Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 12 agosto 2020 | aggiornato alle 22:25| 67197 articoli in archivio
Allegrini
Molino Quaglia
HOME     EDITORIALI    
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Turismo: Italia troppo cara
o poco efficiente?

Turismo: Italia troppo cara 
o poco efficiente?
Turismo: Italia troppo cara o poco efficiente?
Pubblicato il 28 luglio 2014 | 10:37
Da tempo perdura la polemica, tutta italiana, sul fatto che il nostro turismo continua a perdere colpi. In troppi danno la colpa alle tariffe di hotel e ristoranti che, mediamente, sarebbero più care per mete analoghe nel resto d’Europa (senza mai spiegare bene di cosa si tratta). C’è chi, riferendosi al Mediterraneo, parla di costi più alti del 10% in media.

Ma davvero possiamo pensare che la colpa della costante caduta di competitività del nostro turismo sia dovuta solo alle tariffe dell’ospitalità? Davvero si può pensare che l’eventuale differenza fra il prezzo di una pizza o di una camera a Rimini o a Capri, rispetto alla Grecia o alla Spagna, sposti verso quei Paesi i flussi turistici? Vista la differenza del costo della vita fra nord e sud Italia (un aperitivo a Brindisi costa la metà che a Bergamo...), come si calcola la media di questi importi? E in verità a chi fa gioco dare la colpa ad albergatori o ristoratori (che pure spesso ne approfittano) se gli stranieri scelgono sempre più altre mete?

Se i nostri traghetti sono i più cari del Mediterraneo, non potrebbe essere una spiegazione del perché calano le presenze nelle isole (Sardegna in testa)? Se i nostri musei sono aperti a orari alterni o in balia di dipendenti che nemmeno sanno le lingue (come a Pompei), non è per questo che i turisti preferiscono il Louvre o la National Gallery? Se la camorra ci fa balzare alle cronache internazionali “anche” per la Terra dei fuochi, questo non dà ragione a chi preferisce la verde Irlanda o l’entroterra della Croazia?

Se non siamo capaci di tutelare e promuovere sul serio i nostri prodotti alimentari, non è che magari i turisti preferiscono consumare il finto Patanegra in Spagna piuttosto che nelle nostre sagre tarocche? Se non abbiamo una rete internet efficiente e negli alberghi fino a ieri bisognava registrarsi per utilizzare una connessione (a pagamento), non era una buona ragione per andare in altri Paesi? Se non abbiamo un sistema nazionale che fa promozione, ma ci affidiamo a scalcinate campagne delle Regioni l’una contro l’altra armata, non è un valido motivo per vedere i tour operator indirizzarsi verso altre località più facilmente spendibili?

L’elenco di domande retoriche potrebbe continuare all’infinito, ma rischieremmo di annoiare soltanto. La verità è che, al di là delle responsabilità degli operatori (che sono comunque tante), serve un salto di qualità nelle iniziative dello Stato, a partire dall’attivazione di sinergie vere per creare servizi efficienti e meno costosi, nonché una drastica riduzione del numero delle imprese in attività, troppo piccole e frazionate. Non possiamo più permetterci di avere il più alto numero di albergatori al mondo... Solo dopo avere sistemato queste cose ci potremo occupare se davvero il costo di un caffè in piazza san Marco o di una camera con vista sulle Dolomiti possono essere fuori mercato.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo economia estero impresa albergo hotel ristorante

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

30/07/2014 12:44:29
1) Mucca da mungere
Il turismo è un prodotto come tanti altri e come tutti gli altri deve essere, per essere venduto bene, di qualità e con un rapporto diretto con il prezzo. In Italia purtroppo tutti i servizi mostrano, mediamente, carenze, inefficienze, alti ed ingiustificati costi. Questo non vuol dire che non abbiamo esempi, e più d'uno, di eccellenze, ma è noto che fa più presa, nei potenziali clienti, e nelle fasce medie del mercato, l'esempio negativo. Il turismo poi non viene supportato con intelligenza e professionalità, dalle nostre istituzioni e da leggi adeguate. Come molte cose in questo Paese vengono considerate come mucche da mungere per interessi personali e poi ...macellare la mucca.
Cirino Carroccio
Ingegnere
Professionisti Sviluppo realizzazione progetti

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

TUTTI GLI EDITORIALI


Loading...


Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®