Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 04 aprile 2020 | aggiornato alle 17:16| 64620 articoli in archivio
Rotari
Rational
HOME     TURISMO     TERRITORIO
di Claudio Riolo
Claudio Riolo
Claudio Riolo
di Claudio Riolo

Sì alle giovani cooperative turistiche
Per sostenere il territorio e l'economia

Sì alle giovani cooperative turistiche
Per sostenere il territorio e l'economia
Sì alle giovani cooperative turistiche Per sostenere il territorio e l'economia
Pubblicato il 02 settembre 2013 | 09:44

Agricoltura e turismo vanno sostenute come due punte di diamante che favoriscono l'economia italiana. Al Governo si richiede di promuovere quelle associazioni giovanili che, pur nell'ombra, esaltano il nostro territorio

Percorrendo la strada costiera che collega Palermo a Messina si ammira in molti tratti un paesaggio incantevole. Baie, spiagge incontaminate, scogliere e promontori, antichi borghi; non mancano ferite causate dal cemento e dal cosiddetto progresso, ma ci si consola con il verde dei giardini, campagne, boschi che costeggiano la strada. Meraviglia osservare che per chilometri nessuno raccolga i fichi d’india, l’uva, i limoni; si può solo immaginare che la campagna sia stata abbandonata o che ce ne siano troppi o sia l’incuria a far dimenticare questa ricchezza.

È la stessa incuria che dimostra il Governo che abbandona l’agricoltura, l’unica e certa prospettiva economica dell’Italia; e i cittadini che comprano arance dalla Spagna e fragoloni dal Portogallo. Solo in Sicilia sono censite più di ottanta specialità orticole e frutti, tra Igp, Dop e tradizionali; in tutta Italia sono più di mille. Con carni, salumi, formaggi, conserve, marmellate e mieli, condimenti, il numero è enorme. Quante ne mettiamo in tavola ogni anno? Pochissime. Tralascio ogni discorso sulla varietà, qualità, gusto, salute, cucina che occuperebbe volumi.

Ma questi discorsi si scontrano contro opinioni del tipo: “è solo l’edilizia a mettere in moto l‘economia” oppure: “l’agricoltura non rende”. Nulla di più falso, visto che l’unica buona notizia viene proprio dall’agricoltura. L’Assoenologi, che rappresenta i tecnici del settore vinicolo, a fine agosto ha diffuso i primi dati ufficiali sulla vendemmia 2013 (www.assoenologi.it). Grazie a un andamento climatico favorevole alla vite, e se settembre e ottobre daranno sole e precipitazioni giuste, avremo un’ottima annata.

Si prevede una produzione vicina a 45 milioni di ettolitri, 8% in più rispetto all’anno scorso. I dati di previsione della produzione media regionale sono entusiasmanti. Quasi tutte le regioni si attestano al +5% (tranne il Fruli Venezia Giulia che segnala un -5%), ancor meglio il Trentino (+15%), Abruzzo (+20%), Campania (+15% ), Sicilia e Sardegna (+10%). Il presidente Riccardo Cotarella comunica anche che a fronte di una diminuzione continua dei consumi interni le nostre vendite all’estero crescono; calano i volumi ma cresce il valore, cioè guadagniamo di più con minor prodotto. Che dire? Per fortuna il vino ci ha abituati da tempo alle buone notizie.

Torno molto indietro nel tempo, alla primavera del 1986, quando il vino al metanolo (il velenoso alcool metilico) uccise una ventina di persone e ne rese cieche una decina. La reazione non si fece attendere e un mese dopo, alla Grande Fiera d’aprile, si radunarono vignaioli, enotecari e ristoratori, giornalisti e scrittori lanciando la scommessa per la rinascita. Vitigni autoctoni, corretta agricoltura, efficienti tecniche produttive, cultura del buon gusto e degustazioni, sommelier: un movimento enorme dalla vigna al bicchiere alla tavola portò il vino italiano ai primati che oggi conosciamo.

Chi ha vissuto quell’epopea continua a sperare che tutta l’agricoltura italiana possa trovare quello stesso slancio. Poiché scrivo su questa rivista che sa andare aldilà degli interessi di bottega... alimentare e promuove fattivamente cultura e arte, lancio una proposta chiedendo a tutti opinioni e suggerimenti. Autorevoli esperti affermano che il turismo di per sé non esista, non si crea dal nulla, non si raggiunge con qualche e-mail. Solo i distretti culturali che abbiano raggiunto benessere e soddisfazione degli abitanti possono attrarre viaggiatori e turisti.

Questo progetto è già scritto nel territorio che accomuna alle specialità della terra, ricchezze d’arte e storia. Un esempio scelto a caso: Leonforte (Enna) è terra di produzione della fava larga e persino di un riso squisito; si coltivava già fino all’arrivo dei piemontesi che, con l’unità d’Italia, eliminarono il concorrente. È un borgo ricco di storia, già principato dei Branciforti, ricco di monumenti storici, nel comprensorio affascinante tra Enna e Catania; la solita incuria ha deprezzato la ferrovia. Invito ciascuno di voi a chiudere gli occhi per ricordare una specialità o una ricetta e accomunarla all’arte del territorio. L’Amarone e Verona, il Verdicchio e i castelli di Jesi, la focaccia di Recco e la Riviera di Levante, il Chianti Classico, Montalcino…

Ecco la proposta: esistono migliaia di associazioni e cooperative giovanili che si dedicano alla promozione turistica del territorio con fatica improba e poco guadagno. A queste cooperative si aggiunga una porzione di territorio agricolo abbandonato o incolto o requisito che possa dare un reddito certo e aggiuntivo; governo centrale e locali favoriscano queste imprese. Questi giovani produrranno e saranno in contatto con operatori in Italia e all’estero; ciò favorirà anche il turismo.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo territorio agricoltura Governo giovani

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

29/02/2016 09:31:34
2)
Scrivo a nome di un' associazione di avvocati di Treviso che vorrebbe trascorrere quattro giorni in una localita` cultural-balneare. Penso che il gruppo escursionista possa contare su una decina di presenze. Gradirei una proposta chiavi in mano comprensiva di soggiorno, per il quale si chiede prima la pulizia. Quanto alla qualita` servizi dignita` media. Poi un programma che comprenda una giornata balneare (ma non necessariamente) e almeno una culturale. Quanto al cibo cerchiamo posti di particolare pregio qualitativo più che sontuosità. Vorremo scorci particolari e inusuali. Ringraziando sin d' ora invio i miei migliori saluti Paolo Bolla
Paolo Bolla
libera
-
07/04/2015 12:35:31
1) Sostegno per implementare
Riformatori (storico partito politico) in Sardegna Come rappresentante di questo partito pensiamo che l'attuale politica regionale e comunale a Cagliari abbia creduto poco in questa attivita' impedendo uno sviluppo insufficiente e frenando un indotto che possa offrire lavoro a giovani anche molto competenti. Il turismo dovrebbe rappresentare per la nostra Isola una fonte incredibile. Se siete interessati siamo disponibili ad ascoltare e sostenere sopratutto i nostri giovani isolani e non con un incontro con il sottosegretario on. Vargiu. Eventualmente potete ricontattarmi alla mail indicata. Grazie della attenzione e cordiali saluti
Piergiorgio Bolasco


ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®