Sofidel Papernet
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 04 luglio 2020 | aggiornato alle 23:09| 66553 articoli in archivio
HOME     EDITORIALI    
di Alberto Lupini
direttore
Alberto Lupini
Alberto Lupini
di Alberto Lupini

Tutti in trincea per Alitalia. Ma al turismo e all’enogastronomia chi ci pensa?

Tutti in trincea per Alitalia. Ma al turismo e all’enogastronomia chi ci pensa?
Tutti in trincea per Alitalia. Ma al turismo e all’enogastronomia chi ci pensa?
Pubblicato il 16 settembre 2008 | 00:00
è fallita la Lehman e la bancarotta della superbanca Usa (la più grande della storia) ha messo in ginocchio le Borse di tutto il mondo. Se non si è trattato di un blitz, poco ci mancava, perché solo pochi addetti ai lavori erano a conoscenza del reale dissesto della società. Anche se è troppo presto per valutare gli effettivi danni di questo sconquasso che non ha precedenti, i mercati sembrano avere resistito. Persino in Italia, dove per fortuna i derivati dai mutui immobiliari Usa non hanno avuto molta circolazione. Da noi, peraltro, un dissesto di ben più modeste dimensioni sembra avere, secondo le classiche sceneggiate italiane, il valore di un'ultima spiaggia per la politica, la finanza, l'economia, il sindacato e quant'altro si può mettere sulla nostra scassatissima barca nazionale. Anzi, su un nostro malridotto aereo, visto che tutte le sorti del Paese da settimane sembrano dipendere dal futuro di Alitalia, a un tempo frutto degenere di una sciagurata gestione che ha sommato tutti i vizi del Bel Paese, nonché forca caudina da cui tutti i soggetti interessati dovrebbero passare per dimostrare che ora si volta davvero pagina.

Sarà perché di Alitalia abbiamo da sempre una pessima idea e anche recentemente ne abbiamo auspicato (come la maggioranza degli italiani) un fallimento per poter ripartire da zero. Fatto sta che pur condividendo l'importanza di avere una compagnia aerea nazionale (come immagine per il Made in Italy e il turismo), non possiamo accettare che si continui con liturgie già viste e di cui faremmo oggi volentieri a meno. Secondo un copione da Prima Repubblica, abbiamo visto ministri giurare che entro quella sera si sarebbe chiusa la vicenda con un accordo o con la messa in liquidazione, salvo poi spostare di giorni e settimane la data del loro orologio.
E tutto per le comprensibili (ma ingiustificabili) proteste di corporazioni e finti sindacati, preoccupati solo di perpetuare nel tempo poteri e agevolazioni offensivi del buon senso e inapplicati in tutte le altre compagnie aeree del mondo. Dove si vede, se non in Alitalia, che sono i piloti a scegliere le linee aeree più adatte o a scegliere gli assistenti di volo?
Ma non è certo solo colpa dei dipendenti, che rischiano il posto di lavoro e ai quali va la nostra solidarietà (ma come per tutti i dipendenti delle aziende in crisi, senza un briciolo in più di simpatia). Al di là di come finirà la vicenda (probabilmente con un accordo in extremis visto che il presidente del Consiglio ci si è speso in prima persona e non può perderci la faccia), diciamo che non ci piace lo spettacolo di questo teatrino politico-sindacale con tanto di comparse dei soliti imprenditori contigui al mondo della politica e già avvezzi a salvataggi che non hanno portato a buon fine (da Tronchetti Provera a Colaninno).

I problemi del Paese sono legati all'urgenza di ridare fiducia alle imprese, dimostrando che davvero si chiude l'era della confusione dei ruoli e della mancanza di responsabilità. Ci sono grandi emergenze davanti a tutti e ci piacerebbe che su queste Berlusconi prendesse posizione. Per restare solo su quelle che più ci interessano ricordiamo il dilagare delle truffe in campo alimentare (dove il ministro Zaia sembra a volte combattere una battaglia solitaria), o la mancanza di una nuova e risolutiva politica per rilanciare il turismo, dove la Cultura e l'ambiente si sposino finalmente con l'ospitalità e la ristorazione. Serve un grande riscatto che ridia dignità e forza alla nostra enogastronomia e la nostra Cucina, anche attraverso il riconoscimento di un valore culturale (attendiamo dal ministro Bondi una risposta agli impegni annunciati…), che ne attesti il valore simbolico per l'italian style e il Made in Italy, almeno come avviene per la moda. Se questo avverrà a breve avrà un senso anche il salvataggio di Alitalia a spese dei contribuenti. Altrimenti meglio un fallimento e una nuova società costruita da zero.

Alberto Lupini
alberto.lupini@italiaatavola.net

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

TUTTI GLI EDITORIALI


Loading...


Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®