Rotari
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 09 aprile 2020 | aggiornato alle 18:06| 64762 articoli in archivio
HOME     VINO     TENDENZE e MERCATO

Usa, stop alle importazioni del Nobile di Montepulciano e del francese Saint-Emilion

Usa, stop alle importazioni del Nobile di Montepulciano e del francese Saint-Emilion
Usa, stop alle importazioni del Nobile di Montepulciano e del francese Saint-Emilion
Pubblicato il 26 agosto 2008 | 00:00

L'agenzia federale americana Attb (Alcohol and tabacco tax and trade bureau) ha deciso di bloccare le importazioni negli Stati Uniti del Nobile di Montepulciano e del francese Saint-Emilion. Le motivazioni del provvedimento, per quanto riguarda il rosso toscano, le ha spiegate il ministro delle Politiche agricole, Luca Zaia: «è un po' la stessa vicenda del Brunello, gli americani hanno espresso dubbi sul pieno rispetto del disciplinare di produzione e hanno fatto scattare il blocco. Bisogna sottolineare che Washington non ne fa un caso di sicurezza alimentare e ci ha informati che il provvedimento riguarda solo una zona circoscritta dell'area da cui viene il Nobile di Montepulciano. Ribadiamo che la qualità del vino è ottima, ma se qualcuno ha sbagliato pagherà, senza che questo, però, metta a repentaglio il lavoro di quei produttori onesti che rispettano le regole».

 Nella rete dei controlli è incappato anche il Saint-Emilion, nome blasonatissimo dell'enologia francese. Il presidente di Federvini, Lamberto Vallarino Gancia (nella foto a destra), ha dichiarato: «Per il Nobile di Montepulciano si può ipotizzare l'uso di quantità d'uve diverse da quelle indicate dal disciplinare, ma per il Saint-Emilion la cosa è più complessa, data la l ogica dei cru. Forse, in entrambi i casi si potrebbe pensare ad uve provenienti da fuori zona, ma bisognerà avere il testo del provvedimento deciso dagli Usa per conoscerla con certezza. Intanto questo episodio sottolinea la necessità di insistere per arrivare a un accordo più completo di quello raggiunto nel 2006 tra Stati Uniti ed Europa sul commercio vinicolo e la denominazione».

Nel 2007 il Vino Nobile di Montepulciano ha superato per la prima volta gli 8 milioni di bottiglie, registrando un +36,4% rispetto all'anno precedente (pari a circa 860.000 bottiglie) e il 60% della produzione è destinata all'export.
I vigneti del Nobile devono essere situati nel Comune di Montepulciano. I vitigni che producono questo vino sono Prugnolo Gentile, selezione del Sangiovese Grosso (minimo 70%), Canaiolo Nero (massimo del 20%) e, sempre fino al 20%, i vitigni autorizzati per la provincia di Siena.
La zona a denominazione Saint-Emilion produce solo vini rossi possenti, con un profumo di tartufi e un colore granato scuro, che sopportano in modo egregio l'invecchiamento. Sono stati ufficialmente classificati nel 1954 per decreto sottoposto a revisione decennale. Esistono solo due Premier grand crus 'A”: Chateaux Ausone e Chateaux Cheval Blanc, altri 9 Premier grand crus sono classificati come 'B”, a questi seguono 39 Grand cru classes.

Marino Fioramonti

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®