Rotari
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 29 marzo 2020 | aggiornato alle 05:18| 64423 articoli in archivio
HOME     TURISMO     TERRITORIO
di Pasquale Di Lena
Pasquale Di Lena
Pasquale Di Lena
di Pasquale Di Lena

La ricca enogastronomia del Molise
Regione piena di prodotti e di proposte

La ricca enogastronomia del Molise
Regione piena di prodotti e di proposte
La ricca enogastronomia del Molise Regione piena di prodotti e di proposte
Pubblicato il 14 luglio 2013 | 14:18

Quello italiano è uno stile di vita segnato fortemente dal territorio e dal cibo, che hanno reso la dieta mediterranea patrimonio dell’Umanità. In questo consiste la ricchezza della nostra cucina, soprattutto del Molise

C’è un filo che lega i territori che scorrono lungo l’Appennino e che, da una parte e dall’altra, scendono lo stivale per raggiungere i rispettivi mari di un mare ancora più grande che è il Mediterraneo, il nostro mare. Il filo è quello dell’olio, con i suoi olivi e i piatti di una cucina delle diversità grazie alla ricca biodiversità e alla storia, entrambe, queste ultime, espresse dai territori che racchiudono questo mare di antiche e moderne civiltà.

Uno stile di vita segnato fortemente dal territorio, che è storia di civiltà, tratturi, scontri, unioni; cultura, tradizioni, strette di mano, dialogo, ospitalità, amicizia, cura dell’arte e di quei paesaggi unici di olivo e vite, orto e pescato, boschi di latifoglie; rispetto delle stagioni e delle tradizioni e, come tale, ricco di tante minute variazioni dovute al luogo, alle mani e alla fantasia delle donne, al tipo di conservazione dei prodotti o dei piatti.

Cioè, un insieme, come recita la motivazione dell’Unesco del riconoscimento della dieta mediterranea quale patrimonio dell’Umanità, di competenze, conoscenze, pratiche e tradizioni che vanno dal paesaggio alla tavola passando attraverso i prodotti della terra e del mare” per finire, come dico io, nelle nostre mani o nei nostri piatti e diventare così cibo, alimento che, quando è sano, dà il piacere della salute.

Sta qui la ricchezza di una cucina, soprattutto nel Molise, fatta da diversità di prodotti e di proposte, per lo più espressioni di semplicità capaci di dare gusto alle emozioni di una tavola profumata, ricca di voci oltre che di colori, che riporta al convivio quale luogo d’incontro con gli altri e, come tale, centro e fonte di cultura.

Una cucina veloce, salvo che nei giorni di festa o da ricordare, quando i preparativi erano lunghi anche giorni o settimane. Una cucina, in pratica, che aveva tutti gli ingredienti a portata di mano. Grazie all’orto, all’allevamento di animali di bassa corte; al ristretto mare; ai piccoli, minuti centri abitati, immersi in una campagna che, per quanto riguarda il Molise, dona un verde particolare, unico, speciale.

Parlo del Molise e, salvo alcune eccezioni o variazioni sul tema, il riferimento è alle regioni del nostro meridione e al Mediterraneo, culla dell’olivo e dell’olio, delle verdure, della frutta, dei cereali, del pescato e degli animali che, prima ancora della carne, danno uova, pelli, lana.

Prendo come esempio di un’eccezione, il bergamotto, un agrume sfruttato soprattutto per le sue essenze, che occupa un’area tutta particolare della provincia di Reggio Calabria, o, anche, il pistacchio di Bronte in Sicilia, o, ancora, il Caciocavallo silano che appartiene a tutto l’Appennino meridionale.

Potrei continuare ma mi fermo per riflettere su una leguminosa, la fava, che, come l’olio, è tutta mediterranea. Un legume diffuso dalla notte dei tempi per la sua versatilità che, quando si unisce alle cicorie si presenta come piatto delizioso, simbolo del “mare nostrum”, sia preparato nel Molise, con le fave secche intere, che in Puglia, dove le fave diventano un purè.

Penso, certo, al brodetto o zuppa di pesce che varia da luogo a luogo e che, ovunque, delizia il palato, ma, anche, alle alici fritte, in tortiera o spinate e fatte cuocere su un letto di fette di patate o, anche, marinate.

Penso alla “Scapece” di Vasto, il “liquanem” di cui parla Apicio, che serviva a conservare la razza con l’aceto e lo zafferano in una tinozza di legno che animava e ancora anima le fiere che si svolgono dalle nostre parti; alla colatura delle alici a Cetara, borgo marinaro all’inizio della Costiera amalfitana, o alle alici ben preparate e conservate dalle donne di Pioppi, il piccolo borgo marinaro nel Comune di Pollica, patria eletta della Dieta Mediterranea, per aver ospitato il suo cantore, Ancel Keys, e la moglie Margaret.

E poi il forno con la pizza “de rarature” l’ultima a farsi e la prima a mangiare posta com’era davanti alla bocca del forno e, poi, le pizze (bianca all’olio o nelle ramere se di pomodoro) che servivano per stemperare il mattone che doveva accogliere l’impasto di farina, acqua e lievito, il pane, e, anche, per lasciare riposare e asciugare il pane ancora caldo per qualche giorno, prima di essere tagliato e mangiato.

Le pizze che, un tempo, lasciavano una scia di profumo lungo le strette vie dei paesi, con le donne e noi bambini che le portavano a mano dal forno a casa e tutto sembrava un ballo, una danza in onore più che della fame, del gusto.

Ecco i grani, le farine, le paste, quelle lunghe come le antiche lagane dei romani (laganelle per i molisani e tagliatelle per gli italiani), oppure corte (sagnetèlle) perché meglio si prestavano per piatti unici con verdure coltivate o spontanee, oppure con i legumi, in particolare fagioli e ceci.

Le stesse polente che con l’arrivo del mais, diventano gialle o pizze di granone sotto la coppa con le verdure (foie) che danno “pizz’é foie”, un piatto oggi ricercato.

Tornano nella mente il basilico e il prezzemolo sui balconi, le finestre o, anche, davanti alla porta delle piccole case dentro vasi improvvisati; il timo, la maggiorana, il mazzetto di origano selvatico, le trecce di aglio e cipolla, il profumo delle mele e dei meloni conservati per l’inverno.

E, poi, la festa, la grande festa con il concerto finale prima dei botti, la ciambotta o, come si dice dalle mie parti, ciabbotta, che mette insieme in un tegame, come su una decorata cassa armonica, musicisti particolari per profumi e sapori come la cipolla, l’aglio, le melanzane, i peperoni, le zucchine, le patate, il sedano e il basilico, cioè le bontà dell’orto magistralmente dirette dall’olio di oliva che, come si sa, è quieto per natura, o, meglio, ha nel silenzio la sua anima.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


dieta mediterranea Molise patrimonio dell'Umanità

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®