ABBONAMENTI
 
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 05 dicembre 2020 | aggiornato alle 09:47| 70121 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia

Troppi, troppo vecchi e piccoli
Gnudi rottama gli alberghi

Troppi, troppo vecchi e piccoli Gnudi rottama gli alberghi
Troppi, troppo vecchi e piccoli Gnudi rottama gli alberghi
Primo Piano del 02 novembre 2012 | 10:41

Per il ministro del Turismo, che ha presentato il Piano strategico del settore, alcune imprese alberghiere italiane non sono competitive come invece sono ad esempio in Francia e in Spagna. Occorre dunque semplificare le procedure per consentire un più facile cambio di destinazione degli immobili

Armonizzazione della tassa di soggiorno e trasformazione in tassa di scopo da destinare ai Comuni; rottamazione degli hotel; trasformazione dell'Enit (Agenzia nazionale di tirismo): sono le priorità previste dal Piano strategico del Turismo, presentato alla Commissione attività produttive della Camera. Il piano ora dovrebbe essere adottato dal Consiglio dei Ministri nella seconda metà di novembre.

Il Piano, presentato dal ministro del Turismo Piero Gnudi (nella foto) e dagli esperti di Boston Consulting, evidenzia - è stato detto dai manager di Boston Consulting - come l'Enit, «non solo ha un budget molto limitato, ma non ha le professionalità necessarie». Inoltre «la capacità ricettiva italiana è fatta di piccole imprese, spesso troppo vecchie». L'Enit, in particolare, dovrebbe diventare «fabbrica di prodotti ed avere una strategia fortissima sul digitale, ma ora non ha le competenze. Così come è l'Enit può essere chiuso».



 «In Francia il tasso di occupazione degli alberghi è molto superiore al nostro», hanno detto gli esperti di Boston Consulting, secondo i quali nei prossimi 10 anni i segmenti chiave che l'Italia deve guardare arriveranno dai Paesi emergenti e soprattutto dai i clienti che oggi hanno una liquidità in banca oltre 250mila euro. «Su questi clienti bisogna focalizzare l'attenzione», hanno fatto notare.

«Fino al 2000 l'Italia era al primo posto per introiti - ha detto il ministro Piero Gnudi - oggi siamo al terzo posto, dietro Francia e Spagna e la riduzione di quote di mercato è stata superiore al calo dei Paesi competitor. Oggi l'Italia non ha mai una posizione di leadership, pur avendo gli asset naturali e turistici più forti. Abbiamo una quota di mercato cinese molto bassa, la Francia è fortissima, perché ha sviluppato una politica mirata. E dire che tutti i turisti, come prima scelta, vedrebbero l'Italia come luogo in cui andare: poi si scontrano con una serie di difficoltà; manca un'offerta
moderna e integrata».

Secondo le recenti stime, infatti, l'Italia per quanto riguarda la capacità di portare a sé il turista internazionale, sta perdendo punti rispetto a Francia e Spagna, e se il Belpaese nel 1995 era primo in Europa come incassi dal turismo straniero oggi si posiziona al terzo posto, dietro appunto a Francia e Spagna.

Piero GnudiPer il Ministro Guidi è fondamentale dunque «cercare di recuperare il tempo e le occasioni perdute», e modernizzare l'offerta ricettiva e turistica italiana. I numeri confermano che in Italia ci sono 34mila alberghi contro i 15mila della Spagna che però riescono a ottenere un numero di pernottamenti maggiore (dati Corriere della Sera). In questo senso si inserirebbe la 'rottamazione degli alberghi”: «Più che di rottamazione - spiega il Ministro - è più corretto parlare di semplificazione. Bisogna creare condizioni affinché il mercato possa decidere e funzionare correttamente. Si tratta di consentire alle imprese che vogliono crescere di aggregarsi e d'altra parte dare un'alternativa agli alberghi che ritengono di non poter stare sul mercato. Alcune delle nostre imprese non sono competitive ed è chiaro che molti proprietari sono intrappolati dalla destinazione d'uso dei loro immobili. Potrebbe servire una semplificazione delle attuali procedure e consentire un più facile cambio di destinazione degli immobili».

Sempre per quanto riguarda il settore alberghiero il piano di Gnudi si pone come obiettivo quello di rendere più omogenia e uniforme l'assegnazione e la classificazione delle stelle, in modo che ad esempio gli alberghi a 3 stelle abbiamo le stesse caratteristiche in tutta Italia.

Per il Ministro Gnudi questo piano è «una grande opportunità per il Paese, in particolare per il Sud». Il turismo spiega Gnudi «vale l'8,6% del Pil e il 9,7% dell'occupazione. Il piano prevede di incrementare di 30 miliardi il contributo al Pil, da 136 a 166 miliardi e creare 500mila posti di lavoro entro il 2020».

Confindustria viaggi: Sì alla 'rottamazione” degli alberghi
Astoi-Confindustria Viaggi condivide in toto la proposta contenuta nel Piano strategico nazionale sulla "rottamazione degli hotel" così come le dichiarazioni del Ministro Gnudi, che ha giudicato «troppi, troppo vecchi e piccoli» i 34mila alberghi presenti in Italia.

«La nostra condivisione di quanto affermato dal Ministro è totale», ha detto Nardo Filippetti, presidente di Astoi-Confindustria Viaggi. «Gli alberghi italiani sono per la maggior parte da ristrutturare e da adeguare alla domanda perché, semplicemente, risultano ormai fuori mercato e, rispetto alle strutture di altri Paesi, pagano dazio in termini di dimensioni, servizi (si pensi solo a quelli legati alla tecnologia) e di qualità (stabili non ristrutturati, arredi datati). Questo accade soprattutto sulle destinazioni balneari, ovvero quelle che generano i numeri maggiori in termini di presenze e che hanno la stagionalità più breve e per questo è più difficile ammortizzare gli investimenti. Per queste ragioni perdiamo nel confronto con la proposta alberghiera delle altre nazioni e, per gli stessi motivi, i tour operator hanno grosse difficoltà nel proporre e vendere le strutture presenti sul territorio nazionale tanto agli italiani quanto agli stranieri, che si vedono 'costretti” a scegliere altre destinazioni che propongono un'offerta ricettiva sicuramente più competitiva in termini di rapporto qualità/prezzo».

Assoturismo-Confesercenti: Meglio ragionare sulla qualità e non sulle dimensioni
«Le dichiarazioni del ministro Gnudi, che vorrebbe vedere 'rottamati” gli hotel di minori dimensioni, ci lasciano fortemente perplessi. Innanzitutto perché la rete dei piccoli alberghi è funzionale all'Italia; ma anche perché è il mercato a decidere il successo o l'insuccesso di un'attività imprenditoriale, pure nel caso della ricezione turistica. Meglio ragionare sulla qualità e non sulle dimensioni». Il presidente di Assoturismo-Confesercenti Claudio Albonetti commenta così, in una nota, le parole del ministro per il Turismo Piero Gnudi, che ha suggerito di rottamare molti degli alberghi italiani perché «troppi, troppo vecchi e troppo piccoli».

«Sulla qualità – continua Albonetti - il Ministro sfonda una porta aperta: siamo più che disponibili a lavorare sul tema, che la nostra associazione ha sempre ritenuto centrale; così come ribadiamo la nostra piena collaborazione con l'Esecutivo su molte altre questioni fondamentali per il turismo. Ma l'idea di rottamare gli hotel in base a criteri dimensionali e non qualitativi ci lascia invece basiti. Non riteniamo che questa sia una scelta che spetti al Governo, quanto piuttosto al mercato. Inoltre, ci preme sottolineare il fondamentale valore della rete dei piccoli alberghi, che è funzionale alla vocazione turistica italiana, che si estende a tutto il territorio, ed è in grado di intercettare tutti i turismi, non solo quelli d'élites. Non si possono costruire giganti della ricezione in ogni angolo d'Italia: sarebbe antieconomico e un grave danno per il nostro splendido Paese. Se l'obiettivo è il rinnovamento della rete alberghiera italiana lo Stato ci aiuti piuttosto a reperire le risorse necessarie che, in questo clima di crisi, non possono certo essere messe in campo dalle sole imprese. Sarebbe un intervento, questo, cui non potremmo che plaudire».


Articoli correlati:
Per rilanciare il turismo, alberghi più moderni e gourmand
Il turismo lavora per l'Italia 20 proposte per il rilancio del settore
Piano per il rilancio del turismo Fondamentale l'agricoltura
Gnudi: Rilanciare il Marchio Italia Un nuovo piano per il turismo

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


hotel francia italia piero gnudi Italia a Tavola turismo Tendenze servizi

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

09/11/2012 18:52:00
4) In Italia non si distingue il bello dal brutto, l'utile dall'inutile
Caro Alberto, ho letto la tua proposta per il rinnovamento del settore alberghiero. Come sempre mi complimento per il tuo impegno. Ho solo un dubbio sulla possibilità di costruire alberghi non tanto piccoli e moderni in un Paese che non vuole distinguere il bello dal brutto, l'utile dall'inutile. Basta guardarsi in giro. Fra i mille esempi, cito la Valpolicella, in particolare Negrar. Al posto di vigneti che producevano vini come l'Amarone, venduti a caro prezzo in tutto il mondo (malgrado la crisi), hanno costruito alberghi che definire orribili sarebbe un complimento, villette e di tutto. I vignaioli si sono trasferiti a Illasi e in Lessinia, dove vige l'agricoltura 100% e una notevole agiatezza.

giornalista
07/11/2012 19:01:00
3) Ora si può fare qualcosa...
Caro Giorgio hai ragione da vendere. Sottoscrivo tutto quel che dici, con la sola differenza che, pur nello sfascio generale del Paese, non voglio arrendermi al pessimismo. Sarà anche un libro dei sogni, ma siamo almeno in presenza di idee serie e coerenti. Vuoi mettere con le idee, poche e ben confuse, dell'ex Ministro Michela Vittoria Brambilla...

direttoreItalia a Tavola
07/11/2012 18:47:00
2) Ma chi investirà e chi farà formazione ?
Caro Alberto, come sempre, ti leggo con attenzione e traggo spunti interessanti per le mie riflessioni sul mondo del turismo che, ormai, guardo solo dallo spioncino della porta. Nulla da eccepire sul tuo articolo, nulla da eccepire sulla strategia del ministro per un riordino globale del sistema ricettivo nazionale. Eppure, mi sembra di leggere cose già scritte negli anni e mai applicate.
Cui prodest questo riordino? Al sistema paese, certo. Ma cos'è il sistema paese? Un moloch indistinto in cui si caccia tutto e quindi non si caccia niente. Perché il mio scetticismo? Cercherò di essere sintetico, per non tediarti: 1) Siamo a sei mesi dalle elezioni: tempo troppo breve per questo ministro perché realizzi qualcosa di così grande; 2) Dove li troviamo i soldi (30 miliardi!!!) per migliorare il sistema?; 3) Dove troviamo l'accordo tra governo e regioni per uniformare le stelle alberghiere? 4) Stendo un velo pietoso sulla professionalità del sistema, che è soggettiva e non oggettiva. E se la formazione la fanno (con il contagocce) le grandi strutture, conosci hotel familiari che la applicano con costanza? Ma, come dici tu, dobbiamo dare atto al ministro di sano coraggio, di aver riproposto il tema. Nell'attesa che il successore (se ci sarà) sia altrettanto 'folle”. Si accettano scommesse. Con immutato affetto Giorgio

giornalista Class editore
07/11/2012 15:28:00
1) Il problema è la mancanza di una burocrazia efficiente
1)

Sono in perfetto disaccordo con quanto sopra esposto dal Ministro Piero Gnudi, e invece concordo con quanto minuziosamente ribadito dal Presidente Claudio Albonetti. Per rilanciare il turismo in Italia bisogna prima abbattere la burocrazia, organizzare e preparare il territorio, che solitamente è sprovvisto di servizi, di coordinamento, e di infrastrutture. Suggerisco di riorganizzare gli uffici ENIT, che da una personale esperienza non rappresentano l'Italia tutta in modo corretto, o se la rappresentano lo fanno in modo poco professionale e non generale. Per quanto concerne gli alberghi bisogna incentivare le ristrutturazioni, le riqualificazioni, e non le dimensioni.

L'Italia non risulta essere competitiva dal punto di vista turistico, nonostante sia a livello mondiale tra le più ricche come patrimonio artistico, culturale e naturalistico, perchè spesso rappresentata da persone incompetenti che si trovano in posti chiave. Non dimentichiamo che il turismo in Italia non ha mai avuto considerazioni importanti, perchè è risultato un settore sempre sottovalutato, nonostante la ricchezza in ordine di posti lavoro e di introiti per la nostra Nazione. Non si è mai detto che un albergatore vive quotidianamente disagi sulla gestione, perchè giudicato ma non valorizzato. Siamo quotidianamente messi su un banco di prova per competere con realtà che hanno avuto incentivi e promozioni a livello statale; non parlo di realtà come la Tunisia o l'Egitto, ad esempio, dove i costi di gestione e del lavoro sono sicuramente diversi dai nostri, ma di realtà come la Spagna, la Francia, la Germania, i Paesi Bassi, dove è stato valorizzato il settore del turismo.

Ne è un esempio la Catalogna, dove Barcellona e Valencia negli ultimi 10 anni hanno realizzato un boom basato sull'inesistenza di un territorio turistico, realizzando musei, infrastrutture, promuovendosi e vendendosi al top. Questo esempio è la realtà, in riferimento a quanto sopra detto, che non sono le dimensioni degli alberghi a definirne l'importanza, tenendo pur conto che oggi è la piccola impresa a sostenere l'economia, e non la grande. Concludo, pur avendo molto altro da dire; spero che anche al turismo e a chi ha investito in tanti anni nello stesso, anche l'Italia dia una chance. Auguro buon lavoro a tutti.




ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®