Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 08 luglio 2020 | aggiornato alle 15:56| 66608 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Molino Quaglia
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO

Cibo nelle mense scolastiche
Cresce il gradimento, calano gli sprechi

Cibo nelle mense scolastiche
Cresce il gradimento, calano gli sprechi
Cibo nelle mense scolastiche Cresce il gradimento, calano gli sprechi
Pubblicato il 15 marzo 2013 | 10:25

Nelle scuole di Milano i bambini apprezzano maggiormente il pasto e mangiano di più con conseguente minore spreco di alimenti. Nel 2012 infatti il livello di gradimento ha superato la soglia del 75% fissato dalla Regione

Dai risultati dell’ultima rilevazione eseguita nelle scuole di Milano nel mese di febbraio sulle 4 settimane di menu (panel di 1.000 utenti, rappresentativo della popolazione scolastica), emerge un dato confortante: i bambini apprezzano maggiormente il pasto e mangiano di più con conseguente minore spreco di alimenti.

Rispetto al dato rilevato a inizio 2012, il gradimento medio dei pasti è passato dal 72 al 75,10%, dato positivo e con trend positivo, che consente il superamento, tra l’altro, della soglia del cosiddetto “totalmente accettato” (fissato al 75% dalle Linee guida per la ristorazione scolastica della Regione Lombardia); un dato che si riflette positivamente anche sulla diminuzione degli avanzi, a questo livello, 25%, ritenuto, dagli esperti del settore, “fisiologico”, vista la eterogeneità e complessità della popolazione. Per fare un raffronto su situazioni paragonabili, una rilevazione eseguita a Roma tra la fine del 2010 e l’inizio del 2011 fissava al 63% il gradimento medio di quella città.

Diversi i fattori che contribuiscono a produrre il risultato di Milano: su tutti il menu migliorato, grazie anche al contributo delle segnalazioni che i genitori e i bambini fanno pervenire a Milano Ristorazione tutti i giorni, con numerose ricette nuove rispetto al passato, e le grammature delle porzioni, revisionate sulla base dei livelli raccomandati in energia e nutrienti dai Larn (Livelli di assunzione raccomandati in nutrienti) di Sinu (Società italiana di nutrizione umana) e Inran (Istituto nazionale per la ricerca alimentare e la nutrizione), validate dalla Asl Milano.

A questa buona e incoraggiante notizia se ne aggiunge un’altra: grazie, infatti, alla collaborazione di Milano Ristorazione con Siticibo Milano, programma dell’Associazione Banco Alimentare della Lombardia che dal 2003 recupera pane e frutta da oltre 100 scuole raggiungendo le 160 tonnellate annue, è in partenza lo studio di fattibilità per il recupero anche dei pasti preparati come scorta per le emergenze e che, quando inutilizzati, potranno essere redistribuiti nelle mense delle strutture caritative che assistono persone indigenti in città. Si tratta di un quantitativo che in un anno potrebbe ammontare a circa 20 tonnellate.

Miglioramenti nei menu e buone pratiche nel recupero fanno, così, diminuire lo scarto medio quotidiano da circa 130 a 115 grammi per pasto/utente (riferito ad un peso medio di 480 g di pasto completo), 11,5% in meno rispetto al 2012. Questo può portare alla considerazione che, nel prossimo futuro, il settore della scolastica di Milano, consolidando il livello di gradimento, introducendo ulteriori miglioramenti produttivi e applicando altre buone pratiche nel riuso degli avanzi, evidenzierà in modo semplice ed efficace come sia possibile ridurre ulteriormente la quota di alimenti non consumati, contenendo, per quanto possibile, la quota di alimenti che, se non adeguatamente gestiti, diventano rifiuto.



Il tema è proprio il riuso: infatti, una volta raggiunta la soglia del 75% di gradimento, è difficile che questa aumenti se non in modo lento. Dunque, oltre che tendere a indici di gradimento sempre più elevati, per erodere in maniera più aggressiva quel 25% di avanzi è necessario progettare nuovi modi di recupero, oltre a quelli già messi in atto finora.

Ecco la sfida che la Città di Milano dovrebbe porsi per il futuro: se, infatti, percentualmente, gli avanzi sono “accettabili”, in valore assoluto, invece, rappresentano una quantità che non possiamo tollerare. Come gestire, dunque, in maniera sempre più efficiente, questi avanzi in modo che possano trasformarsi in cibo ancora buono per molti?

Milano Ristorazione farà la sua parte, migliorando i menu, ma per fare un salto in avanti c’è bisogno di tutti, bambini, genitori, cittadini, insegnanti, istituzioni che possano contribuire sia ad incentivare un comportamento corretto a tavola, sia a contribuire, con nuove idee, a comportamenti più sostenibili. Una di queste idee è il progetto “Frutta a metà mattina”, per il quale Milano Ristorazione sta preparando un bando per la ricerca di partner e patrocini, al fine di poter rendere strutturale questa buona pratica che porterebbe ulteriori benefici alla salute dei bambini e alla collettività, trasformandosi così in un investimento sul futuro.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


bambini scuola alimentazione sprechi gradimento milano ristorazione

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

01/04/2013 18:30:01
1) Mini porzioni e vaschette sigillate
buongiorno, la mia idea per ottimizzare il recupero nelle mense è fare delle miniporzioni, un vaschetta divisa in due sigillata utilizzarne una alla volta se rimane una recuperarla per mense dei poveri e riscaldarla al microonde saluti
renato moretti


ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®