Sofidel Papernet
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 14 agosto 2020 | aggiornato alle 01:11| 67215 articoli in archivio
Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
HOME     PROFESSIONI     PIZZAIOLI

Mancano 6mila pizzaioli qualificati?
Apes accusa Fipe di demagogia

Mancano 6mila pizzaioli qualificati?
Apes accusa Fipe di demagogia
Mancano 6mila pizzaioli qualificati? Apes accusa Fipe di demagogia
Pubblicato il 06 giugno 2013 | 18:51

Uno studio della Federazione italiana pubblici esercizi ha rilevato l’assenza di pizzaioli qualificati per un ammontare di circa 6mila posti di lavoro. L’Associazione pizzaioli e similari la definisce «una bufala»

Nelle pizzerie italiane c’è bisogno di circa 6mila pizzaioli qualificati, ma nonostante la crisi e la disoccupazione si fa fatica a trovarli. È quanto afferma un report del centro studi Fipe, la Federazione italiana pubblici esercizi aderente a Confcommercio-Imprese per l’Italia, presentato quest’anno al “Pizza World Show” presso la Fiera di Parma. A sviluppare una domanda di lavoro qualificato così alta nelle pizzerie, dove la forza lavoro complessiva arriva a 240mila occupati, è la produzione. Che siano destinate al servizio al tavolo o a quello da asporto, a sfornare pizze sono 25mila pizzerie e altrettante sono quelle che sfornano pizza al taglio, generando un fatturato aggregato di circa 9 miliardi di euro.

La difficoltà nel reperire personale esperto, sempre secondo Fipe, porta i gestori, almeno in un caso su 5, ad accontentarsi di reclutare personale non qualificato a cui erogare (nel 40% dei casi) formazione adeguata. L’80% del fabbisogno di pizzaioli specialisti riguarda le piccole imprese ed oltre un’assunzione su 2 tra quelle non stagionali è a tempo indeterminato.

Fra le curiosità maggiori che sono emerse dal report, dal punto di vista del consumatore, c’è sicuramente la scelta della pizza come alimento per la colazione (8%), mentre più scontato appare il 75% del campione che ne fa oggetto di cena. La pizza continua comunque a rappresentare un antidoto contro la crisi perché consente di consumare in compagnia un prodotto di qualità a buon prezzo. Secondo gli ultimi dati dell’osservatorio prezzi, infatti, un pasto in pizzeria, se l’ordinazione si limita a pizza e bibita, ha un costo compreso tra i 7 e gli 11 euro. Il profilo classico della pizzeria, intesa come locale, è di 126 metri quadrati, con 67 posti a sedere interni e 23 esterni, un’apertura media annua di 280 giorni, un volume d’affari di 260mila euro e 6,5 addetti.

«Pura demagogia, considerato che il settore ristorazione pizzeria ha avuto anch’esso una contrazione, anche se non preoccupante». A smorzare i toni forse un po’ allarmistici della Fipe è l’Apes (Associazione pizzaioli e similari), che spiega in una nota: «Titolari e gestori sono divenuti molto accorti nella gestione del personale e assumono, o impiegano, molto meno personale di qualche anno fa. [...] I dati delle pizzerie li possono conoscere solo le associazioni del settore che in questo campo operano da decenni, e se l’Apes vi dice che non è così richiesto il mestiere di pizzaiolo, e che i veri pizzaioli non si identificano con le catene di pizzerie in franchising, non è una bufala, come tante altre che nel settore circolano. [...] Secondo noi - conclude l’Apes - i 6mila posti saltano fuori solo se vengono licenziati i pizzaioli extracomunitari, facendo così posto ai nostri pizzaioli italiani. È da vedere poi come siano preparati e interessati ai tanti sacrifici che questo lavoro comporta: lavorare quando gli altri si divertono».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Fipe Apes pizzaiolo lavoro

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®