Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 10 dicembre 2019 | aggiornato alle 01:36| 62477 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Rotari
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO

Aranciate, +20% di succo nelle bibite
Ma il provvedimento si realizzerà?

Aranciate, +20% di succo nelle bibite 
Ma il provvedimento si realizzerà?
Aranciate, +20% di succo nelle bibite Ma il provvedimento si realizzerà?
Pubblicato il 12 novembre 2014 | 11:19

Il Parlamento italiano ha approvato l'articolo 17 della legge comunitaria, che prevede l’innalzamento al 20% di succo nelle bibite a base d’arancia, ma il testo deve ancora essere notificato dalla Commissione europea

L’articolo 17 della legge comunitaria, approvato dal Parlamento lo scorso ottobre, che prevede l’innalzamento al 20% di succo nelle bibite a base d’arancia o altra frutta, difficilmente entrerà in vigore. È quanto afferma Il Fatto Alimentare nel sostenere che si tratta ancora di un testo al vaglio dell’Unione europea. Il provvedimento verrà attuato solo dopo la conferma della Commissione europea, e in tal caso entrerà in vigore solo dopo maggio 2016.

Italia a Tavola punta ancora i riflettori su una vicenda che da anni sta interessando il settore delle bevande a base di frutta, e che merita di essere sostenuta in nome della qualità dell'agroalimentare Made in Italy.



Il Fatto Alimentare aggiunge che, come si può verificare sul sito ufficiale, il periodo di standstill della norma (intervallo in cui la legge rimane sospesa al vaglio della Commissione e dei 28 Stati Membri) è stato prorogato al 1° maggio 2015. Dopo questa data, la proposta di legge concede 12 mesi dal perfezionamento di tale procedura per l’applicazione della norma.

Nel frattempo, non si sono fatte attendere le reazioni degli Stati membri che hanno inviato commenti o relazioni sulla vicenda. L’incremento della percentuale di succo nelle bibite a base d’arancia riguarderebbe infatti solo i produttori nazionali, ma si tratta comunque di una norma pur sempre discriminatoria che metterà i produttori italiani in una condizione di svantaggio competitivo: negli altri Paesi le stesse bevande continueranno ad essere prodotte con il 12% di succo e anche meno.

Inoltre, sempre rifacendoci alle parole de Il Fatto Alimentare, un elemento importante da considerare è che per i progetti di legge nazionali potenzialmente in conflitto con il diritto Ue i tempi burocratici si allungano, ed è quello che sta avvenendo, dato anche che 6 Stati europei hanno avanzato commenti e quattro (Repubblica Ceca, Irlanda, Olanda e Polonia) hanno presentato una relazione circostanziata sulla proposta.

Per questi motivi non è il caso di cantare vittoria prima del tempo, la pratica è molto delicata e ancora in fase di perfezionamento; ai produttori italiani non resta che attendere per conoscere l'esito di questa condizione incerta.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


aranciata bibita Unione europea

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).