qui la stesura è ampia, fino a 33 centimetri di diametro, con poco bordo e una cottura a 320° per 4-5 minuti in forno elettrico o a legna. Caratteristiche sono la friabilità e la croccantezza.

I numeri della pizza
Nel comparto della ristorazione con 290mila imprese, che impiegano oltre un milione di addetti generando un fatturato complessivo di 72 miliardi di euro, la pizza copre un ruolo di rilievo. L'italiano che abitualmente consuma pranzi fuori casa spende mediamente sette euro e nel 23% dei casi, quasi in italiano su quattro, sceglie una pizza Negli ultimi anni il numero delle pizzerie classiche (escluse quelle al taglio, d'asporto e a domicilio) sono sono passate da 22.230 a 25.300 unità, +14%. Vero e proprio boom per le pizzerie da asporto passate dalle 18.821 del 2001 alle 26.700 unità del 2010 (+42%). Per quanto riguarda le pizzerie classiche, il picco di crescita si è avuto nel 2004, +3,86%.

Complessivamente l'incidenza della pizzeria sulla ristorazione è salita al 40% nel 2010 contro il 32,4% del 2001. Secondo l'Istituto europeo della pizza italiana, un italiano consuma 7,6 kg di pizza all'anno, secondo nella classifica mondiale battuto dagli americani con 13 kg. San Paolo (Brasile) è la città del mondo che ha più pizzerie, oltre 6mila.


Articoli correlati:
Incontro mirato tra domanda e offerta Punto di forza della fiera Tirreno CT
Il futuro della panificazione a Tirreno Ct Pane toscano 'sciocco” verso la Dop
Occhi puntati sui concorsi Fic A Tirreno Ct 500 piatti in 4 giorni


© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


pizza pizzaioli pizzerie tirreno ct giropizza d'europa Daniele Orsini margherita carrara Italia a Tavola aggiornamenti pizzaiolo pizza

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®