Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 03 luglio 2022 | aggiornato alle 13:18 | 85910 articoli in archivio

Re Panettone 2013 incorona Sal De Riso Il suo dolce mandorlato incanta la giuria

La 6ª edizione di Re Panettone ha incoronato il pasticcere Sal De Riso, per aver creato il miglior dolce tipico milanese tra tutti quelli in gara. De Riso ha convinto la giuria di esperti con il suo eccelso mandorlato

di Clara Mennella
vicedirettore
 
02 dicembre 2013 | 14:43

Re Panettone 2013 incorona Sal De Riso Il suo dolce mandorlato incanta la giuria

La 6ª edizione di Re Panettone ha incoronato il pasticcere Sal De Riso, per aver creato il miglior dolce tipico milanese tra tutti quelli in gara. De Riso ha convinto la giuria di esperti con il suo eccelso mandorlato

di Clara Mennella
vicedirettore
02 dicembre 2013 | 14:43
 

Sal De RisoSi è svolta lo scorso fine settimana a Milano la 6ª edizione della manifestazione organizzata dall’associazione Amici del Panettone, presieduta da Sabrina Dallagiovanna e ideata dal giornalista e scrittore Stanislao Porzio. Quaranta i produttori, scelti fra i migliori d’Italia che hanno offerto in degustazione e venduto al pubblico i loro panettoni di pasticceria ad un prezzo eccezionale di 20 euro.

L’idea che ha mosso gli organizzatori di Re Panettone è stata quella di far sapere al pubblico più vasto possibile a quali vette di eccellenza può arrivare il panettone nelle migliori versioni fra quelle artigianali o semi-artigianali e, a questo proposito, è stato creato un disciplinare apposito, con regole più rigide di quello ufficiale per quanti vogliono proporre le loro produzioni.

La due giorni, oltre ad essere stata una vetrina di eccellenze, ha accolto anche altre attività collaterali; laboratori, incontri, degustazioni e il concorso per il miglior panettone 2013 che è stato vinto da Salvatore (Sal) De Riso (nella foto), maestro pasticcere campano di Salerno (nella foto) che ha convinto la giuria di esperti con il suo eccelso mandorlato.

De Riso produce dieci tipi diversi di panettone con prodotti Doc e Igp della Campania, ha inanellato premi e riconoscimenti ed è ambasciatore delle tipicità del suo territorio. Eletto pasticcere dell’anno 2010/2011, è scrittore e volto noto televisivo per le sue simpatiche partecipazioni alla “Prova del Cuoco”, in lizza come unico pasticcere anche nel sondaggio di Italia a Tavola (CLICCA QUI PER VOTARE), nel giro di pochi giorni ha già raccolto numerose preferenze.

All’interno dello Spazio A, ex Ansaldo sta per calare il sipario e incontro Stanislao Porzio: «Siamo molto soddisfatti di come il pubblico ha accolto anche quest’anno la manifestazione, le vendite sono aumentate e anche la presenza alle attività. Milano risponde con entusiasmo crescente a quello che è il nostro intento e cioè celebrare il dolce tipico milanese in casa propria. Siamo anche riusciti a far capire quanto sia importante per i pasticceri cimentarsi con il dolce lievitato a base di pasta-madre, un vero e proprio banco di prova».

Gli chiedo quali fossero state le novità più interessanti di questa edizione e Porzio risponde: «È piaciuto tantissimo il laboratorio per i bambini che hanno potuto mettere le “mani in pasta” e, in collaborazione con Civiltà del bere, abbiamo allestito un’enoteca con 37 vini dolci in degustazione e vendita, particolarmente indicati in abbinamento al Re Panettone».

Tra le presenze più significative, oltre a Sal De Riso, anche un altro campione, Paolo Sacchetti della pasticceria Nuovo Mondo di Prato, Pasticciere dell'anno 2012, il maestro Achille Zoia, Vincenzo Santoro della pasticceria Martesana di Milano, Andrea Busnelli figlio del mitico Teresio di Arluno (Mi), Mauro Morandin di Saint-Vincent, Luigi Biasetto di Padova, già campione del mondo di pasticceria, Claudio Gatti di Tabiano (Pr) e Alfonso Pepe di S. Egidio Monte Albino (Sa), Emanuele Lenti di Grottaglie (Ta).

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Algida Dolce Vita