Sofidel Papernet
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 02 luglio 2020 | aggiornato alle 18:37| 66524 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Rational
HOME     TURISMO     TENDENZE e SERVIZI
di Matteo Scibilia
Responsabile scientifico
Matteo Scibilia
Matteo Scibilia
di Matteo Scibilia

Costo eccessivo del turismo in Italia
Imprese schiacciate da tasse e Equitalia

Costo eccessivo del turismo in Italia 
Imprese schiacciate da tasse e Equitalia
Costo eccessivo del turismo in Italia Imprese schiacciate da tasse e Equitalia
Primo Piano del 06 settembre 2014 | 13:24

Il turismo in Italia è molto caro, sicuramente più degli altri Paesi europei. Le nostre eccellenze sono sempre più preda di acquisizioni straniere. Le piccole-medie aziende sono in sofferenza. E il nostro Governo dov’è? Spesso ci si dimentica che l’Italia è il Paese più tassato e con i servizi più cari d’Europa

Prendo spunto dall’editoriale “Italia troppo cara o poco efficiente?”, ma il dibattito è da tempo sulle pagine dei quotidiani, da quando anche la Coldiretti e numerosi osservatori hanno denunciato il problema: il turismo in Italia è molto caro, sicuramente più degli altri Paesi europei o in ogni caso dei nostri competitor. È vero?

Da queste pagine abbiamo - e non da poco tempo - sempre sottolineato ed osservato le carenze strutturali del nostro sistema turistico, ciò non toglie che sosteniamo secondo la nostra mission tutta la filiera, dalle pizzerie ai bar, dai grandi alberghi ai ristoranti, denunciando anche le malefatte di imprenditori poco corretti e soprattutto dediti alla sofisticazione alimentare.

Ma perché in tanti continuano a denunciare il costo dei nostri servizi di ospitalità e del nostro turismo? Sembra quasi che ci si dimentichi che siamo in Italia, e non credo anche alla tesi della poca efficienza. Il nostro sistema industriale e produttivo sta scomparendo, le nostre eccellenze sono sempre più preda di acquisizioni straniere, le nostre piccole e medie aziende sono in grande sofferenza. Ed un sistema politico inefficiente e prodigo di promesse (in gran parte non realizzate) lascia intendere all’opinione pubblica che l’evasione fiscale sia uno dei grandi problemi del nostro Paese, soprattutto del commercio, sciorinando cifre spaventose dei crediti per esempio di Equitalia e dimenticando di sottolineare che gran parte dei circa 500 miliardi di euro denunciati non sono frutto di una vera evasione fiscale, ma di interessi e oneri vari che la politica ha permesso a Equitalia di moltiplicare e di mettere a bilancio. Questa sì che è una bolla che prima o poi rischia di far saltare il nostro Paese: forse ci vorrebbe una vera amnistia fiscale.



Tornado ai problemi dei costi del turismo, in tanti poi si dimenticano che l’Italia è il Paese più tassato e con i servizi più cari d’Europa. Basti pensare al costo energetico: abbiamo l’energia più cara di tutti, il doppio che in Francia e Spagna, il triplo degli Usa. Chi ha poi l’immobile di proprietà è ormai rassegnato anche a sopportare un continuo stillicidio di tassazione. Ma la ciliegina su tutto è il costo del personale. Ci si meraviglia del lavoro nero, ma chi ha un’attività in proprio sa che è sempre più difficile, come si suol dire, “starci dentro”. Facciamo un’analisi del costo del personale nei pubblici esercizi...

Ma prima ci sarebbe da segnalare alcune anomalie del nostro sistema, per esempio in pochi sanno o capiscono che in Italia le aziende sono sostituto d’imposta, cioè le aziende si sostituiscono ai propri dipendenti e pagano le tasse e tutti gli oneri fiscali allo Stato e al Fisco in loro sostituzione. Questo si traduce in una incomprensibile non trasparenza. I dipendenti hanno uno stipendio netto, ma al lordo l’impresa paga i contributi e le tasse, tutto ciò creando un costo alle stesse imprese che in molti Paesi occidentali non esiste e, per essere ancora più chiari, in assenza di un costo di commercialista: per esempio in Francia, appunto, le aziende non sono sostituto d’imposta.

Senza contare costi e tasse occulte che giustamente il turista non è tenuto a conoscere: Siae, Rai, pubblicità esterne, occupazione suolo pubblico, spazzatura... Non solo, in Francia l’Iva della ristorazione è più bassa che da noi, quindi hanno costi molto diversi. Aggiungiamoci poi anche i costi energetici... A tal riguardo proprio per questo ci sarebbe da far notare che tecnologie tipo la cucina a induzione, che migliora notevolmente le cotture, mentre in Francia sono consolidate, da noi fanno fatica a diffondersi proprio per il costo elevato dell’energia elettrica.

Periodo di ferie e di vacanze. Tanti amici tornano dagli Stati Uniti, e tutti a raccontare di come lì si mangi a tutte le ore e il personale di sala sia cortese e premuroso. Certo, ma lì, negli States, il personale non costa nulla, stipendi base di 200-300 dollari e poi la famosa mancia, che in realtà è il loro vero stipendio, senza tredicesime, quattordicesime, Tfr, ferie, festività, ecc. Ho preso in esame due esempi, la Francia, molto simile a noi, e gli Stati Uniti, molto diversi da noi.



E da noi? Costi energetici doppi se non tripli, costo del personale il più alto del mondo... Studi della Fipe affermano che, tenuto conto di tutti i costi diretti e indiretti, in Italia il nostro personale arriva a 16 mensilità. Raffrontato al mondo anglosassone è una cosa veramente dell’altro mondo. Non solo: formazione professionale solo in alcuni casi eccellenti, stage boicottati dai sindacati nel timore di uno sfruttamento del lavoro, apprendistato complicato e difficile da applicare, norme sempre più complesse e burocratiche del lavoro. E neanche le ultime leggi sul lavoro giovanile del governo Renzi hanno modificato la situazione. Qualcuno prova a chiedersi perché?

I nostri imprenditori sono degli eroi, certo poi un gelato o un caffè a Venezia, Roma, Firenze o Capri, cioè nelle piazze più belle del mondo, rischiano di costare un’enormità rispetto ad altre location, ma tant’è che in assenza di una vera politica turistica non andremo lontani. Non ultimo in presenza di anomalie tipo gli alberghi che usufruiscono di tante agevolazioni, gli agriturismi più o meno fasulli, e gli agricoltori che fanno somministrazione. Nuove generazioni di imprenditori sono assenti e il mercato pian piano sta per essere assorbito da catene più o meno in franchising, anche straniere, che utilizzano personale interinale e che soppianteranno la nostra tradizione gastronomica. E tutto questo nel silenzio anche delle associazioni di categoria, che pur dovendo spesso difendersi da accuse di evasione fiscale o altro, però poco fanno per una seria proposta di politica turistica.

Il costo del turismo in Italia è tra i più alti del mondo perché l’Italia è il Paese più caro del mondo.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


turismo tasse equitalia governo crisi economica ristorazione

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

16/09/2014 10:02:50
1) E lo dite a me?
Quest'anno la mia famiglia è 60 anni che fa ristorazione ,con grande passione,grande sacrificio,ma soprattutto con la voglia di continuare dato che mio figlio e sua moglie lavorano con noi. Un mese fa siamo diventati nonni, scherzando avevo detto a mia nuora di partorire di lunedì dato che è il nostro turno di chiusura ,così potevamo starli più vicini e avere la gioia di vedere il nipotino appena nato. Così è andata nato di lunedì , potete immaginare quanto sono stati belli questi momenti che abbiamo potuto condividere . Questo per dire ,che chi fa il nostro,lavoro tutto è negato , feste , compleanni ,Natale , Pasqua ,insomma quando gli altri fanno festa noi lavoriamo.Lo sapevamo e non ci lamentiamo ,è una nostra scelta. Ora la pressione fiscale , i costi,sono,al limite del fallimento,noi ci salviamo perché ,il locale è nostro ( sacrificio di due generazioni ) non paghiamo affitto ,siamo,tutti in famiglia con figli e nuora. Ogni tanto mi chiedo come fanno certi ad andare avanti con l'affitto e il personale da pagare. Ciò nonostante nonostante tutto non ci scoraggia , anche perché cosa potremmo fare , altrimenti ? Quello che non riesco a capire il perché tutto,quello,è stato scritto sopra tutti,lo sanno , e che quello che anch'io ho raccontato non servirà a niente , perché domani mia moglie e io alle otto saremo già al lavoro e se ci va bene lavoreremo 12 o 14 ore come ogni giorno . A molti miei clienti dico " volete fare i soldi e lavorare poco ? Aprite anche voi un ristorante è fate i soldi come me "
Marco Grassi
Esercente
Trattoria da Mario

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Orobica Pesca
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®