Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 10 aprile 2020 | aggiornato alle 21:10| 64796 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TERRITORIO
di Roberto Vitali
Roberto Vitali
Roberto Vitali
di Roberto Vitali

“Tipicità Marche” sempre più completa
A Fermo un esempio per tutta la regione

“Tipicità Marche” sempre più completa
A Fermo un esempio per tutta la regione
“Tipicità Marche” sempre più completa A Fermo un esempio per tutta la regione
Pubblicato il 22 marzo 2013 | 16:35

Giunta alla 21ª edizione, la manifestazione ideata da Angelo Serri non si limita più alla sola enogastronomia ma anche all’artigianato, all’industria, al turismo, puntando su solidi network per uscire da ogni crisi

FERMO - La 21ª edizione di “Tipicità Marche” - che per avere una denominazione più appropriata dovrebbe da ora chiamarsi “Made in Marche Festival” - passerà alla storia per l’edizione della svolta. Non solo perché a 21 anni una volta si diventava maggiorenni, ma perché tante sono le novità che hanno trasformato, in meglio ovviamente, quella che era la piccola fiera agroalimentare ideata da Angelo Serri (nella foto sotto, secondo da sinistra) 21 anni fa e da lui sempre condotta per mano come una figlia, sino ad avere oggi il riconoscimento incondizionato di esponenti politici, amministratori, rappresentanti dell’industria, del commercio e dell’artigianato, oltre che ovviamente di tutto il mondo agroalimentare per il quale “Tipicità Marche” era nata.



La prima nota positiva - e direi determinante in visione futura - è la radicale trasformazione ed ampliamento della struttura espositiva, oggi “Fermo Forum”, merito dell’imprenditore Giampiero Properzi che ha investito credendo nel futuro dell’iniziativa. Oggi la struttura alla periferia di Fermo - lo hanno detto e scritto persone autorevoli - si pone come centro fieristico non solo a livello fermano ma a disposizione della regione Marche nel suo complesso.

La seconda nota positiva, dopo l’ampliamento degli spazi espositivi e dei servizi, è l’incremento delle tipologie economiche messe in mostra. Non solo agroalimentare e industria turistica, ma anche tanto artigianato (si pensi che qui è nato, già negli Anni Settanta, il primo distretto italiano del settore calzaturiero, ancora oggi il primo in Italia; si pensi solo alla Tod’s dei Della Valle o alla Loriblu). Oltre alle scarpe, ceramiche artistiche, merletto al tombolo, oreficeria, lavorazione del legno e del ferro, pelletteria, oggetti musicali, lavorazione pipe, cappelli.

Terza nota che sottolinea il salto di qualità che quest’anno più che mai l’iniziativa (16-18 marzo) ha compiuto è stata la presenza di massime autorità politico-amministrative a livello regionale, provinciale e comunale, dal prefetto Emilia Zarrilli, al governatore della Regione Gianmario Spacca, al presidente della Provincia Fabrizio Cesetti. L’elenco sarebbe lungo. Non solo. Non era successo che tante personalità di richiamo intervenissero ai vari convegni organizzati da Serri. Abbiamo visto Andrea e Diego Della Valle, Philippe Daverio (nella foto sotto, secondo da destra), Giovanni Morandi direttore del “Resto del Carlino”, il giornalista di Rai1 Fabrizio Gatta, lo chef Fulvio Pierangelini, ma altri nomi noti ci saranno sfuggiti.

Da sinistra: Nella Brambatti, sindaco di Fermo, Angelo Serri, Philippe Daverio e Andrea Cerrato, assessore al Turismo di Asti

L’abilità di Angelo Serri è riuscita a portare a Fermo, nei giorni della manifestazione, il congresso dei giornalisti e degli albergatori marchigiani, per non parlare della vasta esposizione e degustazione di vini di cui la regione è ricchissima. Un insieme di prodotti in mostra, un programma intenso di incontri, un mercato di ogni bontà agroalimentare di cui questa terra è tanto ricca: il gioco è fatto per avere visitatori a ondate.

A noi interessava in particolare l’aspetto enogastronomico e non siamo stati traditi. Non abbiamo potuto degustare tutto, ma citiamo solo ristoranti e aziende che abbiamo potuto conoscere, senza dimenticare i “gemellaggi” gastronomici che Serri ama fare: presenti quest’anno, oltre alla solita Norvegia, la Svezia, il Collio Goriziano, la Sicilia, il Monferrato (protagonista di una cena curata Luigi Pero del ristorante “Mangia e Bevi”di Rocchetta Tanaro), sino alla festosa serata finale con protagonista lo “stoccafisso senza frontiere”, con l’impegno di cuochi italiani, croati e norvegesi.

Due ottimi ristoranti di pesce ho potuto provare e quindi consiglio tranquillamente: uno a Casabianca di Fermo, si chiama “Emilio”; l’altro all’interno, sulle “colline rotolanti marchigiane”, a Montecarotto, si chiama “Le Brusche”. Entrambi sono “stellati” Michelin. Quanto ai vini, l’azienda Moncaro di Montecarotto ha fatto assaggiare in più momenti i suoi gioielli, mentre una degustazione l’ha tenuta anche la Cantina Di Ruscio, che Mario Di Ruscio conduce con amore a Campofilone. In entrambi i casi pensiamo di essere d’accordo con l’enologo Alberto Mazzoni, principe degli enologi marchigiani, che sostiene come la regione debba puntare sempre più felicemente su vitigni autoctoni, primi fra tutti il Verdicchio, la Vernaccia di Serrapetrona, il Lacrima di Morro d’Alba, senza dimenticare Pecorino e Passerina, che qui danno ottimi risultati. Infine un accenno ad un moderno e vasto salumificio, il “5 ghiande” a Moresco (nella foto Graziella Ciriaci con i figli Paolo e Elisa), in Valdaso, la valle della frutta. Nel salumificio, la famiglia Scendoni produce diverse specialità tra cui il Cacciatore Igp e il Ciauscolo Dop.

Graziella Ciriaci con i figli Paolo e Elisa

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


tipicità marche territorio fermo forum

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®