Allegrini
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 03 luglio 2020 | aggiornato alle 11:41| 66529 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Rational
HOME     SALUTE     STILE DI VITA

Rifiuti: per il Cnr rischi solo da quelli tossici non smaltiti bene

 Rifiuti: per il Cnr rischi solo da quelli tossici non smaltiti bene
Rifiuti: per il Cnr rischi solo da quelli tossici non smaltiti bene
Pubblicato il 27 aprile 2008 | 00:00
Con un sistema efficiente di gestione dei rifiuti, «l'impatto negativo sulla salute, se presente, è contenuto, soprattutto se sono impiegate tecnologie di ultima generazione. Questo non esclude particolari situazioni di esposizioni a rifiuti tossici non correttamente o legalmente smaltiti, che possono colpire limitati gruppi di persone e che devono essere identificate e risolte nella loro specificità». Questa la conclusione di uno studio sull'impatto sanitario dei rifiuti nei Comuni delle province di Napoli e Caserta effettuato per conto del dipartimento della Protezione civile, di cui si è parlato oggi nel capoluogo campano in un workshop interistituzionale all'università Federico II, organizzato dal Commissariato  per l'emergenza rifiuti in Campania e dal ministero della Salute.

Secondo quanto riporta l'AdnKronos, alla fine del 2007 - si legge in una nota del Consiglio nazionale di ricerca (Cnr) - in Campania le strade sono state 'invase' da 250 mila tonnellate di rifiuti domestici, con una produzione regionale stimata in 7.200 tonnellate al giorno. E molti cittadini hanno lamentato, oltre che forte disagio, anche l'aumento di casi di tumori fra chi abita nelle zone più colpite dall'emergenza. Ma i risultati della ricerca assicurano che "le associazioni osservate suggeriscono che una combinazione di 'determinanti di salute', tra cui condizioni socio-economiche, stili di vita ed esposizione ambientale, spieghi gli eccessi di mortalità tumorale osservati". Gli esperti riuniti a Napoli hanno dunque fatto il punto della situazione sulle evidenze scientifiche che riguardano il 'link' fra rifiuti e pericoli per la salute, presentate da istituzioni nazionali, quali Istituto superiore della sanità e Consiglio nazionale di ricerca (Cnr), dalla Regione Campania e dall'Organizzazione mondiale della sanità Ufficio europeo.

«A prescindere dalla solidità delle evidenze - ha detto Donato Greco, direttore del Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ccm) del ministero della Salute - i cittadini non devono vivere in contatto con rifiuti abbandonati. Su questo né si discute, né si negozia. E' importante recuperare quella responsabilità individuale e collettiva, che è requisito indispensabile per l'identificazione di soluzioni efficaci ai problemi ambientali e di salute della popolazione campana». Gli esperti hanno dunque ribadito le priorità di intervento per arginare l'emergenza campana: potenziare il controllo e migliorare la gestione delle discariche e dei siti di stoccaggio temporaneo; rafforzare il ruolo dei sistemi sanitari nella gestione dei rifiuti attraverso una maggiore collaborazione con il settore ambientale; attuare una formazione adeguata degli operatori sanitari e una migliore sorveglianza delle malattie sia acute che croniche, dando inoltre un valido esempio nell'effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti nelle proprie strutture. Infine, fornire un'informazione semplice, trasparente e regolare alla cittadinanza sulla risposta all'emergenza, i dati sulle malattie, la gestione dei rifiuti, i rischi per la salute e le azioni efficaci da parte di ognuno per migliorare il ciclo della raccolta.

«I programmi di sorveglianza - dice Fabrizio Bianchi, epidemiologo dell'Istituto di Fisiologia clinica del Cnr, che ha partecipato ai lavori - debbono essere adeguatamente disegnati per poter cogliere in modo specifico le caratteristiche del territorio e identificare rapidamente l'insorgenza di problemi di salute, soprattutto in aree con inquinamento ambientale. Senza una progettazione mirata e l'attivazione di strumenti specifici di rilevazione ed analisi si rischia di non riuscire a mettere in evidenza cambiamenti di salute in relazione all'ambiente, cambiamenti ai quali sia la popolazione sia le autorità sono interessate. In Campania c'è una buona base informativa e di competenze su ambiente e salute che consentono di attivare sistemi di monitoraggio avanzati su cui il Cnr vanta esperienza consolidata».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®